"Il negromante del rock" , Steve Sylvester racconta i Death SS

Foto Death SS, un nome che aldilà dell'aspetto puramente musicale ha sempre portato dietro di sè una scia di mistero, una fama talvolta non lusinghiera, leggende metropolitane e quant'altro. In questo "Il negromante del rock", libro edito dalla Crac Edizioni e scritto a quattro mani dal Steve Sylvester in collaborazione con il noto giornalista metal Gianni Della Cioppa, è lo stesso Steve a fornire le risposte a tutti gli interrogativi circa la veridicità delle leggende e degli aneddoti sinistri che da sempre hanno circondato la sua creatura, dopo anni di interviste in cui molto spesso l'argomento veniva trattato.
In questo libro vengono ripercorse le origini dei Death SS, partendo dall'infanzia di Stefano Silvestri, una ragazzo decisamente fuori dagli schemi che ben presto fece parlare di sè e si conquistò una fama poco lusinghiera nella sua città natale Pesaro: Steve parla quindi del suo amore per il cinema horror ed i film naziporno, i fumetti e per i gruppi musicali che per primi lo hanno influenzato e spinto a formare la sua personale band, studiata fin dal principio in tutti i suoi dettagli. Poi l'avvicinamento al mondo dell'esoterismo, l'incontro con il Mago di Orciano, personaggio che disse al giovane Silvestri le profetiche parole "Ogni tuo operato magico sarà fatto in morte di Stefano Silvestri" e le descrizioni, talvolta meticolose, dei rituali orgiastici e di magia che il giovane negromante praticava nella propria sala prove, previa razzia di reperti funerari nei cimiteri locali.
"Il negromante del rock" rappresenta in maniera fedele ed in modo molto esaustivo l'epopea della band, che per Steve Sylvester ha da sempre rappresentato qualcosa di più: la sua volontà infatti era quella di coinvolgere nel progetto altre persone come lui interessate nella magia nera e nell'esoterismo. Purtroppo molti dei ragazzi che si avvicinavano alla band, attirati in prima battuta dalla curiosità e dalla voglia di trasgredire, facevano alla fine marcia indietro. Poi l'incontro con Paul Chain, all'anagrafe Paolo Catena, e la decisione che solamente loro due sarebbero stati l'anima della band e la conseguente necessità di assoldare dei musicisti turnisti, il racconto dei primi concerti con risse e lancio di vermi e interiora di animali lasciate putrefarre al sole e la conseguente fama che i Death SS si guadagnarono sul campo.
Il racconto tuttavia, contrariamente a quanto sarebbe lecito aspettarsi, non copre la storia del gruppo fino ai giorni nostri ma si ferma al 1982, anno in cui i Death SS si sciolsero, anche se per un breve periodo il chitarrista Paul Chain continuò ad usare il monicker con un altro cantante...lasciamo a voi la sopresa di scoprire come è finita!
La lettura de "Il Negromante del rock" è molto scorrevole ed accattivante, arricchita da molte foto d'epoca ed interviste ai membri storici dei Death SS raccolte negli anni dal fan club del gruppo pesarese. Una lettura appassionante e ricca di aneddoti in pieno stile Steve Sylvester, capaci di attirarvi in un vortice nero di morbosa curiosità che vi farà divorare letteralmente questo libro. Ma al di là di questo si tratta di un interessante spaccato della scena musicale italiana degli anni '70-80, con tutte le sue difficoltà date dalla chiusura mentale di pubblico e critica, restii a capire e dare risonanza ad una concezione visuale e musicale così forte, trasgressiva ed innovativa come quella di Steve Sylvester e dei Death SS.
Una lettura che consigliamo ai fan della band ma in generale a tutti i metallari italiani, i quali potranno così capire la genesi, le vicissitudini e gli abissi che hanno segnato la vita dei Death SS.

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 22 luglio 2017 alle 22:35

È un libro che evoca sensazioni prive di conclusioni.Piu' che altro apprezzi i Death Ss per ciò che probabilmente propongono nella loro musica fuori dagli schemi dai principali usi dall'ordinario, del costume retrogrado. L'autore/scrittore A.Pike insegna la stessa dottrina...

Avatar Inserito il 13 marzo 2012 alle 16:42

Tutto molto bello ma la copertina è indifendibile.

Leggi la discussione completa

Pubblicato il: 04/02/2012

Articolo a cura di
Michele 'Coroner' Segata
In vendita su EMP
Copertina
8.99 € / CD
Copertina
Copertina
Copertina
16.99 € / 2-DVD (Digipak)
Copertina
14.99 € / CD
Copertina
14.99 € / CD & DVD
Ultimi articoli
Foto Summer Breeze 2017: un...

Summer Breeze Open Air 2017 | 16.08. - 19.08.2017 in Dinkelsbühl, Germany Non potendoci avvalere di un redattore interno, abbiamo gradito pubblicare un report di un nostro...

Foto Jim Steinman's Bat Out Of...

Cosa spinge un uomo, poco più che trentenne, di razza bianca-caucasica, a istigare moglie e sorella ad assistere, nella capitale inglese, sotto a una pioggia torrenziale, ad agosto, al musical...

Foto Mike Portnoy’s Shattered...

“Puoi togliere Mike Portnoy dai Dream Theater, ma non puoi togliere i Dream Theater da Mike Portnoy”. Con questa post pubblicato su Facebook, il buon Mike informava i propri fan che il...

Foto Battlefield Metal Fest 2017 -...

In occasione della prima edizione del Battlefield Metal Fest che si terrà il 2 luglio abbiamo scambiato quattro chiacchiere con gli organizzatori dell'evento. (Risposte di Andrea...

Foto Jeff Hanneman, un breve...

Jeff Hanneman - all'anagrate Jeffrey John Hanneman (Oakland, 31 gennaio 1964 – Los Angeles, 2 maggio 2013) ci ha lasciato 4 anni fa. Ricordo ancora lo shock che colpì un pò...

Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading