Fragile Vastness - Perception

Copertina Dopo un attesa quasi estenuante di dodici anni, è finalmente uscito il secondo album del gruppo greco che mi fece lacrimare con un'irripetibile opera d'arte che fu "A Tribute To Life".

Purtroppo il cambio di line up, la nuova cantante donna, una scrittura e stesura dell'album concept un po’ rapida ed improvvisa, sono stati visti come segnali negativi che in sincerità avevano un po’ fatto storcere il naso fin dall'annuncio dell'uscita dell'album.
Tuttavia, l'aspettativa era alta e la fiducia che comunque stesse arrivando un buon lavoro, seppur non da urlo, non mancava.
Il risultato ahimè è stato peggio del peggio che si poteva aspettarsi da loro. Sottolineo "da loro" perché se fossi di fronte ad un debut di un gruppo in erba sarei pure contento e non esiterei a tesserne le lodi, seppur sottolineando le carenze.
Per loro invece non ho parole di elogio. E non solo per i brani banali come "I'm Fire" o "Heaven On Mars", ripetitiva e senza un momento di apice o clou, ma proprio per l'insieme dell'opera.
Inizio sciapo e superficiale e quando finalmente si inizia a sentire un po’ di impegno in fase di composizione e costruzione del brano, come in "World Distorted", subito si torna ad un livello mediocre e quasi remoto; penso a "Daydreamers" ed ai suoi richiami sonori di chitarra inizio anni '90.
A parte l'interludio di "The Portal" ai fini narrativi, i momenti da risaltare ci sono ma sinceramente pochini. L'assolo di basso in "A Wall Of Glass", il refrain easy in "A Face In The Mirror" oppure l'andamento ritmico di "Frequencies".
Tuttavia, la voce sembra fare il verso ad Anouk Teeuwe ed ironicamente rende ogni brano fragile, anche la title track "Perception" che dovrebbe essere l'apice ed invece sembra presa da un album di un gruppo differente.
In aggiunta a ciò l'effetto concept manca di trasporto ed incisività, tanto che il finale narrativo "Vivacious Turns Of Thought" viene percepito come una forzatura per dare risalto ad un racconto che senza passerebbe del tutto inosservato.
In conclusione, brevi momenti piacevoli ma che non bastano a ridare smalto ad un gruppo che fece veramente centro ma dal quale non sembra essere rimasto molto.
Il tempo dirà se il giudizio di oggi è stato troppo severo oppure tristemente vero.

A cura di Pasinato Giovanni

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 28 luglio 2017 alle 13:34

mi mancano anche questi..

Leggi la discussione completa

Genere: Prog Rock
Anno di uscita: 2017
Durata: 44 min.
Tracklist:

  1. I'M FIRE
  2. HEAVEN ON MARS
  3. WORLD DISTORTED
  4. DAYDREAMS
  5. THE PORTAL
  6. FREQUENCIES
  7. WALL OF GLASS
  8. FACE IN THE MIRROR
  9. PERCEPTION
  10. VIVACIOUS TURN OF THOUGHTS

Line up:

  • Vangelis Yalamas: bass
  • Babis Tsolakis: drums
  • Evi Katsamatsa: keyboards
  • George Thanasoglou: guitars
  • Vasilis Batilas: guitars
  • Elena Stratigopoulou: vocals

Voto medio utenti: Nessun voto

6
Recensione a cura di
Ghost Writer
In vendita su EMP
Copertina
19.99 € / 2-LP
Copertina
14.99 € / Pendente con laccio in cuoio (acciaio inossidabile)
Copertina
17.99 € / CD
Copertina
44.99 € / Felpa donna (verde, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Parallel or 90 Degrees
A Can of Worms - The best of Po90
(Prog Records / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina GOAD
Glimpse
(Multipromo / 1998)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Asia
Aura
(InsideOut Music / 2000)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina GOAD
Raomen: Spoon River Anthology Songs
(Mellow Records / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading