(Black Widow Records)Presence - Masters and Following

Copertina Ben prima dell’esplosione del gothic-metal con “voce femminile”, in anticipo alla riscoperta del fascino della lirica da parte del mainstream, mentre il rock italiano arrancava cercando di conquistare una certa credibilità internazionale, a Napoli nascono (nella fase iniziale sotto la denominazione Hellrage) i Presence, una delle grandi eccellenze creative dello Stivale, capace di mescolare in maniera straordinariamente innovativa dark-sound, metal, hard-rock, prog e musica operistica, strabiliando anche chi già confidava ampiamente nelle notevoli possibilità artistiche della “scena” nostrana.
Un’enorme cultura e una grande perizia strumentale (Sergio Casamassima è laureato al celebre G.I.T. di Los Angeles ed Enrico Iglio ha una vasta preparazione specifica) consentono al gruppo pilotato dalla strepitosa ugola di Sophya Baccini (figlia di un tenore e in grado di accorpare nella sua laringe la tradizione del Belcanto, la sensuale sfrontatezza iconoclasta di Sonja Kristina e la sensibilità di Annie Haslam) di conquistare una certa notorietà, se non perfettamente consona alla caratura della band, sufficiente perlomeno a garantirle una meritatissima continuità ed evoluzione nella carriera professionale, svolta sempre nel rispetto del valore assoluto dell’arte.
A distanza di un venticinquennio abbondante dall’esordio, patrocinato dalla Black Widow Records, nel frattempo diventata una preziosissima e affezionata partner, esce questo “Masters and following”, al tempo stesso celebrazione di una “storia” importante e testimonianza di una vena immaginifica ancora piuttosto fertile, in apparenza per nulla “disturbata” da un mercato in piena stagflazione.
Un Cd live, utile sostanzialmente per “ripassare” il sontuoso passato dei Presence, restituito con intonsa efficacia e “freschezza” nonostante una registrazione non proprio "esplosiva", e un dischetto in studio in cui apprezzare ancora una volta la forza espressiva di composizioni pulsanti e iridescenti, trasferite all’ascoltatore attraverso la sagacia di musicisti che non abusano mai dei loro mezzi e non hanno perso la voglia di “stupire”, sebbene all’interno di un percorso sonoro consolidato e riconoscibile.
Testi lontani dalla facile retorica, indirizzati a una valutazione critica delle distorsioni della società contemporanea sostengono un programma ispirato e coinvolgente, che ha nelle atmosfere cangianti e crepuscolari della title-track, nei registri schizofrenici di “Deliver”, nell’impeto caliginoso di “Collision course” e nelle vibranti suggestioni sinfoniche di “On the eastern side” le situazioni “guida”, e dove anche le trascrizioni di “The house of the hill” (degli Audience, formazione “seminale” del prog-psych britannico che vi suggerisco di approfondire, qualora non la conosciate …), di “Freeweheel burning” (firmata Judas Priest) e “This town ain’t big enough for the both of us” (degli Sparks) diventano parte integrante di un modo unico e avvincente di trattare note e pentagramma.
Masters and following” è un albo che rassicura i fans dei Presence e soddisfa tutti i ripudiatori del banale … da non mancare.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Progressive Metal
Anno di uscita: 2016
Durata: 143 min.
Tracklist:

  1. MASTERS AND FOLLOWING
  2. DELIVER
  3. NOW
  4. INTERLUDE
  5. THE HOUSE ON THE HILL
  6. FREEWEHEEL BURNING
  7. SPACE SHIP GHOST
  8. THIS TOWN AIN’T BIG ENOUGH FOR THE BOTH OF US
  9. PRELUDE
  10. SYMMETRY
  11. COLLISION COURSE
  12. ON THE EASTERN SIDE
  13. THE REVEALING
  14. SCARLET (LIVE)
  15. THE SLEEPER AWAKES (LIVE)
  16. LIGHTENING(LIVE)
  17. THE DARK(LIVE)
  18. EYEMASTER(LIVE)
  19. JUST BEFORE THE RAIN (LIVE)
  20. THE BLEEDING(LIVE)
  21. UN DI’ QUANDO LE VENERI (LIVE)
  22. OVERTURE (ORCHESTRAL)
  23. HELLISH (ORCHESTRAL)
  24. J’ACCUSE (ORCHESTRAL)
  25. MAKUMBA (ORCHESTRAL)
  26. SUPERSTICIOUS (ORCHESTRAL)
  27. THE KING COULD DIE ISSUELESS (ORCHESTRAL)

Line up:

  • Sophya Baccini: vocals
  • Enrico Iglio: keyboards, percussions
  • Sergio Casamassima: guitars
  • Sergio Quagliarella: guest on drums
  • Mino Berlano: guest on bass

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
15.99 € / CD
Copertina
24.99 € / Disco Blu-Ray
Copertina
19.99 € / Disco Blu-Ray
Copertina
19.99 € / T-Shirt (nero, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Empty Tremor
The Alien Inside
(Frontiers / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Pagan's Mind
Infinity Divine
(2000)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Soundrise
Timelapse
(2012)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Status Minor
Dialog
(Lion Music / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading