(I, Voidhanger Records / Plastic Head / Code 7)In Human Form - Opening of the Eye by the Death of the I

Copertina Pubblicato in forma indipendente lo scorso anno, recuperato quest'anno dalla nostrana I, Voidhanger Records (lodata sia!), il secondo lavoro degli americani In Human Form è un album che lascia il segno.
"Opening of the Eye by the Death of the I", sin dal bellissimo ed enigmatico titolo, si presenta come qualcosa di speciale: il progressive USBM che suona il gruppo è, infatti, una miscela particolare, raffinata e dirompente che sa fondere la tradizione norvegese, l'approccio vagamente psichedelico dei maestri Weakling, la lunghezza esasperante dei migliori Wolves in the Throne Room con l'approccio filosofico dei Death più cervellotici e le atmosfere quasi altezzose del jazz d'autore.
Interessante vero?
Io direi decisamente di si, perchè riuscire a creare un album piacevole da ascoltare come questo andando a creare un puzzle molto complesso, come quello appena descritto, non è per niente facile e la possibilità che il tutto si risolvesse in uno sterile esercizio di stile era dietro l'angolo.
Gli In Human Form, invece, la loro musica la rendono affascinante ed ipnotica grazie ad un songwriting ispiratissimo e ad una serie di brani, sostanzialmente tre ognuno sopra i 14 minuti, che ti sbattono da una parte all'altra, come uno scafo in mezzo alle onde del mare, dandoti la certezza di non avere punti di riferimento e di doversi, quindi, aspettare una sorpresa ad ogni nota, violenta o ricercata che sia.
Giusto per restare sul suolo americano, solo i già citati Weakling mi avevano, in passato, lasciato così basito di fronte ad una proposta così fortemente personale e ricca di idee come quella degli In Human Form e considerando la mia ammirazione per gli autori del fenomenale "Dead as Dreams", ormai "vecchio" di 17 anni, potete capire come al termine di questa spero piacevole lettura, dovete fiondarvi a recuperare una copia di un CD del quale, credo, non riuscirete più a fare meno una volta messo nel vostro lettore... certo, a patto che abbiate pazienza e che lasciate a questa musica il tempo di conquistarvi.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Black Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 54 min.
Tracklist:

  1. LE DÉLIRE DES NÉGATIONS
  2. ALL IS OCCULTED BY SWATHES OF EGO
  3. APOLLYON SYNOPSIS
  4. ZENITH THESIS, ABBADON HYPOTHESIS
  5. GHOSTS ALIKE
  6. THROUGH AN OBSTRUCTIONIST'S EYE

Line up:

  • Patrick Dupras: vocals
  • Nick Clark: guitars, bass, alto saxophone, keys
  • Richard Dixon: drums, guitars

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Beppe 'dopecity' Caldarone
In vendita su EMP
Copertina
15.99 € / CD (Digipak)
Copertina
Copertina
24.99 € / Collana (acciaio inossidabile)
Copertina
22.99 € / CD & DVD (Ed. Deluxe)
Dello stesso genere
Copertina Hellsaw
Phantasm
(Folter Records / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Grift
Fyra elegier
(Nordvis Produktion / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Leviathan
Scar Sighted
(Profound Lore Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Cepheide
Respire
(Sick Man Getting Sick Records / 2016)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading