Anneke Van Giersbergen: two for the show (Anneke Van Giersbergen, vocals)

Non ha certo bisogno di presentazioni l'instancabile Anneke Van Giersbergen, qui per parlarci del nuovo lavoro "Symphonized" che celebra i suoi 25 anni di carriera. La parola a una delle cantanti più talentuose e influenti delle ultime decadi...

Ciao Anneke e grazie per essere qui con noi!
Grazie a voi!
Inizio facendoti i miei più sinceri complimenti per tutto quello che hai fatto artisticamente nel corso della tua carriera...
Wow, grazie di cuore!
Come ci si sente ad aver lavorato con così tanti musicisti negli anni?
Non è facile rispondere. Non sono abituata a guardare al passato, e se penso a quest'album - e ai 25 anni di storia mia personale che rappresentano - l'unica cosa che mi dico è che sono stati bellissimi, ricchi di ispirazione e mi hanno aiutato a crescere come artista e come persona. Sono davvero felice di essere arrivata fino a qui.
A posteriori, c'è qualcosa che non rifaresti?
Guarda, credo che capiti a chiunque di firmare contratti scadenti, avere a che fare con le persone sbagliate, partecipare a un progetto che non riesce esattamente come lo avevi in mente, ma ogni errore che commetti ti permette di fare meglio la volta successiva. Penso che ogni momento in cui non sei "al massimo" preluda a qualcosa di nuovo e di migliore.

Immagine
Parliamo del nuovo album: com'è nata l'idea?
Sinceramente "Symphonized" non è stato programmato, è arrivato quasi spontaneamente. Se pensi a un'antologia registrata con la presenza di un'orchestra dici "wow, grande idea!", ma la cosa è partita dalla Residentie Orkest che era interessata a lavorare con un'artista di derivazione rock, metal e progressive per vedere che cosa poteva venirne fuori: quando me l'hanno proposto un anno fa ho accettato immediatamente! L'idea di celebrare i 25 anni di carriera è arrivata di conseguenza. All'inizio doveva essere una sola performance, ma la richiesta di biglietti ci ha convinto a farne due. E dato che i lavori stavano procedendo in maniera molto positiva abbiamo anche deciso di registrare tutto per farne un album e un video! Sono davvero orgogliosa della nuova veste che è stata data ad ogni canzone.
Come sei arrivata a definire la scaletta dello show? Non deve essere stato facile...
Hai ragione, non è stato facile: 25 anni di canzoni sono davvero tanti! Per decidere ho mandato al direttore creativo del progetto una lunga playlist di Spotify con tutte le mie canzoni preferite, segnalando quelle che volevo assolutamente eseguire...
Quindi mi stai dicendo che nella decisione una grossa fetta di responsabilità è stata data al direttore e all'orchestra?
Sì. Molte volte non sai davvero come scegliere una canzone piuttosto che un'altra. Ovviamente avrei voluto prendere qualche canzone da tutti gli album che ho registrato, ma sarebbe stata una scaletta lunghissima! Avevo davvero bisogno di un po' di "aria fresca" proveniente da qualcuno di esterno per fare una buona selezione.
Quanto tempo ci è voluto per preparare tutto?
Come ti dicevo abbiamo iniziato a parlarne circa un anno fa. Quello che ha richiesto più tempo - ovviamente - è stato l'arrangiamento dei brani, che è stato portato avanti da subito con grande cura e amore.
Credi che sia un'esperienza conclusa o possiamo aspettarci altri show di questo tipo?
A dire il vero ci stiamo già organizzando per l'anno prossimo. Probabilmente ci saranno altre performance, leggermente diverse, ma sono quasi certa che questi eventi si svolgeranno esclusivamente in Olanda - non è facile muovere un'orchestra in giro per il mondo! Per rispondere alla tua domanda, sicuramente collaboreremo ancora insieme in futuro.

Immagine
So che non ti piace stare con le mani in mano, per cui non posso non chiederti se stai lavorando a qualcosa di nuovo...
Sempre per celebrare i 25 anni di carriera farò una serie di show acustici in Olanda. Dei piani con l'orchestra ti ho già detto, poi farò qualche altro show con i VUUR in Sud America. Inoltre sto scrivendo molte canzoni e molti testi per registrare un album l'anno prossimo che probabilmente sarà acustico. Mi piacerebbe perché non ho mai fatto album acustici composti da canzoni originali - nonostante io abbia sempre fatto molti show in acustico. Poi ho in programma una serie di date negli Stati Uniti, show acustici in apertura ai Delain e agli Amorphis, insomma parecchie cose (ride, ndr)!
So anche che sei stata coinvolta nel nuovo spettacolo di Arjen Lucassen per il ventennale di "Into The Electric Castle"...
Esatto, e ti anticipo che sarà incredibile!
Spero di trovare un biglietto, ma la vedo molto difficile! Già è stato impossibile per Ayreon Universe... ma torniamo a noi, che musica ascolti nel tempo libero?
Scrivo soprattutto musica soft, ma se devo ascoltare qualcosa è molto facile che si tratti di materiale tendenzialmente heavy: Gojira, Mastodon, Opeth, Steven Wilson... su Spotify ci sono tante playlist di questo tipo. Mi piace ascoltare musica heavy in macchina o a casa con le cuffie.
Poi scrivi e registri canzoni acustiche (rido, ndr)!
Esatto! Non so come funzioni ma è proprio così (ride, ndr)!
Bene Anneke, grazie per il tuo tempo e in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti...
Grazie a te, e spero di venire presto nella meravigliosa Italia per qualche show!
Intervista a cura di Gabriele Marangoni

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?