Alice In Chains

Foto
Logo

Info

Nazione:Stati Uniti
Attività:dal 1987

Line up

  • William DuVall: vocals & guitars
  • Jerry Cantrell: vocals & guitars
  • Mike Inez: bass
  • Sean Kinney: drums
Gli Alice in Chains sono un gruppo musicale grunge/alternative metal statunitense, formatosi a Seattle nel 1987. Insieme a Nirvana, Pearl Jam e Soundgarden, sono una delle band di maggior successo dalla scena grunge (Seattle Sound) americana.

Il cantante Layne Staley, dopo lo scioglimento nel 1986 della sua band chiamata Sleeze, forma gli Alice N' Chainz, gruppo heavy metal dall'immagine tipicamente hair metal che suonava pezzi di W.A.S.P. e Armored Saint nei locali di Seattle. Staley la definì, ironicamente, una band di travestiti che suonava speed metal. Durante una serata al "Music Bank Rehearsal Studios" Staley incontrò il chitarrista Jerry Cantrell e gli propose di unirsi ad un gruppo funk da lui appena formato. Il chitarrista avrebbe accettato a patto che Staley, a sua volta, entrasse nel suo gruppo, i "Diamond Lie", nel quale militavano anche il batterista Sean Kinney ed il bassista Mike Starr.

Nel 1987 il gruppo funk di Staley si sciolse, permettendogli così di entrare nella band di Cantrell a tempo pieno. La nuova formazione cominciò ad esibirsi in vari locali, riprendendo prima il nome della precedente band di Staley, Alice N' Chains, cambiando però la "z" con la "s", e trasformandolo poi nel definitivo Alice in Chains. Il gruppo firmò un contratto con la Columbia Records nel 1989 e nel luglio del 1990 uscì il loro EP We Die Young. Il pezzo che dava il titolo all'EP divenne popolare sulle radio che trasmettevano heavy metal.

Sempre nel 1990 venne realizzato il primo LP, Facelift, da cui venne estratto il singolo di successo Man in the Box, il cui video fu trasmesso da MTV. L'album venne supportato da un tour nel corso del quale la band aprì i concerti dei Van Halen e di Iggy Pop. Nel 1991 gli Alice in Chains effettuarono altre apparizioni live in America durante il Clash of the Titans, in compagnia di Slayer, Anthrax e Megadeth.

In seguito gli Alice in Chains pubblicarono l'EP Sap, raccolta di pezzi acustici, atipici per il sound della band. Il gruppo cominciò a diventare sempre più popolare a partire dal 1992, quando una delle loro nuove canzoni, Would?, entrò a far parte della colonna sonora del film Singles - L'amore è un gioco, del regista Cameron Crowe, che racconta le vite di alcuni single di Seattle. Questo contribuì a creare aspettative per il successivo LP del gruppo.

Dirt, pieno del caratteristico suono della band, pesante e distorto, venne pubblicato nel settembre del 1992, e fu un successo sia per quanto riguarda la critica sia dal punto di vista commerciale. Tuttavia i testi dell'album, così oscuro e dominato dai temi della solitudine e della dipendenza, diedero adito a voci secondo cui Layne Staley fosse seriamente dipendente dall'eroina. Gran parte di queste voci successivamente risultarono vere. Stessa cosa vale per il bassista Mike Starr, che lasciò la band proprio a causa della tossicodipendenza e venne sostituito da Mike Inez. Nel maggio del 2009 Mike Starr è stato visto a New York suonare con entusiasmo in una cover band degli stessi Alice in Chains. Morirà in un residence di Salt Lake City l'8 marzo 2011.

Dopo l'esibizione al Lollapalooza nel 1993, la scena della musica alternativa era pronta a ricevere dal quartetto di Seattle un altro album arrabbiato e potente. Ma con Jar of Flies, uscito nel gennaio del 1994, la band sbalordì tutti con un suono totalmente atipico e con pezzi acustici. Realizzato come un EP, più specificamente come EP semi-acustico (ma largamente considerato dai fan alla stregua di un album), Jar of Flies esordì al numero 1 delle classifiche, cosa mai successa prima ad un EP. Sebbene fosse stato scritto e registrato in un'unica settimana, i critici lo acclamarono come un piccolo capolavoro.

Nel novembre del 1995 gli Alice in Chains realizzarono un album omonimo, Alice in Chains, che però molti fans chiamarono Tripod per via dell'immagine del triste cane a tre zampe di Cantrell sulla copertina. Ancora una volta, grazie all'evoluzione del sound e al forte accento posto sulle melodie e la composizione (qualcuno vede l'album come figlio di Dirt e Jar of Flies), il disco debuttò al numero 1 delle classifiche.

Ancora una volta il gruppo non sostenne l'album con un vero e proprio tour, ma con soli 7 concerti, in 4 dei quali fecero da spalla ai KISS. In definitiva questo sarebbe stato l'ultimo album ufficiale prodotto dagli Alice in Chains, sebbene abbiano scritto qualche altro pezzo, come Get Born Again e Died, che può essere trovato nella raccolta Music Bank.

Il gruppo fece un'ultima comparsa pubblica, la prima in tre anni, con l'MTV Unplugged del 1996. Staley era visibilmente in cattive condizioni di salute, ma si sforzò molto per rielaborare i pezzi più duri della band in funzione della natura acustica dell'esibizione e cantò una sorprendente versione di Down in a Hole.

Staley sprofondò sempre più nella depressione, dalla quale non si sarebbe mai ripreso, quando nel 1996 la sua ragazza morì in seguito a un'endocardite batterica causata dall'uso di droga. Divenne incredibilmente solitario e raramente lasciava la sua casa di Seattle. La band non si sciolse mai ufficialmente ma, nonostante i tentativi di Jerry Cantrell di mantenersi in contatto con lui e tenere il gruppo unito, apparve chiaro che Staley non sarebbe mai più ritornato. Cantrell cominciò una carriera da solista pubblicando un proprio album, Boggy Depot nel 1998.

L'ultima possibilità di vedere una riunione degli Alice in Chains si spense il 5 aprile 2002, quando Layne Staley morì nella sua casa per overdose di eroina e cocaina, esattamente 8 anni dopo la morte di un'altra icona dell'era grunge, Kurt Cobain dei Nirvana. Dopo il decesso del cantante, i tre rimanenti membri intrapresero percorsi musicali differenti. Jerry Cantrell pubblicò Degradation Trip, sempre nel 2002, un album molto più maturo del precedente e che Cantrell dedicò totalmente al suo compagno deceduto. Inez e Kinney entrarono a far parte di un altro gruppo di stampo grunge, gli Spys4Darwin.

Nel febbraio 2005 Jerry Cantrell, Mike Inez e Sean Kinney hanno organizzato un inaspettato concerto con lo scopo di raccogliere fondi per le vittime dello Tsunami che ha colpito il sud-est asiatico il 26 dicembre 2004. Per l'occasione si alternarono alla voce i cantanti dei Tool, dei Puddle of Mudd e dei Damageplan.

A distanza di un anno il gruppo si preparò a esibirsi di nuovo negli Stati Uniti per un concerto tributo alle Heart, duo femminile che aveva collaborato con la band negli anni novanta. Per questa speciale esibizione gli Alice in Chains chiamarono alla voce William DuVall, cantante dei Comes with the Fall, che fece anche da secondo chitarrista.

Nonostante la sua presenza, il gruppo chiese la collaborazione a membri di gruppi metal di livello mondiale. Al Rock am Ring del 2006 James Hetfield prestò la sua voce per Would?, mentre in un'altra occasione fu Phil Anselmo ad interpretare il pezzo.

Il mixaggio del nuovo album venne terminato nell'aprile del 2009 per essere pubblicato il 29 settembre dello stesso anno sotto il titolo di Black Gives Way to Blue con la Virgin/EMI. La mattina del 30 giugno 2009 gli Alice in Chains resero disponibile su iTunes e Amazon il loro singolo A Looking in View. La nuova traccia, lunga poco più di sette minuti, mantiene lo schema classico delle composizioni degli Alice in Chains, con in più il tocco di originalità apportato dal timbro vocale di DuVall. Il 17 agosto venne pubblicata Check My Brain, già eseguita alcune volte dalla band nelle prestazioni live dei giorni precedenti.

