(Pure Steel Records)Destructor - Decibel Casualties

Copertina Il gruppo di Cleveland è una vecchia conoscenza del panorama metal made in Usa, essendo attivi dal lontano 1983, anno in cui nella lontana Europa nasceva la NWOBHM.e le similitudini con questo filone musicale sono nettissime.
Se ascoltate uno qualsiasi degli 8 pezzi che compongono l'ultimo "Decibel Casualties" vi sembrerà di avere di fronte un lavoro dei Saxon o dei Judas più tirati, "sporcato" dalla velocità dei primi Metallica o degli Slayer
Ma non sono state tutte rose e fiori nella vita artistica del gruppo, basti pensare che la genesi del nuovo album appena uscito risale al 1987! Purtoppo il bassista di allora Dave Holocaust fu pugnalato a morte nel gennaio del 1988 e questa tragedia fece decidere al gruppo di rimanere fermi sino al 1999 quando la re-release del debut album "Maximum Destruction" da parte della Listenable Records e l'inaspettato successo che ne conseguì, fece loro cambiare idea.

Tornando alla musica, la proposta dei Destructor è quanto di più classico ci si possa aspettare per cui lasciate da parte ogni speranza di trovare novità di sorta, ma ciò che il gruppo fa gli riesce maledettamente bene ed è questo che conta alla fine.
Canzoni tiratissime, riff rocciosi, solos veloci ed un muro di suono davvero imponente sul quale si erge la potente ugola di Dave Overkill, una sorte di Eric Adams dei giorni nostri. La struttura dei brani è semplice e diretta, strofa+ ritornello+strofa ma riesce sempre a tenere alto l'interesse dell'ascoltatore con un songwriting fresco, energico e classicamente bombastico. I riff di chitarra sono secchi ed hanno una componente epica di fondo, basti ascoltare l'iniziale " Restore Chaos" che parte con un riff veloce cui attacca la batteria e le vocals a seguire, tuttii i pezzi sono serratissimi, la batteria è un motore inarrestabile che per tutta la durata del disco tiene un ritmo forsennato, ci sono stop&go e accelerazioni, nella conclusiva, l'articolata "In Hell", troviamo l'unico bridge centrale a stemperare la furia, oltre a delle incisive twin-guitars in puro stile maideniano.
La classicità di questo lavoro lo si trova in ogni traccia e per nostra fortuna niente suona vecchio, nonostante i deja-vu siano tantissimi, a dimostrazione che spesso conta di più la passione, la determinazione, la convinzione nei propri mezzi piuttosto che la tecnica fine a se stessa.
Per i veri defenders, only...

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Thrash / Speed Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 36 min.
Tracklist:

  1. RESTORE CHAOS
  2. KEEP THE FAITH
  3. METAL SPIKE DEEP
  4. WE ARE READY
  5. THE LAST DAYS
  6. FIREY WINDS
  7. METAL TILL DEATH
  8. IN HELL

Line up:

  • dave Overkill: vocal/guitars
  • Tim Hammer: bass
  • Matt Flammable: drums
  • Nick Annihilator: guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Marco 'Metalfreak' Pezza
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / LP (Vinile colorato, Ed. Limitata)
Copertina
9.99 € / LP (Ed. Limitata)
Copertina
13.99 € / CD
Copertina
29.99 € / Brochure (Versione Inglese)
Dello stesso genere
Copertina Extrema
The Seed Of Foolishness
(Fuel Records / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Scum
Re-Evolution
(2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Prowler
From the Shadows
(Slaney Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Annihilator
All For You
(AFM / 2004)
Voto: 0,0
1 opinione
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading