Murder Therapy - Molochian

Copertina Ho sempre ritenuto i Murder Therapy una delle migliori realtà estreme della penisola, fin da quando recensii su queste pagine il loro primo demo con voto più che positivo, parere poi confermato, di nuovo a pieni voti, all’uscita di “Symmetry of delirium”, primo full length. Il death metal brutale e chirurgico del gruppo, infatti, non aveva nulla da invidiare a nomi ben più blasonati del panorama mondiale. In occasione della scorsa edizione dell’Armageddon In The Park, scambiando qualche parola con Francesco D’Adamo, ascia del combo bolognese, ero venuto a sapere, purtroppo per me, di un cambio di rotta da parte della band, che proprio quella sera, pur se senza cantante, presentò alcuni brani del nuovo corso, effettivamente molto distanti dal death di cui parlavo prima. Atmosfere dilatate e rarefatte avevano improvvisamente preso il posto della furia cieca ma controllata dei primi brani del repertorio del gruppo. Ora mi ritrovo tra le mani questo nuovo EP, praticamente un trade d’union tra le due fasi di cui stavo parlando poc’anzi. Se infatti “Moloch” pesta duro e si muove su sentieri ancora spiccatamente death metal, già con la successiva “Unvacuity” ci spostiamo verso territori differenti, con tempi rallentati e quel senso di astratto a cui accennavo prima. Stesso discorso per la conclusiva “Di luci e negazioni”, sette minuti assolutamente sperimentali che dimostrano la capacità compositiva del quartetto ma che sicuramente faranno storcere il naso ai puristi del genere. Il brano che però, secondo me, racchiude al meglio le nuove intenzioni dei Murder Therapy è “In viscera”, quasi completamente strumentale, che presenta riff vorticosi e ritmiche spezzate e molto fantasiose, lontane dall’incedere ossessivo dei blast beat e dei classici tupa tupa, con sonorità che incastrano echi post core e d’avanguardia. Insomma, penso sia prematuro esprimere un parere, e generalmente non lo faccio quando ho a che fare con un EP, preferisco attendere l’arrivo del full, ma penso proprio che “Molochian” esprima bene le intenzioni della band. Sicuramente da apprezzare il coraggio di cambiare e le capacità compisitive. Resta però comunque il rammarico per la perdita di una realtà ormai consolidata in campo death metal, un genere in cui, purtroppo, le band con gli attributi sono sempre più poche. E da oggi, per nostra sfortuna, ancora meno…

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Death Metal
Anno di uscita: 2011
Durata: 18 min.
Tracklist:

  1. MOLOCH
  2. UNVACUITY
  3. IN VISCERA
  4. DI LUCI E NEGAZIONI

Line up:

  • Sean Worrell: vocals, guitar
  • Francesco D'Adamo: guitar
  • Andrea Burgio: bass
  • Marco Bolognini: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

SV
Recensione a cura di
Roberto Alfieri
In vendita su EMP
Dello stesso genere
Copertina Cataract
Cataract
(Metal Blade / 2008)
1 opinione
Copertina Benighted
Insane Cephalic Prod.
(Adipocere / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Ypotrill Demo
The Blustering Samaritan
(2008)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Vermin
Millenium Ride
(No Fashion / 1998)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading