Copertina 5,5

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2013
Durata:42 min.
Etichetta:Century Media Records
Distribuzione:EMI

Tracklist

  1. FOR YOUR OWN GOOD
  2. TEN MORE MILES
  3. PIECE BY PIECE
  4. INTO THE FREE
  5. RUN BHANG-EATER, RUN!
  6. GREEK FIRE
  7. THE DAYS PASSED
  8. NO GOOD STORY EVER STARTS WITH DRINKING TEA
  9. WE RIDE TOGETHER

Line up

  • Mathias "Warlord" Nygård: vocals
  • Jussi Wickström: guitars
  • Olli Vänskä: violin
  • Robert Engstrand: keyboards
  • Jesper Anastasiadis: bass
  • Jaakko Jakku: drums

Voto medio utenti

Riesco ad ascoltare questo "Turisas2013" solo alcuni giorni dopo aver visto Mathias Nygård e soci dal vivo, in occasione dell'Heidenfest Tour dove i Turisas mi avevano fatto un'ottima impressione: un gruppo solido e sicuro dei propri mezzi pur dopo un'evidente metamorfosi musicale, la stessa che già si poteva intravedere su "Stand up and Fight" e che ora nel suo successore si è fatta ancor più evidente.

Un cambiamento giustificabile e accettabile, ma non per questo, necessariamente, riuscito.

Infatti, al di là della partenza con l'ottima "For Your Own Good" (nel refrain sembra quasi di ascoltare i Blue Öyster Cult di "Veteran of the Psychic Wars" e certo non gli autori di "One More"), l'album perde colpi in più di un'occasione, finendo con il toccare il fondo con la conclusiva "We Ride Together", improponibile e ben poco ispirata. "Run Bhang-Eater, Run!" o "Ten More Miles" ci consegnano comunque un Mathias "Warlord" Nygård che è cresciuto tantissimo, peccato che la prima sia uno sconclusionato incontro tra una Polka, un saxofono e vocalizzi femminili da dimenticare, e che la seconda suoni posticcia (con un ritornello di infima fattura) perdendosi nelle sue tentazioni catchy. E mentre con "No Good Story ever Starts with Drinking Tea" scopriamo i Turisas alle prese di una scontata ed innocua Folk Metal drinking song, ecco che ci offrono qualcosa di meglio l'energica "Piece by Piece", la veloce e scattante "Into the Free" e quegli spunti melodici che caratterizzano gran parte di "The Days Passed".

Lo stravolgimento della line-up, con l'innesto del tastierista Robert Engstrand, del batterista Jaakko Jakku e del bassista Jesper Anastasiadis, e lo stesso titolo dell'album, sottolineano come i Turisas siano oggi una band che, rinnovata, sta avanzando nella sua evoluzione.

Spero che "Turisas2013" resti solo un isolato passo falso in questa loro fase.




I am
I hear
I see
I feel
I review
Recensione a cura di Sergio 'Ermo' Rapetti

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.