Copertina 9,5

Info

Past
Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:1998
Durata:49 min.
Etichetta:Century Media
Distribuzione:Self

Tracklist

  1. KAAMOS
  2. FAREWELL
  3. DEAD LEAVES
  4. FOR THE LOVE I BEAR
  5. ONE WITH MISERY
  6. THE SUICIDER
  7. THE RAIN COMES FALLING DOWN
  8. GRAVE SWEET GRAVE
  9. BURN
  10. DROWN TOGETHER
  11. LET GO (THE LAST CHAPTER)
  12. MOURN

Line up

  • Ville Laihiala: vocals
  • Sami Lopakka: guitar
  • Miika Tenkula: lead Guitar
  • Sami Kukkohovi: bass
  • Vesa Ranta: drums

Voto medio utenti

Se avessi scritto le mie impressioni su questo album l’anno della sua uscita (1998), tutto sarebbe partito dalla prima canzone e dalla sua introduzione ("Farewell" + "Kaamos)".
“L’addio” cantato da Ville, da solo, necessiterebbe fiumi di inchiostro e abilità descrittive degne dei piu’ grandi scrittori per rendere appieno lo splendore di questa canzone che, oltre a caratterizzare l’album, può’ essere considerata anche come il manifesto di 16 splendidi anni…
Oggi, a dieci anni di distanza, invece, comincio con la fine, ovvero con "Mourn"; è sempre difficile commentare una canzone strumentale e, impossibile, descrivere a parole le sensazioni che questa sequenza di note puo’ trasmettere ai nostri sensi, ma se volete abbandonarvi ad una dolcissima malinconia, farvi trasportare dai vostri ricordi piu’ belli, ritrovare quel passato che tanto vi manca e avere la netta sensazione di riviverlo ancora…allora, infilate questo disco “argento – ghiaccio” nel vostro lettore, scorrete fino alla traccia 12 e vivetevi questa canzone…
Frozen non è pero’ solo un inizio e una fine; la “Notte Polare” è infatti lo sfondo di un viaggio fatto di panorami melodici e riflessivi come “The Rain Comes Falling Down”, o “Dead Leaves” (di cui vi consiglio vivamente di leggere il testo…), e accelerazioni repentine e potenti come la leggendaria “The suicider” o la collerica "For The Love I Bear"
Nei 48 minuti e 53 secondi che segnano i confini di questo gioiello, non troverete una traccia al di sotto dell’eccellenza, e, francamente, ho finito gli aggettivi per definire questo capolavoro assoluto!!
Per alcuni album le parole sono inutili, devono solo essere ascoltati!!
Recensione a cura di Maurizio 'No One There' Pittana
altra perla dei finlandesi

gli avrei dato il massimo dei voti se non fosse per un paio di riempitivi che fanno scendere un tantino la valutazione, comunque è un disco a dir poco spettacolare... "The Suicider" e "Farewell" sono cose che non si ascoltano tutti i giorni !!

No words

Un capolavoro del genere. Imprescindibile.

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.