Copertina 8

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2006
Durata:41 min.
Etichetta:Candlelight
Distribuzione:Audioglobe

Tracklist

  1. UNDERWORLD
  2. INVISIBLE ENTITY
  3. THEIR DEAD POETRY
  4. SUNGOD
  5. ERZULIE'S CHARM
  6. PURPLE NIGHTSHADES
  7. LIVING THRASH
  8. THE FIGUREHEAD
  9. THE WISH
  10. DREAMS OF LITTLE GIRLS

Line up

  • Andrea Haugen: all

Voto medio utenti

La strega della nebbia è tornata.
Con il suo secondo progetto sotto le spoglie di Nebelhexe, Andrea Haugen, poliedrica e misteriosa artista, ritorna sulla scena musicale per ammaliare chi ancora non ha avuto a che fare con la magia delle sue note.
Conosciuta dai più come Hagalaz Runedance, progetto epico e dalle venature spiccatamente nordiche che l'ha tenuta impegnata per ben sei anni, ora Andrea dedica completamente la sua arte allo studio della natura umana, del lato oscuro che anima i moti più segreti dello spirito. "I sentimenti nascosti, i variegati pensieri della psiche, le esperienze negative e devastanti di ognuno di noi, il perché della nostra stessa esistenza" sono diventati il fulcro della sua ricerca umana e spirituale, che si riversa, come un fiume in piena, in "Essensual", bizzarro titolo che gioca sulla fusione di due termini rappresentativi del lavoro di Nebelhexe, "essential" e "sensual".
La mente si perde tra le sonorità mistiche di "Underworld", dove la voce di Andrea sembra una luce in fondo all'oscuro selciato. Trame inquietanti si dispiegano tra un brano e l'altro, riportando alla mente brani come "King of the Mountain" (Kate Bush) o stralci di "Other People Stories" (Kari Rueslatten), con l'aggiunta di basi elettroniche ed intricati loop che accompagnano il pellegrino ascoltatore verso l'inusuale meta del proprio cammino.
Con "Invisible Entity" l'atmosfera si carica ed il ritmo coinvolgente dalle chitarre distorte e del tappeto di bassi più marcato di "Their Dead Poetry" ci catapulta in una notte d'autunno dove, in cerchio intorno ad un fuoco, le streghe danzano incantate dalla luna.
I contro cori di matrice folk (forse memoria del non più recente passato) di "Erzulie's Charm" e "Living Thrash" arricchiscono questo paesaggio di pennellate bucoliche e bagliori intimisti.

Dedicato a chi non teme di scoprire ciò che è nascosto nel proprio cuore.
Recensione a cura di Silvia 'Kleo' Colombo

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.