Copertina 7,5

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2017
Durata:48 min.
Etichetta:Unique Leader Records

Tracklist

  1. AGES DIE
  2. SUB SPECIE AETERNITATIS
  3. PASSAGES
  4. ANGEL OF REVOLUTION
  5. FEEDING OFF THE BLIND
  6. WHEN FLESH UNFOLDS
  7. MESSIANICA
  8. FUTURE IN RED
  9. EMBODIMENT OF CHAOS (SINISTER COVER)

Line up

  • Enrico "H." Di Lorenzo: vocals
  • Enrico Schettino: guitars
  • Giulio Galati: drums
  • Stefano Franceschini: bass
  • Giovanni Tomassucci: guitars

Voto medio utenti

Negli ultimi anni gli Hideous Divinity sono riusciti a conquistarsi un posto di assoluto rilievo nel panorama death metal internazionale grazie ad una proposta di ottima qualità, una buona promozione mediatica e, soprattutto, attraverso decine e decine di concerti che li hanno portati ad esibirsi dai piccoli club ai grandi festival, spalla a spalla con band di altissimo livello (vedi, ad esempio, l'ultimo tour europeo con Cannibal Corpse). Battere il ferro e crederci sempre.

Portabandiera di un brutal-death metal tipicamente italiano (no, niente robette fanfarose stile ultimi Fleshgod Apocalypse, ma fatto di cattiveria, grande tecnica, velocità e pulizia esecutiva) gli Hideous Divinity prima di scrivere nuovo materiale devono essersi trovati ad un punto di non ritorno: o andare sul sicuro e comporre un altro disco in stile "death metal italiano", oppure cambiare qualcosa, spingersi in una direzione diversa.

Ascoltando il nuovo Adveniens è facile intuire come la seconda strada sia quella scelta dalla band. Nello specifico, sono individuabili tre nomi principali che hanno fortemente influenzato questo lavoro: Hate Eternal, Nile e Behemoth. Lo stile della band guarda ora fortemente verso gli Stati Uniti, il riffing e le strutture dei nuovi pezzi sono strettamente imparentate a quelle delle band di Eric Rutan e Karl Sanders pur senza l'odioso effetto copia-incolla. Gli Hideous Divinity reinterpretano il death metal americano con il loro stile, aggiungendo all'interno delle canzoni porzioni rallentate, arpeggi e mid tempo che garantiscono una buona dose di epicità e solennità, derivate dalla lezione di Nergal e soci. I suoni sono perfetti, puliti e potenti (16th Cellar Studio, of course) ed è un piacere essere sbattuti come una banderuola al vento sotto i colpi della band e seguire l'evolversi della storia narrata. Le canzoni (come nel precedente Cobra Verde) sono infatti legate tra loro da un concept molto articolato che unisce sia il film Videodrome di Cronenberg sia la poesia.
Per avere qualche informazione in più e per non fare errori, ho contattato direttamente Enrico Schettino (chitarra) che prova a spigare in maniera semplice l'idea che sta dietro ad Adveniens:

L'interno concept del disco ha una duplice anima, letteraria e cinematografica. Da una parte il lavoro di Walter Benjamin nell’era della riproduzione meccanica dell’arte e della visione messianica della storia, dall’altra il genio di Cronenberg in “Videodrome”, il videocirco dal quale lo spettatore passivo non è in grado di uscire, e così diviene vittima di un’infezione: il futuro desensibilizzante nel quale tutti siamo assuefatti al nuovo linguaggio della violenza. Non ci interessava francamente insistere troppo sulla parte neo-anatomica presente in ogni suo film: l’aspetto profetico di quello che sarebbe stato il suo, il nostro futuro, reso in maniera così sorprendente, meritava a nostro avviso di essere l’elemento centrale.
Così come Benjamin vedeva la storia (anche futura) come un susseguirsi di rovine fumanti spazzate dal vento del tempo, in perpetua attesa di futura redenzione, allo stesso modo Cronenberg profetizzava un futuro dominato dal tubo catodico nel quale si parla di “brutalità socialmente utile”. In una maniera o nell’altra, Benjamin e Cronenberg sono i due profeti, gli Angeli Novi: Benjamin prevedeva l’avvento di Cronenberg e di altri visionari come lui, Cronenberg prevedeva il futuro in cui “… presto tutti noi avremo nomi speciali, creati appositamente per far risuonare il tubo catodico”.


Cronenberg è quindi una sorta di oracolo, un preveggente del nostro tempo. Quello che è poi idealmente rappresentato sulla copertina: l'Angelus Novus dei profeti malinconici.

Questa spiegazione era dovuta, visto il grande lavoro fatto sui testi, sulla musica e sull'immagine del disco. Tutti elementi, perfettamente curati, che immergono l'ascoltatore all'interno di Adveniens, un disco meno oppressivo e soffocante del precedente, più snello nella costruzione dei riff e nelle strutture, con un utilizzo di un range vocale più ampio. Sicuramente parliamo di un album che si fa ascoltare in maniera più facile (pur rimanendo cattivo eh, beninteso), adatto ad una platea più ampia e non per forza ristretto ai seguaci del brutal-death intransigente.
Se questo sia un bene o un male lo lascio giudicare a voi, certamente ha tutti i crismi per piacere.

Recensione a cura di Francesco Frank Gozzi

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 03 mag 2017 alle 08:41

Bella rece Frank. Appena riesco mi butto sul disco!

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.