(Frontiers / Frontiers)Labyrinth - Architecture of a God

Copertina A sette anni di distanza dallo splendido "Return to Heaven Denied Pt. II - A Midnight Autumn’s Dream" esce oggi, 21 aprile 2017, l'ottavo album dei Labyrinth "Architecture of a God", un album per cui ad esser sincero non nutrivo alcuna particolare ansia.

Come sarà, come non sarà, sarà all'altezza, sarà discreto, sarà una delusione, sarà un già sentito...tutto chiacchiericcio da bar o giusto battage pubblicitario ma quanto alla qualità della musica proposta dai Labyrinth non c'era proprio nulla su cui discutere o scervellarsi. Era pressochè ovvio che "Architecture of a God" sarebbe stata un grandissima prova, eccellente, come quasi tutti i dischi che lo hanno preceduto, con qualche rarissima eccezione in ogni caso sempre ampiamente valida ed interessante.

E così è stato, in questi quasi due mesi di ascolti ininterrotti (un grazie anche alla Frontiers che si dimostra una label attenta ed intelligente, che non pretende una recensione in 24 ore di frettolosissimi e distratti ascolti) ma non necessari per un reale apprendimento: "Architecture of a God" non è un disco che cresce con gli ascolti, non ne ha bisogno, è un disco che pur non essendo preda di facilonerie o banalità conquista immediatamente, sin dal primo approccio, e colpisce ancor prima che per il suo impatto per la sua eleganza e classe, trademark della coppia Cantarelli/Thorsen, insite nella soave poesia delle linee vocali, esaltate ancora una volta da un'intepretazione di Tiranti incredibile, e supportate dal resto della band in maniera impeccabile: Nik Mazzucconi al basso è entrato pienamente negli schemi della band, Macaluso alla batteria è una assoluta garanzia e conferisce grande dinamismo, menzione d'onore per Oleg Smirnoff che non solo è il mio tastierista preferito ma è, come si dice tecnicamente, "un cazzo di mostro" e credo che questo possa bastare.

"A New Dream", "Bullets", "Someone Says" e "Take on my Legacy" sono stati i quattro brani presentati nella lunga anteprima di questi mesi e rappresentano il giusto riflesso del disco nella sua globalità, un lavoro meno frenetico del passato, con tempi mediamente più misurati, tanta melodia "intelligente", un album estremamente raffinato ed elitario ma non altezzoso, nel complesso un disco elegante e che sa ammaliare e far sognare sin dai primissimi ascolti, anche con la lunga ed enigmatica titletrack che rappresenta un po' la summa della proposta dei Labyrinth e ne cattura a pieno il talento e l'espressività.

Per noi figli degli anni '80 e cresciuti nei '90 c'è anche il tuffo nostalgico indietro nel tempo con la cover di "Children" di Robert Miles ("We Belong to Yesterday", mi sento di citarli...), prima delle emozioni sussurrate da "Those Days" e del delicato congedo gilmouriano di "Diamond" che chiude un disco meraviglioso, che non fa altro che invitarci ad un ennesimo "repeat", invito che accettiamo con malcelata gioia.

Tra nani, parrucconi, mascherati e meretrici che ormai insozzano sempre più la nostra adorata musica, è sempre una fresca boccata di puro ossigeno potersi ristorare nella musica dei Labyrinth: considerare successivamente, durante gli ascolti, che tanta meraviglia proviene dall'Italia ci fa emergere un sorriso soddisfatto e compiaciuto.

Ma, come detto, non ne avevamo il benchè minimo dubbio.
Bentornati.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 28 aprile 2017 alle 13:12

tantissimo, siete così all'antica che vi stimo troppo :) purtroppo siam rimasti in pochi..

Avatar Inserito il 26 aprile 2017 alle 11:07

In arrivo dall'amazzonia! Ho già gli mp3 di amazon, ma mi rifiuto di ascoltarli prima dell'ascolto serio da cd+hifi (quanto sono all'antica??) :P

Avatar Inserito il 26 aprile 2017 alle 08:06

Ordinato a scatola chiusa, aldilà della recensione, ci sono alcuni artisti che non si possono prescindere !

Leggi la discussione completa

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 61 min.
Tracklist:

  1. BULLETS
  2. STILL ALIVE
  3. TAKE ON MY LEGACY
  4. A NEW DREAM
  5. SOMEONE SAYS
  6. RANDOM LOGIC
  7. ARCHITECTURE OF A GOD
  8. CHILDREN
  9. THOSE DAYS
  10. WE BELONG TO YESTERDAY
  11. STARDUST AND ASHES
  12. DIAMOND

Line up:

  • Andrea Cantarelli: guitars
  • Olaf Thörsen: guitars
  • Roberto Tiranti: vocals
  • Nik Mazzucconi: bass
  • Oleg Smirnoff: keyboards
  • John Macaluso: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

9
Recensione a cura di
Gianluca 'Graz' Grazioli
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
Copertina
69.99 € / Tuta (nero, 63% cotone, 37% poliestere)
Copertina
14.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Almanac
Tsar
(Nuclear Blast Records / 2016)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Iron Maidnem
10 Wasted Years
(Nail Records / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Aska
Immortal
(1995)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Devil's Train
Devil's Train
(EarMusic / 2012)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading