(Napalm Records)Unleash the Archers - Apex

Copertina "Ancora acerbi ma con grandi margini - e possibilità - di miglioramento"

Così il nostro Ermo concludeva la sua recensione (qui) di "Time stand still", terzo e penultimo lavoro dei canadesi Unleash the Archers.
Ebbene ci aveva visto lungo il "ragazzo" dimostrando ottimo fiuto...

Con questo "Apex", edito ancora da Napalm Records, quarto album in appena 10 anni di carriera Brittney Slayes, Scott Buchanan e compagni sono finalmente usciti dal limbo delle band di cui si dice (come a scuola): "potrebbe ma non si applica abbastanza", per sedere a pieno titolo al tavolo delle band da tenere in seria considerazione.
I motivi sono molteplici a partire dall'aver (dopo l'ennesimo stravolgimento di lineup) trovato in Andrew Saunders (chitarra) e Nikko Whitworth (basso) due elementi non solamente validi ma soprattutto in grado di aggiungere potenza e soluzioni personali al sound della band, alla decisione finalmente di smettere di tenere il piede in due staffe.

Questa a mio parere è la vera svolta vincente della band: l'avere abbandonato panni che non sentivano loro ed interpretavano quasi a forza. Parlo degli inserti death nel loro suono e nelle harsh vocals ficcate qua e là nel precedenti album che, lungi dall'aggiungere qualcosa all'insieme, risultavano fuori luogo nella proposta degli UTA.

Questo "Apex" invece, a partire dal magnifico artwork di Ken Sarafin- suona pienamente power metal in ogni sua nota e coro.
Si inizia dall'opener "Awakening", nei cui riffs rimbombano i primi Helloween impreziositi da cori potenti ed evocativi e sebbene si superino i 7 minuti di durata la canzone scorre senza annoiare mostrando il talento di ogni singolo componente della band.

I cori anthemici delle successive "Shadow Guide" e "The Matriarch" mettono ancora più in evidenza la grande esecuzione e padronanza del drumming di Scott aiutato da Whitworth che dispiega con il suo basso potenza e precisione, i riffs relativamente "catchy" ma fortemente coinvolgenti della coppia Truesdell/Saunders nonchè l'impatto emotivo della voce davvero esplosiva di Brittney.

"Cleanse the Bloodlines" e la magnifica "The Coward's way" (impossibile resistere al suo fantastico refrain) chiudono al meglio la prima parte del disco. Durante gli ascolti confesso di aver pensato che se anche le successive 5 canzoni si fossero mantenute su simili livelli questa release avrebbe polverizzato moltissime uscite ben più celebrate.

Purtroppo "False Walls" e la seguente "Ten Thousand against one" segnano una netta caduta di tensione nell'album, mid tempo orecchiabili e nulla più con cori di facile presa ma non certo dello stesso spessore dei primi brani.
La successiva "Earth and Ashes" invece -nonostante parta come una power ballad- si rivela di tutt'altra pasta mostrando strutture complesse e sottotrame melodiche che si intrecciano a ripetizione, richiamandosi più volte durante gli oltre 6 minuti di durata. Peccato per il ritornello abbastanza banale ma nel complesso una decisa impennata.

"Call me Immortal"
, la penultima traccia, è invece il tipico brano che spaccherà e diverrà un must in sede live (faccio anch'io una specie di profezia): ha un discreto tiro, una parte ritmica rocciosa ma non esasperata ed un ritornello assolutamente ammiccante e coinvolgente che sembra fatto apposta per far volare le voci alte verso il cielo.

Il piatto forte arriva in chiusura di album: la palma di best song va infatti alla title track "Apex" che sigilla il disco.
Con i suoi 8 minuti di durata permette ad ogni componente del gruppo di apportare qualcosa di personale al servizio però di un insieme coerente di trovate: si parte con un arpeggio di chitarra seguito da una parte acustica che esalta la voce pulita e potente della Slayes, ma proprio quando sembra di trovarsi al cospetto di un filler conclusivo, ecco partire un bridge potente ed un meraviglioso refrain che porta senza esitazioni ad uno "scapocciamento" protratto durante il magnifico solo centrale via via verso il fading finale.

Sono decisamente cresciuti gli Unleash the Archers, e con loro crescerà anche il numero dei fans se i molti metal heads che ancora storcono il naso di fronte alle frontwoman avranno la coerenza di ascoltarli prima di esprimere un giudizio!

"Fly out beyond the stars, where the wind takes me
Away and leads me through the dark, defying gravity"


Unleash the Archers - "Apex":





Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 09 agosto 2017 alle 23:14

Mi ricordano i primi Dark Moor però meno sinfonici

Avatar Inserito il 09 agosto 2017 alle 16:17

Non li avevo mai ascoltati e mi sono approcciato a loro con questo disco, grazie anche all'eccitazione dimostrata nel nostro forum. Un disco devo dire piacevole e potente, classico come costruzione ma moderno per certe scelte di suono, una voce femminile "con le palle", riff muscolosi e ritmi galoppanti. Ha girato in macchina diverse settimane e alla fine condivido il giudizio dato da Ale. p.s. per curiosità ho dato un ascolto anche ai lavori precedenti ma... meglio lasciar perdere, Apex spicca nettamente.

Leggi la discussione completa

Genere: Power Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 60 min.
Tracklist:

  1. AWAKENING
  2. SHADOW GUIDE
  3. THE MATRIARCH
  4. CLEANSE THE BLOODLINES
  5. THE COWARD'S WAY
  6. FALSE WALLS
  7. TEN THOUSAND AGAINST ONE
  8. EARTH AND ASHES
  9. CALL ME IMMORTAL
  10. APEX

Line up:

  • Brittney Slayes: vocals
  • Scott Buchanan: drums
  • Grant Truesdell: guitars
  • Andrew Saunders: guitars
  • Nikko Whitworth: bass

Voto medio utenti: Nessun voto

7
Recensione a cura di
Alessandro Zaina
In vendita su EMP
Copertina
24.99 € / Collana (acciaio inossidabile)
Copertina
17.99 € / 2-CD (Digipak)
Copertina
139.99 € / 6-CD & DVD (Ed. Limitata, BoxSet)
Copertina
19.99 € / T-Shirt (giallo, 100% cotone)
Dello stesso genere
Copertina Meduza
Now and Forever
(Massacre / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Helloween
Live In Sao Paulo
(Steamhammer / 2007)
Voto: 4,0
1 opinione
Copertina Nightmare
The Aftermath
(AFM Records / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Evil Masquerade
Theatrical Madness
(Frontiers / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading