Blut Aus Nord - Odinist: The Destruction Of Reason By Illumination

Copertina 7

Info

Genere:Black Metal
Anno di uscita:2007
Durata:36 min.
Etichetta:Candlelight
Distribuzione:Audioglobe

Tracklist

  1. INTRO
  2. AN ELEMENT OF FLESH
  3. THE SOUNDS OF THE UNIVERSE
  4. ODINIST
  5. A FEW SHREDS OF THOUGHTS
  6. ELLIPSIS
  7. MYSTIC ABSOLU
  8. THE CYCLE OF THE CYCLES
  9. OUTRO

Line up

  • Vindsval: vocals / guitars
  • W.D. Feld: keyboards / drums
  • GhÖst: bass

Voto medio utenti

Chi vi scrive non è mai stato un fan accanito della musica estrema proveniente dalla terra d'oltralpe, come avrà avuto modo di appurare chi abbia letto diverse recensioni apparse su queste pagine ancora diversi anni fa. Per quello che mi riguarda, ed a costo di risultare quasi blasfemo, la Francia non ha praticamente mai prodotto niente che mi entusiasmasse, o anche solo che mi piacesse veramente, rare eccezioni a parte. I Blut Aus Nord sono sostanzialmente una di queste. Come i più attenti cultori del metal estremo ben sanno, i nostri sono in costante attività da più di dieci anni, e a distanza di un anno dalla loro ultima fatica, riescono a scucire un altro album che fa dell'ermetismo e del nichilismo la sua arma principale. Questa volta però siamo di fronte ad una manciata di canzoni black dal marcato accento tradizionalista, basato sulla tradizionale componente chitarra/basso/batteria, mentre l'atmosfera creata da tastiere e samples elettronici viene marcatamente posta in secondo piano. Ma ciò che emerge dal ripetuto ascolto di "Odinist" è piuttosto una sorta di girone infernale, una discesa in un Maelstroem di orrore e di disperazione, di malvagità e di promesse di morte, governate da melodie distorte, ridondanti, e catalessiche, che si ripetono e si rincorrono virtualmente all'infinito, senza soluzione di continuità, scandite da ritmi falsamente cadenzati, sbiechi ed angoscianti. Non c'è spazio per la ruffianeria, per la melodia o per le facili soluzioni ad effetto, i Blut Aus Nord sono fatti per essere sofferti al buio, tra lo strazio delle carni e la dispersione della mente, dimentichi che, forse, prima o poi ci sarà concesso di rivedere la luce del sole.
Recensione a cura di Roberto 'Robbyy' Corbatto

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.