Copertina 7,5

Info

Genere:Power Metal
Anno di uscita:2014
Durata:55 min.
Etichetta:earMUSIC

Tracklist

  1. VENITE 2.0
  2. YOUR TIME HAS COME
  3. EXCEPTIONAL
  4. FOR THE KINGDOM
  5. NOT GONNA TAKE ANYMORE
  6. NIGHT OF THE LONG KNIVES
  7. FIND SHELTER
  8. BLOOD
  9. WHEN THE DEED IS DONE
  10. THRONE OF THE DAWN
  11. MANHUNTER
  12. YOU AND I
  13. JUDGEMENT DAY (BONUS TRACK)

Line up

  • Michael Kiske: Vocals
  • Dennis Ward: Bass
  • Kai Hansen: Guitars
  • Mandy Meyer: Guitars
  • Kosta Zafiriou: Drums

Voto medio utenti

Ti odio, Kiske.

Ti odio perché ti ho amato alla follia, e quando hai cominciato a dichiarare cose come "non voglio che la gente mi associ al metal, non ho più intenzione di cantare metal", sono morto dentro. Poi hai cominciato a ritrattare, più con i fatti che con le parole, cominciando a fare comparsate, guest qua e là, poi arriviamo al 2014 e, maledetto, mi sforni con gli Unisonic un album che, almeno per metà, è il sogno di ogni ragazzino quarantenne come me. Ossia, in due parole, quel sound tipicamente Keeper che solo sua maestà Kai, tu e pochi altri possiedono nel DNA.

"Colpa", per buona parte, anche di Dennis Ward, che sarà anche un bravo bassista, ma è un arrangiatore e produttore come non ne nascono più, il nuovo capitolo degli Unisonic, intitolato "Light of Dawn" è una meravigliosa occasione sprecata, ed un perfetto schiaffone in faccia per tutti i nostalgici come me. Sì, perchè riportare in vita i morti, ahinoi, non è possibile, ma di certo si può ottenere un buon compromesso tra le esigenze del mercato, le richieste asfissianti dei fans, e la propria quota artistica. A mio avviso, il risultato è di tutto rispetto, perché in "Light of Dawn" le CANZONI sono piacevoli, ascoltabili, cantabili, cariche e divertenti, al netto della loro somiglianza o meno con la Bibbia. Per prendere in prestito un concetto elaborato magistralmente da Elio e le Storie Tese, qui il cosiddetto "indice di fischiettabilità" è altissimo, e le canzoni hanno tutto quel che ti serve per farti sentire soddisfatto di come hai speso la venti euro: "Your Time Has Come" sembra uscita da quel disco lì, "Exceptional" è un mid tempo ruffiano ma piacevole, "For the Kingdom" ha un ritornello e dei solos de-li-zio-si, e potremmo continuare a trovare cose piacevoli qua e là per tutti i brani, ma odio mettere su carta (per quanto virtuale sia) le emozioni che mi sta dando ascoltarlo; e il motivo principale, smettiamola di girarci intorno, è sempre e solo LUI, maledetto. Michelino Kiske canta con una grinta, una convinzione, una estensione e una pulizia che levati, pisciando elegantemente in faccia all'intera scena power moderna, e qui se si avesse un pò di sale in zucca lo si dovrebbe riconoscere: nel 2014 non c'è ancora chi è in grado di raccogliere l'eredità ingombrante di questi mostri sacri, di gente così ne nasce una in un secolo, che sembra esser stata creata per fare quello che fa. Invidia.

Tirando le somme e cercando di ritornare il più obiettivi possibile, "Light of Dawn" è un disco molto bello, non strepitoso, ma di sicuro piacevole dall'inizio alla fine. Equilibrato tra le sue strizzatine d'occhio al passato, un solido presente ed un futuro che, se non fanno qualche cavolata, potrebbe essere molto roseo. Se io fossi gli Edguy, ed avessi gli Unisonic ad aprire per me ogni sera, due gocce di Xanax me le prenderei, prima di salire su quel palco.
Recensione a cura di Pippo 'Sbranf' Marino
Un grande secondo disco!

Concordo a pieno man e anzi devo dire che rispetto al debutto ho notato piu' maturita' e piu' freschezza negli arrangiamenti!!! Kiske inumano e perfetto e una band che gira in grandissima forma! Non evdo l'ora di vederli a Trezzo! Eh si cari Edguy...dura vita avere gli Unisonic come band spalla!!! Se ya

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 25 ago 2014 alle 11:41

L'unica cosa che mi viene in mente è "BOOM"! Rispetto al primo album qua siamo su un altro pianeta. Se il disco avesse mantenuto nel complesso l'impatto dell'intro + "Your Time Has Come" l'intera scena power moderna avrebbe lanciato gli strumenti dalla finestra, ma in fin dei conti ben venga una maggiore varietà se i pezzi sono comunque di livello. Kiske voce pazzesca.

Inserito il 23 ago 2014 alle 10:52

Pienamente d'accordo su tutto, bravo maestro!

Inserito il 23 ago 2014 alle 09:19

Rece da maestro, grande disco (per me tra i top five del 2014). Voto personale 8.

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.