Copertina 8,5

Info

Anno di uscita:2019
Durata:79 min.
Etichetta:Volcano

Tracklist

  1. FEAR INOCULUM
  2. PNEUMA
  3. INVINCIBLE
  4. DESCENDING
  5. CULLING VOICES
  6. CHOCOLATE CHIP TRIP
  7. 7EMPEST

Line up

  • Maynard James Keenan: vocals
  • Adam Jones: guitars
  • Justin Chancellor: bass
  • Danny Carey: drums

Voto medio utenti

Un primo ascolto è quello di G. Marangoni, e, vale sempre. Il secondo, notturno e sospeso, è quello delle paure. Il terzo fa a pugni con le imprecazioni e le riflessioni. Dal quarto si sentono bene i piedi e dal quinto inizia un'espansione.

Prima erano "i Tool": una band con un'aurea. Ora, sono un collettivo artistico, amalgama surreale, mera e ancora sublime, tecnologia sonora da rito di massa.
Che siano "loro" ad andare verso il Mondo fa strano. Molto.
Ribaltare il senso trascina in parte anche il tempo.

Disponiti uno di fronte all'Altro. Prendi la forma del doppio, e, restaci. Gioca con l' apparenza, senza attirate esseri umani curiosi e vigili: potrebbero portare quella dose di razionalità di troppo.
Passa da ascolti auricolari ad espansi, abbassando le risposte emotive, rallentando il sistema cognitivo. Placa le prese in parti.

Prima si percorrevano alchimie inattendibili ma percepibili e si derivava una ricerca sonora originale, ora si lanciano eredità e si mostra una progressione ingegneristica.
Con "la invincible live" si segna un nuovo corso: meno "illuminato" e meno ideale, più generoso ed egemonico ma inaccessibile, devastantemente vasto. Irriproducibile nella galassia delle autoproduzioni.

Prima facevano s-cultura. Adesso come ognialtro accumulano conoscenze (?). Prima si andava avanti...ora si è dentro un ambiente privo di versi, liberato ed elusivo.
Fuori dal vaso, dal terzo giorno, Fear Inoculum, sembra una civiltà che si canta addosso.
Salmodiare armonici è come vedere un* ministr* con una t-shirt di Alejandro Jodorowsky o di Noam Chomsky...
È davvero così che si ricreano nuovi Padri?

Fear Inoculum è un primo passo, la conquista della postura eretta. Pneuma la coscienza di sé, Invincible il profilo delle gravità. Descending un cammino psichico. Culling voices... L'ulteriore, che, concretizza e tracima in sé un nuovo punto di vista, in perpetuo divenire.
E 7empest mette fine alla temporaneità.
In mezzo all'incisione editata si incontrano pensieri creativi e formule di appartenenza ampie e sfumate.
La perizia della band è sfuocata. Prima scrivevano visioni sonore per strizzare il superfluo, adesso: ha ancora senso parlare di prima?

Fear Inoculum è forse un'istantanea di quanto siano acerbi gli Universali e gli Immateriali?

a Voi il Viaggio!
Recensione a cura di Marco Pastagakio Regoli
Capolavoro

Mah... a mio avviso è un capolavoro.

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 07 set 2019 alle 10:15

ahahah grazie vaicocco!

Inserito il 07 set 2019 alle 10:14

alla fine dopo svariati ascolti avete variato il giudizio? :)

Inserito il 03 set 2019 alle 12:25

Sbranf sei fantastico ! Hai espresso in numeri quello che non sono riuscito a dire in 10.000 (richiamo voluto) parole. Avrei aggiunto il "grado di sonnolenza" che protebbe interrompere e/o frazionare le 4,5 ore di ascolto medio giornaliero. Però forse il calcolo sarebbe diventato un po' troppo complesso....

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.