Obsequiae - Suspended in the Brume of Eos

Copertina 7,5

Info

Genere:Black Metal
Anno di uscita:2014
Durata:42 min.
Etichetta:20 Buck Spin

Tracklist

  1. ALTARS OF MOSS
  2. SIDHE
  3. IN THE WHITE FIELDS
  4. SUSPENDED IN THE BRUME OF EOS
  5. WILDES HEER
  6. THE WOUNDED FOX
  7. ATONEMENT
  8. ESTAS REDIT
  9. ARROWS
  10. THE STARLIT SHORE
  11. BOREAS
  12. CABIN LIGHTS

Line up

  • Neidhart von Reuental: drums, bass, additional guitars
  • Blondel de Nesle: guitars, vocals

Voto medio utenti

Ok, lo ammetto: mi sono perso per strada (come la gran parte di voi, dite la verità!) l’uscita di questo disco nel 2011. Ma ora, grazie alla edizione nuova di zecca ad opera della 20 Buck Spin, avremo tutti quanti modo di rimediare, garantendo al primo (nonché, ad oggi, unico) full lenght degli Obsequiae l’attenzione che merita.

Contenti?
Io sì, visto che parliamo di un lavoro pregno di un fascino raro oggigiorno; un lavoro per il quale la label dell’epoca, la celebre (?) Bindrune Recordings, coniò addirittura una nuova definizione: castle metal.
Ebbene, per quanto simili categorizzazioni possano risultare risibili, devo ammettere che nel caso che ci occupa ci avviciniamo alla realtà. In effetti, ogni aspetto della release (l’artwork, ad onor del vero, era più efficace nella prima incarnazione, che ritraeva uno splendido arazzo dalle tinte blu) ci proietta dritti nell’Età di Mezzo, abbarbicati in qualche maniero sperso nelle campagne europee. Ancor più ammirevole che tale risultato venga raggiunto da un duo proveniente dal Minnesota, che di medievale non ha poi granché: credo che la costruzione più antica da quelle parti sia la fabbrica di Spam, alimento di dubbio gusto reso celebre dall’indimenticabile sketch dei Monty Python.

La miscela sonora confezionata da Blondel de Nesle e Neidhart von Reuental può venir sommariamente inserita nel calderone del black metal; eppure, come accade per molte band a stelle e strisce, l’approccio alla composizione non investe su velocità e cattiveria. Al contrario, il mood del platter si mantiene solenne, mistico, per certi versi addirittura proggy e raffinato.

Ciò che più conta, il sound di Suspended in the Brume of Eos è davvero sui generis. Non ho certo la presunzione di conoscere ogni band sulla faccia della Terra, ma vi assicuro: troverei serie difficoltà a portarvi termini di paragone efficaci. Agli Obsequiae va dunque riconosciuto l’immenso pregio di aver creato uno stile personale.
Uno stile che definirei dicotomico: le tracce più propriamente metal, infatti, vengono alternate a brevi interludi acustici (Sidhe, Wildes Herr, Estas Redit e Boreas).
Pur rimanendo le due anime della band ben scisse l’amalgama funziona, conferendo varietà e respiro senza far perdere coesione al disco.

Al tempo stesso, per quanto pregevoli possano risultare le parentesi strumentali, il fulcrum di Suspended in the Brume of Eos va rintracciato in brani come The Wounded Fox, Altars of Moss o The Starlight Shore. Brani ai quali le strutture articolate, il riffing fantasioso, la sezione ritmica ispiratissima e la produzione a dir poco calzante riescono a donare grande pathos ed epicità. E ciò, si badi, senza ricorrere alle usuali scappatoie degli strumenti dell’epoca e delle keyboards.

La perfezione non è di questo mondo: così, una eccessiva reiterazione melodica e la mancanza di pezzi che si elevino al rango di capolavori sottraggono qualcosina al voto finale. Comunque sia, per quanto mi riguarda ci troviamo di fronte a una bellissima scoperta, che consiglio senza remore a chi ancora cerchi originalità nella nostra musica favorita.
Gloria al castle metal degli Obsequiae!
Recensione a cura di Marco Cafo Caforio

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.