Il 29 settembre uscì l'album Black Gives Way to Blue, che ricevette ottime critiche. Il 5 ottobre il disco fece il suo esordio nella classifica Billboard 200 al 5º posto: la band non entrava in top ten dal 1996.

L'8 gennaio 2013 è uscito il nuovo singolo Hollow, il primo dell'album The Devil Put Dinosaurs Here uscito il 28 maggio 2013. Il secondo singolo è Stone, mentre come terzo è stato estratto Voices.

Discografia

Copertina
The Devil Put Dinosaurs Here (Capitol Records / 2013)  Past

1. HOLLOW / 2. PRETTY DONE / 3. STONE / 4. VOICES ) / 5. THE DEVIL PUT DINOSAURS HERE / 6. LAB MONKEY / 7. LOW CEILING / 8. BREATH ON A WINDOW ) / 9. SCALPEL / 10. PHANTOM LIMB ...

Copertina
Black Gives Way To Blue (Virgin / 2009)  Past

1. ALL SECRETS KNOWN / 2. CHECK MY BRAIN / 3. LAST OF MY KIND / 4. YOUR DECISION / 5. A LOOKING IN VIEW / 6. WHEN THE SUN ROSE AGAIN / 7. ACID BUBBLE / 8. LESSON LEARNED / 9. TAKE HER OUT ...

Copertina 10
Unplugged (Columbia / 1996)  Past

1. NUTSHELL / 2. BROTHER / 3. NO EXCUSES / 4. SLUDGE FACTORY / 5. DOWN IN A HOLE / 6. ANGRY CHAIR / 7. ROOSTER / 8. GOT ME WRONG / 9. HEAVEN BESIDE YOU / 10. WOULD? / 11. FROGS ...

Copertina 9
Alice In Chains (Columbia / 1995)  Past

1. GRIND / 2. BRUSH AWAY / 3. SLUDGE FACTORY / 4. HEAVEN BESIDE YOU / 5. HEAD CREEPS / 6. AGAIN / 7. SHAME IN YOU / 8. GOD AM / 9. SO CLOSE / 10. NOTHIN' SONG / 11. FROGS / 12. OVER NOW

Copertina 10
Jar Of Flies (Columbia / 1994)  Past

1. ROTTEN APPLE / 2. NUTSHELL / 3. I STAY AWAY / 4. NO EXCUSES / 5. WHALE & WASP / 6. DON'T FOLLOW / 7. SWING ON THIS

Copertina 9,5
Sap (Columbia / 1992)  Past

1. BROTHER / 2. GOT ME WRONG / 3. RIGHT TURN / 4. AM I INSIDE / 5. LOVE SONG

Copertina 10
Dirt (Columbia / 1992)  Past

1. THEM BONES / 2. DAM THAT RIVER / 3. RAIN WHEN I DIE / 4. DOWN IN A HOLE / 5. SICKMAN / 6. ROOSTER / 7. JUNKHEAD / 8. DIRT / 9. GOD SMACK / 10. IRON GLAND / 11. HATE TO FEEL ...

Copertina 10
Facelift (Columbia / 1990)  Past

1. WE DIE YOUNG / 2. MAN IN THE BOX / 3. SEA OF SORROW / 4. BLEED THE FREAK / 5. I CAN'T REMEMBER / 6. LOVE, HATE, LOVE / 7. IT AIN'T LIKE THAT / 8. SUNSHINE / 9. PUT YOU DOWN ...

Interviste

Non sono ancora presenti interviste per questo gruppo

Live report

Alice in Chains - 10 Giugno 2010 (Atlantico, Roma)

(16 giugno 2010) Per chi scrive gli Alice In Chains sono la migliore band mai esistita e la per loro calata romana, la prima volta in assoluto, non potevo assolutamente mancare. La band, tornata...

Alice In Chains, 10 Giugno 2010 (Roma, Atlantico Live)

(15 giugno 2010) Il ritorno sul mercato discografico degli Alice In Chains con il loro ultimo disco intitolato Black Gives Way To Blue evidentemente ha riacceso la miccia, altrimenti come si spiega un...
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.