(Massacre Records)Narnia - Narnia

Copertina La storia dei Narnia inizia molti anni fa, più precisamente nel 1993, quando dall’incontro tra il chitarrista Carl Johan Grimmark e il cantante Christian Liljegren nasce l’esigenza di formare una band di Christian power/prog metal dalla marcata componente melodica.

Da allora sono successe tante cose - un primo “innamoramento” delle platee giapponesi grazie alla Pony Canyon, una parentesi con la Nuclear Blast, alcuni tour di supporto agli Stratovarius e uno split ufficiale nel 2011 - ma la voglia di scrivere musica e di divulgare un certo tipo di messaggio è rimasta pressoché immutata, tanto da convincere la Massacre Records a fargli incidere un nuovo (ultimo?) album a più quattro lustri dalla fondazione.

Le nove tracce di questo “Narnia” trasudano “nordicità” da ogni poro, lasciando trasparire già dall’iniziale “Reaching For The Top” quelle che sono le influenze principali del combo (penso ai Dio, ai Leverage o ai più prossimi Enbound). “I Still Believe” è più vicina al power metal europeo per intenzioni e arrangiamenti, e fa il paio con la successiva “On The Highest Mountain”, episodio che mette a sistema “Soul Of A Vagabond” degli Stratovarius e “Judgement Day” dei Whitesnake. “Thank You” è un canto a Dio (quello "lassù", ndr) di matrice synth-pop (ricordate “Home” dei Depeche Mode?), inaspettato ma riuscito anche grazie alla coda più propriamente rock. Si torna a spingere sull’acceleratore con “One Way To The Promised Land”, un po’ Vanden Plas e un po’ Sonata Arctica, così come per la successiva “Messengers”, probabilmente la canzone più debole del lotto. “Who Do You Follow?” attacca come un terzinato di scuola teutonica prima di esplodere in una strofa da headbanging, e anticipa l’accoppiata “Moving On”/”Set The World On The Fire”, brani groovy di scuola Eighties forse troppo simili tra loro (il riffing rievoca i Threshold di Karl Groom). Chiudono il disco due bonus track: “Living Water” prende spunto dal metal neo-classico - fa un cameo anche Jens Johansson dei sopraccitati Stratovarius - mentre “Utvandrarna” altro non è che un breve e struggente frammento di piano solo.

Un’opera ben scritta e confezionata (la produzione è cristallina ed esemplare, nella migliore tradizione svedese), ma di certo non imprescindibile.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Power Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 44 min.
Tracklist:

  1. REACHING FOR THE TOP
  2. I STILL BELIEVE
  3. ON THE HIGHEST MOUNTAIN
  4. THANK YOU
  5. ONE WAY TO THE PROMISED LAND
  6. MESSENGERS
  7. WHO DO YOU FOLLOW?
  8. MOVING ON
  9. SET THE WORLD ON FIRE
  10. LIVING WATER (2017 VERSION)
  11. UTVANDRARNA (BONUS TRACK)

Line up:

  • Christian Liljegre: vocals
  • CJ Grimmark: guitars, backing vocals
  • Jonatan Samuelsson: bass, backing vocals
  • Martin Härenstam: keyboards
  • Andreas "Habo" Johansson: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
24.99 € / LP
Copertina
39.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
30.99 € / 2-CD (Digipak, Ed. Limitata)
Dello stesso genere
Copertina Edguy
Burning Down the Opera
(AFM / 2003)
Voto: 5,0
1 opinione
Copertina Helloween
Treasure Chest
(Sanctuary / 2002)
Voto: 5,0
1 opinione
Copertina Damnation Angels
Bringer of Light
(Radtone Music / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina DragonHeart Past
Valley of the Damned
(2000)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading