Alessandro Ariatti

Avatar 0

Info

Genere preferito:non disponibile
Data di nascita:non disponibile
Web:non disponibile
Provincia:non disponibile
Iscritto dal:16 luglio 2010

Ultimi commenti inseriti

Inserito il 22 lug 2021 alle 09:02

Prisoners sancisce la fine degli Europe "come li conoscevamo", non c'è dubbio. Pur avendo apprezzato anche i dischi post reunion, praticamente tutti, "questi" erano ben altra cosa. Ciao.

Inserito il 16 lug 2021 alle 18:11

Ennio, se devo essere sincero preferisco di gran lunga No Rest a Tears. Lo trovo molto più "compatto" a livello di qualità, nel senso che faccio fatica a trovare un solo brano da scartare. Riguardo a Tears, ci sono indubbiamente alcuni picchi (la title-track, Road To Nowhere su tutte) che in No Rest mancano, ma anche troppi filler di cui faccio persino fatica a ricordare i titoli a memoria. Ovviamente è la mia opinione. Fino ad Ozzmosis, comunque, tutti i dischi di Osbourne per me sono dei must.

Inserito il 08 lug 2021 alle 18:25

Disco da consegnare all'Unesco come patrimonio dell'umanità

Ultime opinioni inserite

Copertina dell'album

disco capolavoro, che inaugura i Black Sabbath Mark III (quelli di Gillan sono durati troppo poco), ovvero quelli che si basano sull'accoppiata Iommi/Martin. mi piacerebbe che Iommi facesse ancora qualcosa con Martin.

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.