Copertina 7

Info

Genere:Gothic / Dark
Anno di uscita:2011
Durata:39 min.
Etichetta:Relapse Records

Tracklist

  1. ARTIFICIAL MADNESS
  2. WAIT FOR AMATEUR
  3. CLASSICALLY WOUNDED
  4. COLD BLOOD IN PRESENT COMPANY
  5. COMPATIBILITY
  6. THE MODERN SWINE
  7. IMPERFECT STAR
  8. THE PARAFFIN HEARTS
  9. THE SUBJECTS
  10. THE GONER
  11. A CAREER IN FALSEHOOD

Line up

  • Chris Connelly: vocals, guitar
  • Noah Leger: drums
  • Will Lindsay : bass
  • Dallas Thomas: guitar
  • Sanford Parker: keyboards

Voto medio utenti

Un mio collega americano ha definito quest’album “ciò che Lulu sarebbe potuto essere, se fosse stato un bel disco”, e la descrizione sembra calzare a pennello all’ennesimo album di Chris Connelly, ai più noto ‘solo’ per la sua presenza nei Ministry ormai vent’anni fa, ma ai pochi conosciuto per essere un prolifico musicista, che ha da tempo inaugurato una carriera solista che lo ha portato a svariate pubblicazioni, da solo o con varie formazioni. E la musica che Chris predilige è uno strano ibrido tra wave, post punk, gothic e dark music, che mi fa pensare ora ai Bauhaus, ora ad un David Bowie intristito, forse Nick Cave in alcune suggestioni particolari. Una via l’altra, le composizioni di “Artificial Madness” ci raccontano di un mondo disumanizzato dalla troppa tecnologia presente, che ha snaturato l’uomo rendendolo inutile orpello attaccato ad una macchina. La voce quasi stanca e svogliata di Chris è il perfetto compagno di viaggio all’interno di composizioni sonnacchiose anche nelle tracce più tirate, in cui l’atmosfera nebbiosa ed uggiosa fa da perfetta atmosfera ad un inverno che si avvicina, silenzioso e grigio come una domenica mattina in Scozia. Un album come questo, inevitabilmente, necessita della giusta attitudine per essere fruito pienamente; di conseguenza, il minimo che possiamo fare è sconsigliare vivamente i metallari dall’ascolto del medesimo. Di sicuro sarebbe un buon regalo di natale per Mikael Åkerfeldt, vista la direzione intrapresa dai suoi Opeth ultimamente... Bando al facile sarcasmo, “Artificial Madness” è una piccola gemma di dark rock, che va ascoltata per volontà propria e non per caso; una volta caduti nel mood, vi assicuro che quest’album può risultare pericolosamente contagioso.
Recensione a cura di Pippo 'Sbranf' Marino

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.