Copertina 7,5

Info

Genere:Black Metal
Anno di uscita:2018
Durata:14 min.
Etichetta:Werewolf Records

Tracklist

  1. BLOOD FOR ATAZOTH
  2. MISTRESS OF BLOOD
  3. THE BLACK GODDESS
  4. WARCRY OF THE VAMPIRE

Line up

  • SS Exiler: drums
  • Crushe: guitars
  • Lord Warmoon: vocals, bass

Voto medio utenti

Formatisi nel 2014, i finlandesi Morgal hanno all'attivo un solo album di lunga durata, "Käärmesielu" rilasciato nel 2016, mentre hanno già pubblicato tre EP, l'ultimo, omonimo, è oggetto della presente recensione, dimostrando, dunque, di mostrare una particolare predilezione per questo formato di breve durata.
Una scelta, questa, che mi sento di condividere al 100% considerando la proposta di cui si fa portavoce il terzetto di Mikkeli.
I Morgal, infatti, suonano una forma molto violenta e diretta di Black Metal che per la sua irruenza, le sue sottili inflessioni punk / thrash, la sua "irriverenza" guerresca, proprio in una durata contenuta trova il terreno più fertile nel quale attecchire senza, quindi, annoiare o risultare ripetitivo.
I quattro brani dell'EP sono tutti sostenuti da un perfetto riffing selvaggio e tagliente come gelide lamette, mentre le atmosfere di ogni brano e gli splendidi intrecci armonici delle chitarre (vagamente "classic") restituiscono un feeling epico e battagliero che avvicina la proposta dei Morgal a quella dei migliori Desaster e alla scuola svedese dei maestri Naglfar omaggiati, a mio avviso, in lungo ed in largo anche grazie allo splendido scream di Lord Warmoon che riesce a marcare a fuoco (o a ghiaccio, fate voi) ogni singolo passaggio riportando alla mente, per lo meno alla mia, il miglior Jens Riden... e scusate se questo è poco!
Con tutto questo po' po' di nobili richiami, badate bene che parlo di richiami e non di mera imitazione, mi sembra ovvio che "Morgal", pubblicato dalla sempre infallibile Werewolf Records, sia un "signor" dischetto che certamente i più fieri di voi sapranno amare e verso il quale a tutti noi non resta che brandire le spade, innalzarle al cielo, e correre in battaglia sui nostri destrieri.

Puro culto. Epico e nordico.
Recensione a cura di Beppe 'dopecity' Caldarone

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.