Copertina 8

Info

Anno di uscita:2020
Durata:37 min.
Etichetta:Independent

Tracklist

  1. IN DECEPTION
  2. OF RAVEN AND PIGS
  3. WAYWARDLY BROKEN
  4. NO REWIND
  5. THE MANSION
  6. BY THE BLUES
  7. ANYBODY OUT THERE
  8. SHE DRAGOON
  9. FEATHER MOVES

Line up

  • Tore Østby: guitars
  • Ingar Amlien: bass
  • Arve Heimdal: drums
  • Roy Khan: vocals

Voto medio utenti

In un mondo utopico la reunion dei norvegesi Conception sarebbe stata la notizia dell'anno, invece quanto accaduto due anni fa è passato praticamente sotto silenzio, e non è bastata la pubblicazione di un'ottima anteprima come l'ep "My Dark Symphony" del 2018 a sollevare un benchè minimo interesse delle folle, ormai completamente prese dall'ultimo pupazzetto dei Ghost o dall'ennesima trovata di marketing di Nergal.

Mi dispiace cari Conception, ma da quel controverso ma comunque interessante "Flow" del 1997 che vi ha poi disintegrato con il passaggio di Khan nei più facili Kamelot, è passata fin troppa acqua sotto i ponti e quello che avete lasciato al tempo ahimè oggi non lo ritrovate: una scena metal completamente stravolta e pressochè disinteressata al "core", ovvero la musica suonata e null'altro.

Testimone ne è il fatto che il disco del ritorno, dopo 23 anni di silenzio, una cosa che un tempo sarebbe stata celebrata non solo con tutti gli onori ma anche con un'incredibile hype da parte di addetti ai lavori, uffici stampa ed ovviamente pubblico, oggi passa del tutto inosservata, tanto che "State of Deception" non ha trovato lo straccio di una label seriamente interessata ed esce in maniera autoprodotta ed indipendente: un fatto a dir poco deprimente, nel mare magnum di tanta plasticosità ed indecenza propinata quotidianamente dalle etichette metal più quotate e con budget milionari.

Un peccato mortale già concettuale, che si accresce ulteriormente a fronte del valore di questo ritorno: spazziamo via ogni equivoco od incertezza, il nuovo disco dei Conception è "quasi" un capolavoro. Ci mettiamo la sospensiva per far trascorrere il giusto tempo di maturazione prima di giungere ad un giudizio così tranchant ma non sussiste alcun dubbio nell'affermare che nulla è andato perso in questi anni di pausa e che possiamo nuovamente ascoltare la band di Tore Østby alle prese con musica sublime, profonda, adulta, ammaliante, ben prodotta, suonata divinamente. Un paragone con quei capolavori (qui sì che possiamo essere sicuri di non abusare dei termini) di "Parallel Minds" e soprattutto di "In Your Multitude" non è il caso di tirarlo in ballo, ma non c'è bisogno di una sfida a tutti i costi con un passato così remoto per perdersi nelle atmosfere e nella classe di brani eleganti e suadenti come "The Mansion" (mi hanno costretto ad apprezzare un brano con Elize Ryd come ospite alla voce, maledetti voi!), nell'acido incedere di un brano cattivo come l'opener "Of Raven and Pigs", che appare quasi come una dichiarazione di guerra dei Conception, acclamati dalle folle (virtuali), della serie "siamo tornati dal passato a farvi sentire come si suona del vero progressive metal".

La formazione è quella di sempre, quella dei tempi d'oro, ed anche Roy Khan perlomeno da studio non ha perso un'oncia del proprio fascino, ancora totalmente più a suo agio in atmosfere oniriche che in ambiti più terremotanti ed epici come quelli pur apprezzabilissimi dei Kamelot più spinti, sempre intenso ed emozionante nelle drammatiche "Waywardly Broken" e "She Dragoon", così come toccante in "Anybody Out There", uno degli apici di un disco comunque molto asciutto, che non arriva a 40 minuti di durata, ma davvero carico e sgargiante in cui trova anche posto in chiusura la pietra dello scandalo, ovvero quella "Feather Moves" che concludeva il singolo del ritorno "Re:Conception" del 2018 ma che non aveva trovato posto nell'EP successivo.

La ritroviamo qui, a chiudere il quinto full length dei Conception, e tutto sommato è giusto così, in un lavoro che sarà ignorato o quantomeno fagocitato dal tritacarne mediatico in cui ci siamo autoconfinati in questi anni di consumismo musicale sfrenato. Chissà che questa quarantena obbligata, con tutti i suoi lati negativi, ci regali anche del tempo per poter riassaporare le meraviglie della vita come facevamo una volta.
Insieme ai Conception, vecchi e nuovi.

Recensione a cura di Gianluca 'Graz' Grazioli
Conception

Da sempre interessato e seguace di questa gran band come dice giustamente il Graz. Stavolta, rispetto al precedente stupendo lavoro, li trovo un pò troppo sperimentali e meno riffosi. Quasi troppo predicanti. E loro sanno fare grande musica non risolute prediche. Sbaglio?

Gradito Ritorno!!!

Ad un primo ascolto, devo dire che mi sembra davvero di un gran bell'album, che mi ha riportato indietro di almeno 20 anni perché, come scritto nella recensione, il fascino di questa band e il suo sublime gusto musicale, non sono venuti meno in questo lasso temporale! C'è bisogno di gruppi cosi....Bentornati Conception!

li lovvo <3

L'album è bello, al pari dell'ep! non come i precedenti ma...ogni loro opera deve essere onorata con acquisto! Bravo Graz! album uscito oggi, ascoltato 3 volte a lavoro. al primo giro mi sono commosso nel sentire 'Feather Moves' (non sto esagerando - è un periodaccio - occhi umidi malgrado l'abbia sentita un centinaio di volte dall'anno scorso!), con la certezza che potrò "possederla fisicamente" all'arrivo del cd.

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 15 apr 2020 alle 01:35

cavolo i Conception hanno fatto pure il miracolo di far tornare i commenti sul sito :D

Inserito il 13 apr 2020 alle 17:16

Sto leggendo di "lamentele" (benevole) sulla durata del disco...sarà che sono troppo old school ma ben vengano dischi come questi di 40 minuti che lasciano il segno! Ok altro genere, ma Iron Maiden, Killers e The Number of the Beast durano meno di 40 minuti...e non credo che qualcuno abbia avuto da lamentarsi ;) Concordo, assolutamente. Per allungare il brodo tanti album altrimenti eccellenti sono stati rovinati in passato. Conception acquisto sicuro.

Inserito il 13 apr 2020 alle 17:14

l'ep mi aveva lasciato del tutto indifferente, ma qui siamo ad un grandissimo album, con Roy in pieno stato di grazia in quanto ad inventiva.

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.