Ring of Fire - Burning Live In Tokyo 2002

Copertina 7,5

Info

Genere:Power Metal
Anno di uscita:2003
Durata:111 min.
Etichetta:Frontiers
Distribuzione:Frontiers

Tracklist

  1. INTRODUCTION - PRELUDE
  2. CIRCLE OF TIME
  3. CITY OF THE DEAD
  4. VENGEANCE FOR BLOOD
  5. ATLANTIS
  6. INTERLUDE - PRELUDE N.2
  7. DEATH ROW
  8. SAMURAI
  9. DREAMS OF EMPIRE
  10. TONY MACALPINE GUITAR SOLO
  11. KEEPER OF THE FLAME
  12. PHILIP BYNOE BASS SOLO
  13. VIRGIL DONATI DRUM SOLO
  14. THE ORACLE
  15. VITALIJ KUPRIJ KEYBOARD SOLO
  16. E LUCEVAN LE STELLE
  17. BRINGER OF PAIN
  18. FACE THE FIRE
  19. FAIRYTALES WON'T DIE
  20. RING OF FIRE
  21. LEVIATHAN

Line up

  • MARK BOALS: vocals
  • TONY MACALPINE: guitars
  • PHILIP BYNOE: bass
  • VITALIJ KUPRIJ: keyboards
  • VIRGIL DONATI: drums

Voto medio utenti

Mark Boals, Tony MacAlpine, Virgil Donati, Vitalij Kuprij e Philip Bynoe: quando cinque musicisti di questo calibro si trovano sullo stesso palco per dar luogo a un concerto memorabile, nessun metallaro degno di tal nome dovrebbe mancare. Ma visto che Tokyo è un po' troppo lontana per la maggior parte degli appassionati italiani, si può solo sperare che eventi di questo genere vengano registrati e messi a disposizione di ogni amante della musica. Ed è proprio questo il grande merito della Frontiers, che nell'autunno 2003 ci propone questo doppio cd, uscito già lo scorso anno ma che fino ad oggi era disponibile soltanto tramite importazione, purtroppo ad un prezzo esorbitante. Il live in questione si è tenuto il 21 febbraio 2002 al Shibuya on Air East di Tokyo, due ore intense di concerto e una scaletta ben assortita, che per ragioni cronologiche non comprende il secondo disco del gruppo (“Dreamtower”), non ancora uscito all'epoca. Il primo cd propone le migliori canzoni del primo album dei Ring of Fire (“The Oracle”) e alcune del disco solista “Ring of Fire” di Boals (“Death Row” e “Atlantis”), dal quale è nato il nome della band. La prima parte di questo live si conclude con un bell'assolo di Tony MacAlpine, più basato su velocità e pulizia di esecuzione incredibili che sul feeling. Il secondo cd vede, oltre ai migliori episodi di Boals solista (“Keeper of the Flame”, “Ring of Fire”, “Bringer of Pain”), numerosi assoli (eccellente quello dello strepitoso Virgil Donati), una canzone inedita (“Leviathan”), un omaggio a Beethoven da parte di Vitalij Kuprij (“Moonlight Sonata”) e un Boals inedito che si cimenta con la lirica italiana (“E Lucevan le Stelle”) con buoni risultati. E' anche presente un messaggio vocale dello stesso Boals, che ringrazia l'ascoltatore e gli augura di provare, durante l'ascolto del disco, le stesse emozioni che gli ha dato questa esperienza. La performance del gruppo è ottima: perfetta dal punto di vista strumentale, i virtuosismi neoclassici vengono riproposti con grande perizia e passione. Solo due le note negative. Il rumore del pubblico è quasi completamente tagliato fuori dalla produzione, e questo potrebbe incidere negativamente sul coinvolgimento: è più che altro una questione di gusti. La produzione stessa non è ottimale, ma comunque più che dignitosa. Il risultato complessivo è quindi decisamente buono, uno dei migliori live che mi è capitato di sentire quest'anno, e che per questo motivo è consigliato sia ai fan del gruppo sia a chi si vuole avvicinare per la prima volta alla musica di Mark Boals e dei Ring of Fire.
Recensione a cura di Marco 'Lendar' Pessione

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.