(Unique Leader Records)Near Death Condition - Evolving Towards Extinction

Copertina Che la Svizzera sia una nazione neutrale e pacifica non vale certo per la sua musica. Oltre agli storici nomi che hanno fatto scuola e che qui non ripeto nemmeno (uno sta tornando proprio ora sulle scene) anche act "minori" come i Near Death Condition tra secchiate di chiodi in faccia, atmosfere malate e contorti rallentamenti fangosi si fanno strada prepotentemente.

Un humus pieno di putredine riempie il sound di questa band che si avvale di suoni grossi e saturi bandendo affilate e cristalline produzioni figlie dei nostri tempi.
Questi svizzeri per sottolineare certi accenti e momenti lisergici nella loro musica, fanno un piccolo uso di cori angelico-ecclesiastici/mistici che fanno da contraltare alla bieca mattanza di un suono che pesca sia dal moderno death tecnico (evitando di calcare troppo la mano su soluzioni da giocoliere dello strumento) sia dai vecchi Nile e Morbid Angel col loro phatos sulfureo e mistico nonché da una piccola percentuale di Emperor. Non è affatto semplice distinguere con un ascolto superficiale un pezzo dall'altro, d'altronde il brutal non è rinomato per la sua facilità e non ci sono ritornelli e facili melodie, ma la rabbia e i sentimenti negativi sembrano davvero autentici, ben lontani da quello sterile ammasso sonoro messo in campo da troppi ragazzini che si preoccupano più di orecchini/tatuaggi/capigliature ad effetto, piuttosto che di dire qualcosa di "vero" con la loro musica. Tra le belle tracce presenti in questo Evolving Towards Extinction mi hanno colpito Pandemic of Ignorance, Praise the Lord of Negation e Vertigo con il loro vortice intricato che mi ha portato alla mente Defeated Sanity, Devilyn e Inanimate Existence. Altri brani come Anatomy of Disgust hanno un incedere abbastanza anonimo ma ad un certo momento parte il guizzo e la canzone cambia forma esplodendo in un turbine di oscuri blast beat che fanno da base a chitarre malevole che sembrano badili che spalano collosa pece. Dopo i dirompenti intrecci di Anagamin è impressionante come in canzoni come ad esempio la title track riescano a cambiare continuamente pattern rimanendo sulla stessa rapidissima velocità di esecuzione, sintomo di una padronanza strumentale totale e di idee che fluiscono in modo sciolto e non forzato. L'apice viene toccato dalla furia distruttrice di Nostalgia For Caos che con i suoi 7,32 minuti di brutalità, tecnica, idee e neri sentimenti prende in mano la vostra testa stringendola fino a farla scoppiare. È comunque solo con un ascolto lungo ed attento che si possono carpire tutti i movimenti, le variazioni, le atmosfere e i nodi ritmici che compongono questo Evolving Towards Extinction, insomma, avrete di che divertirvi in questa palestra sonora.

Facendo seguito al già buono The Disembodied - In Spiritual Spheres, i Near Death Condition sembra abbiano messo a segno il colpo più importante della loro carriera. Per ora.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Brutal / Grind
Anno di uscita: 2014
Durata: 51 min.
Tracklist:

  1. WORDS OF WISDOM
  2. BETWEEN THE DYING AND THE DEAD
  3. INTELLIGENT DESIGN
  4. PANDEMIC OF IGNORANCE
  5. PRAISE THE LORD OF NEGATION
  6. THE ANATOMY OF DISGUST
  7. ANAGAMIN
  8. EVOLVING TOWARDS EXTINCTION
  9. VERTIGO
  10. COMMUNING WITH EMPTINESS
  11. NOSTALGIA FOR CHAOS

Line up:

  • Patrick: guitars, bass
  • Guido Wyss: drums
  • Stéphane: guitars, vocals

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Francesco Frank Gozzi
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
23.99 € / 2-LP (Vinile colorato)
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina Femoral Explosion Demo
Black & Deather
(2003)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Napalm Death
Enemy Of The Music Business
(Dreamcatcher / 2000)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Suffocation Past
Despise The Sun
(Vulture Records / 1998)
Voto: 3,5
1 opinione
Copertina Fuck The Facts
Discoing the Dead
( Ghetto Blaster / 2001)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading