Copertina 7,5

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2017
Durata:31 min.
Etichetta: Razar Ice Records

Tracklist

  1. FOREVERENCE
  2. FIRE LORD
  3. PHOENIX RISING
  4. NEW ORDER
  5. FINAL FLIGHT – RIP PJR
  6. SLEEP
  7. WHEN DARKNESS CALLS (LIVE BONUS TRACK)
  8. THE PRICE YOU PAY (LIVE BONUS TRACK)

Line up

  • Scott Oliva: vocals
  • Bryan Holland: guitars
  • Pete Rossi: guitars
  • Paul Kleff: guitars
  • Russell Pzutto: bass
  • Steve ‘Doc’ Wacholz: drums
  • Tony Rossi: drums (on tour)

Voto medio utenti

Ricordo benissimo l'entusiasmo con cui accolsi e recensii il secondo full length degli statunitensi Reverence, che ora si ripresentano con un nuovo EP, "Foreverence", dove oltre ad alcuni inediti e ad una cover dei Savatage, troviamo anche due brani che anticipano un imminente disco dal vivo, cui seguirà anche un nuovo studio album.
Ma "Foreverence" è anche un triste tributo al loro chitarrista Pete Rossi, scomparso nel marzo del 2017, e, infatti, ne raccoglie le ultime test testimonianze con i Reverence.

Cambiano anche alcuni dei compagni di viaggio che si accompagnano a quello che era il gruppo storico degli statunitensi, ossia il compianto Pete Rossi, l'altro chitarrista Bryan Holland (Tokyo Blade) ed il batterista Steve ‘Doc’ Wacholz (Savatage e Crimson Glory), infatti, alla voce è subentrato Scott Oliva (Oceans of Night, Wind Wraith e InnerStrength), mentre al basso troviamo Russell Pzutto, alla chitarra Paul Kleff e Tony Rossi come batterista per le date live.
Nessun cambiamento di indirizzo musicale, che era e resta un solido Power Metal Made in USA, e dopo l'introduzione arpeggiata che dà il titolo a questa uscita, è la potente "Firelord" a confermarlo e a mettere in evidenza tanto un efficace guitarwork quanto la bravura di Scott Oliva, che riesce anche a non far rimpiangere il suo predecessore, quel Todd Michael Hall, che comunque abbiamo avuto modo di apprezzare ancora nei Riot V e nei Jack Starr's Burning Starr.
E "Phoenix Rising" fa ancora meglio, un brano in linea con l'ultimo Dickinson solista rivisto sotto la lente del Power & Speed a stelle e strisce, energico e con un refrain accattivante (non altrettanto efficaci però i controcori) ed con un'ottima prova complessiva. Meno immediata la successiva "New Order", un mid-tempo ben scandito che prende sfumature thrashy alla Helstar o Vicious Rumors, ma anche qui ben pochi appigli a possibili critiche.
"Final Flight – RIP PJR" è un assolo di chitarra, e come sottolinea il titolo, per non dimenticare Peter J. Rossi, qui alle prese con quella che forse era la sua ultima incisione con la band. Ed ecco da "Edge of Thorns" la cover di "Sleep", una canzone acustica, triste ed intensa, credo scelta appositamente come l'ultimo saluto a Rossi.
Tocca infine alle bonus track, entrambe facevano parte del primo album dei Reverence, "When Darkness Calls" (2012), due dei loro pezzi migliori che anche dal vivo lasciano il segno e probabilmente sono una testimonianza del tour europeo tenutosi nel 2013, che dovrebbero replicare nel corso del 2018.

Uno sguardo al passato e uno al futuro. Meritano entrambi.





Metal.it
What else?
Recensione a cura di Sergio 'Ermo' Rapetti

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 15 feb 2018 alle 20:36

bene, lo ascolto volentieri \m/

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.