Copertina 7

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2002
Durata:46 min.
Etichetta:Edgy Rec.
Distribuzione:Frontiers

Tracklist

  1. THE OTHER SIDE
  2. STAB IN THE BACK
  3. YOU’LL NEVER SEE IT COMING
  4. LEAVING NADIR
  5. HALL OF MIRRORS
  6. IN YOUR DREAMS
  7. GIVE’EM HELL
  8. CONSPIRACY
  9. WAKE UP SCREAMING

Line up

Non disponibile

Voto medio utenti

Anno 1980: in Gran Bretagna l’uragano punk che aveva spazzato via il modo tradizionale d’intendere la musica cominciava il suo lento declino, mentre alle sue spalle prendeva forma un altro movimento tellurico ispirato dal rock duro del decennio precedente ma già pronto a trasformarsi in proiezione futura. A farne parte, oltre ai nomi entrati nella storia fondamentale dell’heavy metal, c’erano anche formazioni che oggi possiamo definire “minori” visto che a loro il successo non ha sorriso, e cito a caso gruppi come Handsome Beast, Jaguar, Grim Reaper, Chateaux, More, e non ultimi questi Witchfynde, che in quell’anno pubblicarono il bellissimo “Give’em hell” il quale fa ancora bella mostra di sé nel mio reparto vinili.
Disco appartenente alla NWOBHM ma con un tocco di magia oscura intuibile già dalla cover con pentacolo e capro, all’epoca roba non ancora inflazionata, che lo distinse dalle altre produzioni contemporanee e fece presagire un radioso futuro per il gruppo. Così non è stato. Per farla breve, dopo l’uscita di “Lords of sin” (1984) delusi dalle scarse vendite e nauseati dal music business decidono di uscire dalla scena e non danno più notizie di sé.
Anno 2002: l’Era Dei Ritorni colpisce ancora. Ingrigiti e scavati i Witchfynde riemergono dall’oblio con schieramento quasi originale, unica novità il cantante Harrison. Musicalmente in loro niente sembra cambiato e “The witching hour” riprende il discorso interrotto bruscamente con minimi aggiornamenti. Ciò che è cambiato nel tempo è il mondo musicale intorno a loro, ed i classici riffs metal ottantiani che propongono potrebbero sembrare scontati ai giovani ascoltatori, già sentiti da tanti gruppi successivi, che al contrario da bands come questa hanno attinto a piene mani. Gli inglesi ci regalano un misto di inediti e riedizioni di brani classici, setacciando per lo più il loro album d’esordio, così è possibile riascoltare con piacere anthems quali “Leaving nadir” “Give’em hell” “Wake up screaming” che tanto erano piaciuti due decenni fa per quella sottile atmosfera arcana che ha resistito intatta fino ad oggi. Ma si aggiungono anche pezzi solidi come rocce, vedi la potente “The other side”, risalente al periodo dello scioglimento, o l’acciaio bollente di “You’ll never see it coming” e “Cospiracy” ottimi esempi di metal nella sua concezione più classica e tradizionale. In sostanza, adesso che chiunque si permette di pubblicare dischi a profusione, c’è sicuramente posto anche per gli antichi guerrieri del metal magari un po’ imbolsiti ma capaci di cose ancora più che dignitose. Come i Witchfynde.

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 27 giu 2015 alle 10:21

Witchfynde will take part in ' Heavy metal night 8 ' , metal festival on September 19 in Italy(Te).Current line -up : Luther Beltz - Lead Vocals Mount it ( Trevor Taylor ) - Guitar Pete Surgey - Bass Guitar Gra Scoresby - Drums Tracey Abbott - 2nd Guitar will play its heavy- black metal as headliners

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.