Copertina 9

Info

Anno di uscita:2011
Durata:non disponibile
Etichetta:Frontiers Records

Tracklist

  1. UNDERTOW
  2. AMERICAN BEAUTY
  3. STRANGER IN MY LIFE
  4. NOBODY TAKES THE BLAME
  5. STILL AIN'T ENOUGH FOR ME
  6. ONCE UPON A TIME
  7. AS FAR AS I CAN SEE
  8. ALL THE WAY UP
  9. I WON'T GET IN MY WAY
  10. AROUND THE WORLD
  11. I GET THE FEELING
  12. UNFORGIVEN (BONUS TRACK)

Line up

  • Eric Martin: vocals
  • Paul Gilbert: guitars
  • Billy Sheehan: bass
  • Pat Torpey: drums

Voto medio utenti

L’anno è appena iniziato ed ecco comparire sul mercato uno dei top album 2011. Potrei stare qui a fare decine di parallelismi, eccezioni, citazioni, confronti col passato. Però non mi interessa farlo, perché non siamo all’inizio degli anni ’90, il tempo passa e quindi tratterò questo disco come merita: da fan grato e moderatamente estasiato.

Partiamo col dire che questo è un album dei Mr. Big al 200%: se conoscete e amate la band potreste riconoscerne il sound anche a occhi chiusi, ascoltando una qualsiasi delle tracce di What If. Bene. State ancora leggendo o siete già di fronte al negozio con gli occhi lucidi e le mani tremanti? Beh, per i pochi rimasti di fronte al pc, vediamo di sintetizzare al meglio questo prepotente come-back, canzone per canzone.

Undertow
Primo singolo, primo botto. Incedere ritmato, refrain trascinante, direi che la scelta del “biglietto da visita” si è rivelata decisamente azzeccata. Possiamo definirla una canzone estremamente raffinata.
American Beauty
Rock and roll!!!! Polsi di Pat Torpey in fiamme per un pezzo veloce e accattivante, con un ritornello da 10 e lode, tutto da cantare a piena voce. Per darvi un’idea, siamo sullo stile di Colorado Bulldog e Addicted To That Rush. Bisogna comunque aspettare ancora per le esagerazioni strumentali, ma la parte centrale è come potete immaginare a livelli di eccellenza assoluta.
Stranger In My Life
Power ballad clamorosa. Per quanto mi riguarda, mi ci sono voluti un paio di ascolti, ma ora non riesco a fare a meno di sentirla, perchè vado in crisi d’astinenza. Ottima, ottima, ottima.
Nobody Takes The Blame
Ci vuole un po’ per digerirla, perché si tratta della song meno diretta dell’intero lavoro. Quando ti entra in testa, però, non esce più. Classica song alla Mr. Big, niente da dire. Come struttura simile all’opener.
Still Ain’t Enough For Me
Si corre ancora. E si corre fottutamente bene. Chitarra e basso dialogano fino a ritagliarsi lo spazio da protagonisti nella parte centrale, davvero clamorosa.
Once Upon A Time
Riffone aggressivo, ma forse a livello di efficacia siamo di fronte a uno degli episodi meno riusciti. Ancora una volta, comunque, la parte strumentale regala emozioni uniche.
As Far As I Can See
I primi 15 secondi basterebbero per spiegare a chiunque cosa significa suonare con classe: un’intro a mio parere disarmante, perché nella sua semplicità racchiude tutta la grandezza di una delle band migliori di tutti i tempi. Ritornello ancora una volta da lode piena, pronto a farvi balzare sulla sedia. E dopo il bridge…vabbè, che ve lo dico a fare? Io starei giorni seduto ad ascoltare Gilbert e Sheehan che si divertono.
All The Way Up
Dunque. Io la vedo come un filler. Qualcuno mi darà del pazzo. Nella storia dei Mr. Big c’è già stato spazio per pezzi come questo, comunque. Sicuramente è piacevole e orecchiabile, però per quanto mi riguarda è troppo sempliciotta. Cresce comunque dopo qualche ascolto.
I Won’t Get In My Way
Riff possente per una song che a me ricorda molto gli ultimi Gotthard (quindi mi piace parecchio). Particolarmente degni di nota il freschissimo refrain e gli stacchi in chiusura di solo.
Around The World
Mamma mia. Song che potrebbe essere uscita da uno degli album solisti di Gilbert: riff incastradita, strofa veloce e ritornello melodico. La parte centrale fa venire mal di testa al solo pensiero della velocità a cui le dita di Billy e Paul si muovono all’unisono. Una canzone che rende perfettamente l’idea dell’unicità di questa band.
I Get The Feeling
Chiusura ufficiale del disco affidata ad una piacevole song melodica, supportata da una ritmica saltellante. Si torna ad apprezzare in pieno la capacità disarmante dei Mr. Big di trarre il massimo effetto possibile dalla semplicità delle linee melodiche dei pezzi. Anche in questa canzone, però, Sheehan e Gilbert non perdono occasione per mostrarci come suonano gli alieni.
Unforgiven
Spero abbiate tutti l’opportunità di sentire questa bonus track: struttura molto seventies e carica particolarmente aggressiva, senza tralasciare ovviamente la necessità di ricondurre il tutto alla melodia, che sempre regna sovrana.

Per quanto riguarda le singole performance, direi che le parole rimaste sono davvero poche a questo punto. Sheehan però risulta sicuramente sopra a tutti gli altri come presenza. Gilbert anche senza strafare è mostruoso come sempre, Torpey assolutamente perfetto e Martin intenso ed emozionante, forse anche più che in passato.

Una delle migliori band del globo intero è tornata insieme per davvero, amici. Abbiamo avuto un tour e un doppio live lo scorso anno, abbiamo un nuovo splendido disco e un nuovo tour quest’anno. Possiamo chiedere di più? Sinceramente, penso di no. Onore ai Mr. Big, dunque: se dovevano proprio servire anni di stop per giungere a un album come questo, quasi quasi sono contento di aver dovuto aspettare.

In chiusura, doverosi complimenti alla nostrana Frontiers Records, che si è aggiudicata un gruppone. Ed è solo l’inizio di un 2011 che si preannuncia clamoroso. Il lavoro fatto bene alla fine paga sempre, questi sono i dischi che lo dimostrano.
Recensione a cura di Alessandro Quero

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Inserito il 24 gen 2011 alle 17:46

Billy Sheenan è un eroe

Inserito il 23 gen 2011 alle 14:54

ieri ho comprato l'album,è molto bello,ma mostra lacune nella fase di mixaggio.i suoni sembrano impastati e non proprio puliti come dovrebbero essere.

Inserito il 21 gen 2011 alle 21:12

Enfasi meritata, ve lo assicuro....

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.