Copertina 6,5

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2012
Durata:54 min.
Etichetta:Massacre Records

Tracklist

  1. SAINT SLAYER
  2. FERNES LAND
  3. A DEAD MAN‘S TALE
  4. SIE STEH’N AM WEG
  5. VOR DER SCHLACHT
  6. HATEFUL AFFECTION
  7. IN SIGNO CRUCIS TRILOGY I: DER KLERIKER
  8. IN SIGNO CRUCIS TRILOGY II: DAS ZWEITE GESICHT
  9. IN SIGNO CRUCIS TRILOGY III: IN SIGNO CRUCIS
  10. DER LETZTE FREUND
  11. TRAUMZEIT
  12. TERRA INCOGNITA

Line up

  • Viola Schuch: Vocals
  • Ada Flechtner: Vocals
  • Aria Keramati Noori: Guitars
  • Dirk Baur: Bass, backing Vocals
  • Mats Kurth: Drums
  • Psalm: Keyboards

Voto medio utenti

Da sempre divisi tra il cantato in inglese, nella lingua madre tedesca e in latino, i Coronatus sono una realtà teutonica con ben due vocalists femminili dietro il microfono. Autori di un gothic metal un po’ gothic ma tanto metal, i Coronatus sfornano il loro quarto album, questo “Terra Incognita”, in poco più di 5 anni. Il sound del gruppo non è fondamentalmente cambiato di una virgola, come l’abitudine del titolo in latino e le forti orchestrazioni a sostenere le voci di Viola e Ada, recentemente ritornate in pianta stabile nella band. Un album dunque che non mostra nessuna novità, ma che anzi conferma il trademark della band, subito in palla sin dall’opener “Saint Slayer”. Per chi non conoscesse il combo, potrei dirvi che le coordinate stilistiche dei Coronatus si muovono a cavallo tra gli Epica, i Midnattsol e i Leaves’ Eyes, e all’interno di questo nuovo capitolo si respira la solita aria tenebrosa, quasi si fosse sul sagrato di una cattedrale, quando il sole comincia a cedere spazio al buio della notte… Molti i brani interessanti, mi sento di segnalare la trilogia a titolo “In Signo Crucis”, che occupa le trace dalla 7 alla 9, o la bella “Fernes Land”, in cui le voci delle due cantanti ricamano in tedesco su un bravo heavy e ben orchestrato. Sicuramente “Terra Incognita” non è uno di quegli albums che strappano la pelle alle mani, ciò non toglie che, in questo dischetto, potrete trovare 54 minuti di gothic metal interessante, suggestivo e ben suonato.
Recensione a cura di Pippo 'Sbranf' Marino

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.