(Rising Records)Pleasure Slaves - The Last of the Giants

Copertina True Metal Will Never Die!
E chi siamo noi per dar torto ai Pleasure Slaves? Ma nessuno! Siamo solo degli scribacchini al soldo del Dio Metallo e della sua sposa, la rinomata Gloria. Una cosa però possiamo farla: recensire il loro debutto discografico "The Last of the Giants". Avranno tenuto fede al "loro" motto? Vediamo..

Parto col dire che citare le influenze dei Pleasure Slaves sarebbe un insulto. Ma dato che Metal.it è seguito con piacere anche da masse di ignoranti, per loro e solo per loro ho il piacere di comunicarvi che i 5 ragazzi italiani si ispirano pressoché totalmente ai leggendari Manowar, sia dal punto di vista musicale sia per le tematiche trattate nei loro testi e nei titoli delle varie canzoni, senza dimenticare che il loro stesso moniker è preso da una traccia "minore" di quel seminale capolavoro che fu "Kings of Metal", "Pleasure Slave" appunto.
E i 5 giovanissimi bergamaschi (le loro carte d'identità vanno dal 1988 del vocalist e mastermind Simone "SK" Grigolo al 1993 del bassista Alessandro Villa, passando per i due classe '91 Roberto Ira e Simone Bianchi e per il 1992 di Oscar Giavazzi) ce la mettono davvero tutta per ricalcare in maniera più o meno personale il cammino dei loro idoli, proponendoci una decina di canzoni tutte più o meno sulla stessa falsariga (fatta eccezione per il coraggioso assolo di basso in "The Truest of the True"), ovvero un Epic Metal pomposo e "cavalcante", con numerosi inserti di tastiera che richiamano i più nostrani Rhapsody, scegliete voi quali.
Le canzoni sono davvero tutte di buona fattura, in particolare ho gradito l'azzardo e il coraggio nella conclusiva "The True Way" di cantare qualche strofa in italiano, anche se complessivamente manca quella potenza sonora a cui i Manowar ci hanno abituato nel corso degli anni: il suono infatti sembra in più di un'occasione "vuoto", come se mancasse qualcosa di indefinito che non riempie adeguatamente le canzoni. Difetto imputabile ai Suonovivo Studios o a un songwriting ancora da svezzare? Solo il tempo potrà darci una risposta.

Intanto godiamoci questo buon debutto di una giovane formazione che saprà sicuramente migliorare e regalarci un secondo album di tutto rispetto, o quantomeno questa è la speranza. D'altronde le qualità ci sono, la voglia di mantenere vivo il fuoco del True Metal anche, quindi cari Pleasure Slaves vi attendiamo al varco con la vostra nuova fatica. Non deludeteci!

Quoth the Raven, Nevermore..

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Epic / Folk Metal
Anno di uscita: 2012
Durata: 51 min.
Tracklist:

  1. TRUE METAL WILL NEVER DIE
  2. BALLAD
  3. HERO
  4. LIONHEART
  5. THE TRUEST OF THE TRUE
  6. THE LAST OF THE GIANTS
  7. THE POWER OF THE KNIGHTS
  8. THE SONG OF THE SEVEN
  9. RED DRAGON
  10. THE TRUE WAY

Line up:

  • Alessandro Villa: bass
  • Oscar Giavazzi: guitars
  • Simone Bianchi: guitars
  • Simone SK Grigolo: voice
  • Roberto Ira: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Andrea Gandy Perlini
In vendita su EMP
Copertina
24.99 € / DVD & 2-CD (DigiBook, Ed. Limitata)
Copertina
5.99 € / 5"-SINGLE
Copertina
18.99 € / 2-CD
Copertina
17.99 € / 2-CD
Dello stesso genere
Copertina Adramelch
Broken History
(Underground Symphony / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Hammerwitch Past
Return to Salem
(DTA / 1988)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Domine
Stormbringer Ruler
(Dragonheart / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Doomsword
My Name Will Live On
(Dragonheart / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading