At The Gates - Slaughter of the Soul (reissue)

Copertina 10

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2011
Durata:non disponibile
Etichetta:Earache Records

Tracklist

  1. BLINDED BY FEAR
  2. SLAUGHTER OF THE SOUL
  3. COLD
  4. UNDER A SERPENT SUN
  5. INTO THE DEAD SKY
  6. SUICIDE NATION
  7. WORLD OF LIES
  8. UNTO OTHERS
  9. NAUSEA
  10. NEED
  11. THE FLAMES OF THE END
  12. LEGION (SLAUGHTERLORD COVER)
  13. THE DYING (UNRELEASED TRACK)
  14. CAPTOR OF SIN (SLAYER COVER)
  15. UNTO THE OTHERS ('95 DEMO)
  16. SUICIDE NATION ('95 DEMO)
  17. BISTER VERKLIGHET (NO SECURITY COVER)

Line up

  • Tomas ``Tompa`` Lindberg: vocals
  • Martin Larsson: guitar
  • Anders Bjorler: guitar
  • Jonas Bjorler: bass
  • Adrian Erlandsson: drums

Voto medio utenti

Avrebbe senso recensire la terza ristampa di un disco o basterebbe segnalarne l’uscita? Diciamo che in questo caso la risposta è si, ne vale sicuramente la pena. Ci troviamo di fronte ad un capolavoro del metal estremo, un disco che tutti dovrebbero avere e sto parlando di Slaughter Of The Soul degli At The Gates.
C’è chi pensa che questo disco abbia gettato basi salde per quello che poi qualche anno dopo sarà chiamato metalcore. Sicuramente nel 1995 insieme alle uscite di Dark Tranquillity e degli In Flames ha caratterizzato quel Gotheborg sound, all’epoca opposto al sound più brutale di Stoccolma (Entombed, Unleashed, Dismember e Grave). L’intreccio di thrash e death metal con inserimenti melodici dosati al punto giusto, assoli mai fine a se stessi, tempi di batteria veloci e precisi hanno reso musicalmente questa uscita discografica un vero manifesto. E l’interpretazione del cantante Tomas “Tompa” Lindberg con il suo growl ferale ed abrasivo dà le pennellate giuste, colori scuri "of course", a questo quadro meraviglioso di misantropia e sofferenza. La grandezza di questo disco va infatti ricercata nel connubio tra suoni e parole di cui il buon Tompa è autore e probabilmente leader spirituale, stordente nell’impatto e interessantissimo dal punto di vista letterale. Come non rimanere travolti dalla triade iniziale Blinded By Fear, Slaughter Of the Soul, Cold (nella quale l’assolo è eseguito da Andy La Roque, fido chitarrista di King Diamond e per breve tempo nei Death)? Ma sinceramente sarebbe un tentativo sbagliato rendere canzone per canzone, in quanto questo è un capolavoro da ascoltare tutto d'un fiato, dall’inizio alla fine.

Da segnalare che sono presenti le bonus track già incluse nella prima ristampa del 2002, con le cover di SlaughterLord, Slayer e No Security.
Inoltre questo cd, essendo dual disc, propone sulla seconda 'facciata' un dvd con il “making of” di Slaughter of The Soul con interviste ai componenti del gruppo ed al produttore dell’epoca, una sezione con alcune scene tagliate ed il video di Blinded By Fear. Insomma, per chi ancora non lo conoscesse, da avere assolutamente.
Recensione a cura di Ivan D’Ulisse

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 09 gen 2012 alle 12:04

mai piaciuti più di tanto. Quoto. Sarà che, nonostante svariatissimi ascolti, non riesco mai a distinguere un pezzo dall'altro.

Inserito il 09 gen 2012 alle 09:47

Resta comunque l'unico loro disco degno di nota...almeno per me!

Inserito il 08 gen 2012 alle 17:47

Rispetto per le opinioni di tutti, ma il valore storico di "Slaughter Of The Soul", nel bene e nel male è innegabile. Nn è colpa loro se dopo quest'album per 15 anni si è continuato solamente a scopiazzare e a mettere sotto contratto bands fotocopia e senz'anima, ma anke questa è un'opinione personale....

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.