Copertina 7

Info

Anno di uscita:2019
Durata:69 min.
Etichetta:Metal Blade Records

Tracklist

  1. GATES OF HEL
  2. 
ALL HEROES FALL
  3. 
RAGNARS KVÆÐI
  4. 
GARMR
  5. 
SUNSET SHORE
  6. 
DOWNHILL DRUNK

  7. EMPIRE OF THE NORTH
  8. 
FAR FROM THE WORRIES OF THE WORLD
  9. 
KING OF TIME
  10. 
FIRE AND FLAME
  11. 
AGAINST THE GODS
  12. 
SONGS OF WAR
  13. 
ALVUR KONGUR

Line up

  • Gunnar Thomsen: bass, vocals
  • Heri Joensen: guitars, vocals
  • Tadeusz Rieckmann: drums
  • Attila Vörös: guitars

Voto medio utenti

Chi l’avrebbe mai detto? 
Quando orami nessuno ci sperava più i Tyr tirano fuori dal cilindro un nuovo album a distanza di ben sei anni dall’ultima fatica “Valkyrja” col quale la band Faroese rispolvera il suo Folk Viking Metal in un nuovo capitolo, il cui titolo “Hel” suona decisamente emblematico.

Come detto è passato parecchio tempo dall’ultima relase, intanto la band capitanata da Heri Joensen dopo aver raggiunto l’apice della sua carriera ha dovuto affrontare un momento difficile causa lo split di Terji Skibenæs.

Fare meglio dei precedenti lavori era oggettivamente molto difficile, ecco perché “Hel" alla luce dei fatti, risulta essere una gradita sorpresa, si può dire che l’ottavo album dei Tyr è un concentrato del meglio che la band ha realizzato in questi anni.


Nonostante manchi una vera Hit come in passato poteva essere “Eric the Red”, “Hail to the Hammer” per “Land” o “Hold the Heathen Hammer High” per il glorioso “By the Light of the Northern Star”, l'album offre comunque diversi spunti di discussione, a cominciare dalla nuova line-up che come detto ha visto Terji Skibenæs lasciare la band dopo diciassette anni e un enorme contributo musicale.

Al suo posto è subentrato nella line up Attila Vörös chitarrista ungherese che ha militato tra le fila dei Nevermore e dei Satyricon e che porta nella band una ventata di aria fresca, grazie al suo background decisamente diverso da quello dei Tyr.

Analizzando l'album salta subito all'orecchio la massiccia presenza di riff in ogni canzone, anche se in alcuni casi possono risultare fuori contesto all'interno della singola canzone, mentre in altri casi più esasperati troviamo addirittura riff di diverso spessore all'interno della stessa canzone, del resto cambi repentini di tempo e di melodie sono da sempre il marchio di fabbrica dei Tyr.


Il campo di battaglia è già pronto, la sontuosa “Gates Of Hel” alza il sipario dell’album insediandosi con estrema facilità nella testa dell’ascoltatore rapito dal ritmo impetuoso, e da una doppia cassa “martellante”.

Le successive “All Heroes Fall” e “Ragnars Kvæði” rappresentano la continuità dalla open-track, la doppia cassa torna a dettar legge durante “Garmr” episodio nel quale è possibile apprezzare anche un ottimo refrain, mentre la successiva “Sunset Shore” racchiude in sé un riff “Vikingo” nel quale è percepibile tutto il folclore della loro terra, che la band Faroense riesce con estrema maestria a riprodurre in musica.



“Downhill Drunk” è forse l’episodio meno convincente dell’intero lotto pur potendone apprezzare un solo guitar di ottima fattura.
A seguire troviamo “Empire Of The North”, probabilmente uno dei brani migliori presenti su “Hel”, mentre “King Of Time” coi suoi cori epici rappresenta l’emblema di questa ennesima battaglia.

Così come “Against The Gods” e “Songs Of War” ennesimi episodi caratterizzati dal solito clichè dei Tyr.

Ma è “Alvur Kongur” la perla di questo album, una canzone che ha tutto ciò che serve per poter essere definita essenziale, la solita doppia cassa è un vero rullo compressore, il riff impetuoso, ma allo stesso tempo elegante, ben si colloca all’interno di una struttura musicale che trasuda epicità da ogni singola nota.




In "Hel" troviamo tutto ciò che ha reso celebre la band delle Isole Fær Øer, riff epici, refrain entusiasmanti, solo guitar, decisivi, e aggiungiamo anche l’ennesimo art-work di ottima fattura che come ogni altro lavoro dei Tyr, potrebbe tranquillamente essere incorniciato.

Immagine


Come detto non siamo sui livelli dei celebri “Land” o “By the Light of the Northern Star”, senza girarci tanto intorno, “Hel” è un album "difficile" del resto questi sono i Tyr, il loro sound è riconoscibile sin dai primi accordi e chi li segue in maniera più attenta sa certamente cosa intendo dire.
L'album è forse il più ostico della loro discografia, probabilmente il più maturo, intenso e introspettivo, magari non il più bello e sicuramente il meno immediato, ma non per questo meno interessante.
Recensione a cura di Fabio De Carlo

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 12 mar 2019 alle 10:45

A parte i primi due album, un gruppo inutile.

Inserito il 10 mar 2019 alle 15:35

sarà protagonista della mia serata!

Inserito il 09 mar 2019 alle 08:53

Ma davvero solo io li trovo mortalmente noiosi? (ad un loro concerto a Milano, anni fa, me ne andai dopo 20 minuti con le palle stragonfie di noia) Boh, ci ho provato una decina di volte ad ascoltarli ma niente... Però io tutta questa epicità non la trovo proprio. Boh, non è scoccata la scintilla, evidentemente.

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.