(logic(il)logic Records / Andromeda Dischi)Steel City - Now It's Time

Copertina Dopo parecchi anni di propensione alla commistione e alla contaminazione, il mondo del rock sembra aver riscoperto le sue “radici” (una cosa, di per sé certamente positiva, soggetta, però, come sempre accade, a preoccupanti fenomeni inflazionistici …), ma nonostante tutto c’è ancora qualcuno che crede nel potere creativo del crossover, un genere che in realtà non ha mai abbandonato i favori del pubblico e del business discografico, magari declinato nelle sue formulazioni più accessibili ed emotive.
Gli Steel City di Crema, nonostante il monicker vagamente fuorviante (almeno per il sottoscritto, che si aspettava, visti anche i tempi di diffuso revival, una band di cromato HM “classico” …) si pongono esattamente all’intersezione tra il “vecchio” modo d’intendere il concetto di meltin’ pot (Machine Head, Faith No More, …) e le recenti tendenze dell’alternative (Avenged Sevenfold, Bullet For My Valentine, Alter Bridge, Creed, …), realizzando un prodotto di buona qualità, in cui s’incontrano tensione, fantasia, aggressività e adulazione, abbastanza ben amalgamate e proposte attraverso un linguaggio espressivo sufficientemente equilibrato.
Al quadro complessivo manca forse solo un pizzico di fluidità e di magnetismo nelle strutture armoniche, elementi provvidenziali per ottimizzare composizioni che talvolta appaiono un po’ “forzate” e superficiali, o comunque leggermente carenti in fatto di penetrazione sensoriale.
In tale contesto, una potente title-track, la straniante “Last evolution”, le thrash-osissime “No one's guilty” e “Mandragora” e ancora le velleità “radiofoniche” di "Under your face” (gran bel lavoro, guys …) sono i pezzi a trasmettere le impressioni migliori, mentre “Faster “e “Black heart monster tears” procurano effetti contrastanti, a causa di qualche piccola sfocatura che ne limita l’incisività nonostante il dinamismo, la discreta inventiva e un’interessante forma di rivisitazione della dirompente dottrina nu-metal.
“Now it's time” piace perché fa “rivivere” piuttosto efficacemente la migliore “stagione” dell’ibridazione sonora, con quell’attitudine sottomessa solo al principio “superiore” della sperimentazione intelligibile.
Lo “spirito” giusto c’è e i perfezionamenti non potranno che arrivare …

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 25 luglio 2013 alle 21:23

P.S.: leggo adesso che sei della provincia di Cremona... Magari ci conosciamo anche... Non facevi prima a scriverci direttamente invece che farlo da qui?

Avatar Inserito il 25 luglio 2013 alle 20:10

Per chiudere la questione, che forse sta andando un po' oltre: 1) c'è una bella differenza tra dire "commenti fatti con intelligenza e motivazione" e "persona dotata di scarsa intelligenza", e io intendevo dire la prima, mi sono spiegato si o no? 2) invece di dire "inascoltabile" avresti fatto più bella figura a dire "questo genere non mi piace" oppure "secondo me dovreste migliorare questo e quello" (motivando il tuo punto di vista). Accetto molto volentieri le critiche, che servono anche a crescere, mi danno fastidio invece i giudizi veloci e fatti con arroganza. 3) in ogni caso, "grazie" anche del tuo giudizio. Ne terremo presente per realizzare il prossimo lavoro!

Avatar Inserito il 25 luglio 2013 alle 16:38

Quali motivazioni cerchi? Il disco l'ho sentito....non scelgo dischi a caso da criticare o elogiare... Grazie per avermi detto che sono poco intelligente, ma il giudizio non cambia.... Dischi rock/metal italiani fatti male che vengono elogiati solo perchè italiani. Se venisse, che so, dalla norvegia e fosse suonato/cantato così sarebbe criticato duramente..... Ma non curatevi di me, in fondo il mio è solo un giudizio poco intelligente.........

Leggi la discussione completa

Genere: Nu Metal / Crossover
Anno di uscita: 2013
Durata: 45 min.
Tracklist:

  1. INTRO
  2. NOW IT'S TIME
  3. I DON'T BELONG
  4. LAST EVOLUTION
  5. NO ONE'S GUILTY
  6. MANDRAGORA
  7. UNDER YOUR FACE
  8. WHERE IS MY HOME?
  9. FASTER
  10. BLACK HEART MONSTER TEARS

Line up:

  • Fabio ‘Feb’ Riccio: vocals
  • Alessandro ‘Canna’ Cannatelli: guitar
  • Samuele ‘Iceman’ Cremonesi: guitar
  • Andrea ‘Devilman’ Brambilla: bass
  • Francesco 'Iron-Ceco’ Valente: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Dello stesso genere
Copertina Xtoy
My Master Luthier
(Autoprodotto / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina De Crew
Dynamics Of Human Behaviour
(Ammonia / 2007)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Obscene Gesture Demo
Demo 2005
(2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina [Sway] Demo
[Sway]
(2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading