(Frontiers Music)Raintimes - Raintimes

Copertina Bisogna essere dei presuntuosi o degli sconsiderati per dichiarare apertamente che il proprio nuovo progetto musicale nasce ispirandosi a un monumento dell’AOR del calibro dei The Storm, un gruppo che riuscì, assieme a pochi altri, a rendere meno “travagliata” l’esistenza degli chic-rockers negli anni novanta.
A ben pensarci, però, un annuncio programmatico tanto impegnativo può offrire anche un’altra chiave di lettura … quella di un team di musicisti di comprovato talento, classe e perizia, che vive ancora il suo “lavoro” con trasporto vero e totalizzante e non si preoccupa troppo di alimentare in maniera esplicita inaccessibili paragoni perché prima di tutto adora quello che fa e ha un’innata esigenza “fisica” di esternare la sua incontenibile passione per certi suoni.
Credo sinceramente che la scelta dei Raintimes debba essere giudicata in quest’ottica (magari con l’aggiunta di un pizzico di salutare “follia” …), dacché i suoi componenti hanno già fornito ampia prova delle loro qualità e del loro carisma, e “Raintimes” non suona per nulla come un meschino tentativo d’imitazione di un mito (sottovalutato) del settore.
Pierpaolo “Zorro” Monti (Charming Grace, Shining Line, Room Experience, …), Davide Barbieri (Wheels of Fire, Charming Grace), Michael Shotton (Von Groove, Hardline, Airtime, L.R.S.), Sven Larsson (Street Talk e una marea di collaborazioni di livello), Ivan Gonzalez (91 Suite, Room Experience, Secret) e Andrea Gipponi (Room Experience) hanno un curriculum tale da rassicurare ogni appassionato del genere e se hanno deciso di prendersi un “rischio” di questo tipo è solo perché sapevano di poter riportare in auge le atmosfere di “The storm” e “Eye of the storm” (soprattutto di quest’ultimo) senza scadere nel manierismo.
Il disco conferma fin dal primo ascolto questa consapevolezza … Shotton ha un suo trademark fonatorio e una grana vocale abbastanza diversa da quella di Kevin Chalfant (e del suo modello Steve Perry …) e nel programma non ci sono richiami oltremodo evidenti a Journey e Bad English (una cosa che i The Storm, forti della loro “storia”, si potevano permettere …), mentre a essere conservato è il clima sognante e raffinato della band di riferimento, declinato attraverso la personalità di una formazione (supportata dalla consueta pletora di ospiti illustri) capace di trasformare l’ammirazione in proficua consistenza espressiva.
Forever gone” è un atto d’apertura che accarezza l’anima, “Make my day” sgorga dalle casse come puro linimento “adulto” e “Don’t ever give up” è una zampata che graffia i sensi e s’instaura istantaneamente nella memoria.
Una copiosa produzione di brividi romantici è assicurata da un congegno sonoro denominato “Swan”, l’elevato CX emotivo di “I need tonight” garantisce un potenziale “radiofonico” enorme e, dopo il suggestivo intermezzo strumentale della title-track, "Just a little bit more”, pur piacevole, mostra qualche accenno di soverchia prevedibilità.
Tocca a “Empty days”, uno slow notturno e malinconico di notevole efficacia, risollevare prontamente le sorti della raccolta, seguito da un’ariosa "Together as friends”, rinfrancante come un panorama montano in una giornata tersa, dalla bella melodia di "Missing piece” e da “I see the light”, una ballata dallo sviluppo armonico assai rigoroso e tuttavia altrettanto adescante.
Difficile, di fronte a tanta emozionante opulenza, trovare l’anfratto in cui collocare una piccola “opportunità di miglioramento”, eppure devo ammettere che avrei gradito un pizzico di grinta supplementare … sono convinto che, senza “tradire” i suoi presupposti artistici fondamentali, avrebbe giovato all’efficacia complessiva dell’opera.
Ciò detto, non rimane che congedarmi rivolgendo ai Raintimes un ringraziamento … per aver realizzato un album eccellente, degno dei suoi ispiratori e in grado altresì di riportare l’attenzione del pubblico su uno dei grandi interpreti, spesso dimenticati, di quell’immarcescibile meraviglia sonica chiamata Adult Oriented Rock.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 53 min.
Tracklist:

  1. FOREVER GONE
  2. MAKE MY DAY
  3. DON’T EVER GIVE UP
  4. SWAN
  5. I NEED TONIGHT
  6. RAINTIMES
  7. JUST A LITTLE BIT MORE
  8. EMPTY DAYS
  9. TOGETHER AS FRIENDS
  10. MISSING PIECE
  11. I SEE THE LIGHT

Line up:

  • Michael Shotton: vocals
  • Iván González: guitars
  • Sven Larsson: guitars
  • Davide Barbieri: keyboards, backing vocals
  • Andrea Gipponi: bass, fretless bass
  • Pierpaolo Monti: drums, percussion
  • Niclas Olsson: keyboards on “I Need Tonight”
  • Philip Lindstrand: backing vocals on “I Need Tonight”
  • Alessandro Del Vecchio: keyboards, backing vocals on “Just A Little Bit More”
  • Erica Trovato: backing vocals on “Together As Friends”
  • Jesús Espín: backing vocals on “Missing Piece”
  • Daniel Flores: percussion on “I See The Light”
  • Michele Luppi: keyboards on “I See The Light”

Voto medio utenti: Nessun voto

8,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
22.99 € / CD & DVD (Ed. Deluxe)
Copertina
29.95 € / Copertina rigida (Copertina Rigida)
Copertina
Copertina
14.99 € / CD
Dello stesso genere
Copertina Osselico Demo
Osselico
(Autoprodotto / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Shooter Jennings
Put the "O" Back in Country
(Universal South / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Mother Superior
Sin
(Fargo / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Nadie
Volver a empezar
(Goimusic / 2003)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading