Copertina 6

Info

Genere:Heavy Metal
Anno di uscita:2014
Durata:47 min.
Etichetta:Mausoleum Record

Tracklist

  1. WHERE THE ENEMY SLEEP
  2. TAKLAMAKAN
  3. THE PUGILIST
  4. WILL TO POWER
  5. MY SWORN ENEMY
  6. THE GREAT BLINDING
  7. OMERTA
  8. BADAJOZ (1812)
  9. LINE ‘EM UP

Line up

  • David Marcelis: vocals
  • Paul Marcelis: guitars
  • Leon Hermans: guitars
  • Simon Geurts: bass
  • Frank Wintermans: drums

Voto medio utenti

Qualche passetto avanti per gli olandesi Lord Volture che, grazie ad alcuni episodi come "My Sworn Enemy" (seppur scippata prima ai Judas Priest e poi ai Primal Fear) o "Badajoz (1812)", fanno qualcosina in più rispetto al precedente "Never Cry Wolf".

Le coordinate musicali lungo le quali si mettono a scorrazzare non si sono, infatti, spostate di una virgola: sempre e comunque tra Judas Priest, Accept e Iced Earth, e se pur lo fanno con sufficiente vigore, manifestano una personalità al minimo sindacale e una cronica mancanza d'ispirazione.

I miglioramenti più rilevanti sono comunque da riconoscere proprio al cantante del gruppo, quel David Marcelis che nell'occasione riesce ad evitare gran parte delle trappole e dei tentennamenti patiti nel corso di "Never Cry Wolf". Certo, se la cava meglio sull'anthemica "The Pugilist" o sulla speed & furious "Line ‘Em Up", rispetto al trovarsi alle prese con l'impegnativa titletrack o con "The Great Blinding", ma sopratutto quando poi tocca a quella "Omerta" che già di suo pecca nel proporsi in uno dei refrain peggio riusciti tra tutti quelli ascoltati negli ultimi tempi.
I Lord Volture non si fanno mancare nemmeno degli special guests, e così dopo essersi potuti avvalere di Jeff Waters (sull'esordio) e poi di Sean Peck come ospite alla voce sul brano "Into the Lair of a Lion", si fregiano ora della presenza dell'ex Megadeth Chris Poland. Senza che questo possa comunque spingere a cambiare il giudizio nei confronti di un lavoro che mostra sì qualche miglioramento ma che resta ancora ben lontano dall'eccellenza.




Listen close what is this, not bird or plane
Could it be the review fucking with your brain
All it takes just one touch over one, two, three
With a flick of a switch turn on... Metal.it
Recensione a cura di Sergio 'Ermo' Rapetti

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.