Copertina 6,5

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2014
Durata:non disponibile
Etichetta:Indie

Tracklist

  1. MADOKA'S LAMENT
  2. EYES WIDE SHUT
  3. LULLABY OF DEATH
  4. JAPANESE FRANKENSTEIN
  5. SLITHER
  6. BEFORE I WITHER
  7. NEVER KNOW
  8. COLD COLD STONE
  9. KISS OF THE DRAGON
  10. TEARS BY CANDLELIGHT
  11. DRAGON TEARS

Line up

  • Garry King: drums
  • Colin Haynes: bass
  • Darkyra Black: vocals
  • Betovani Dineli: guitars
  • Fab Jablonski: keyboards
  • Paul Jupe: guitars

Voto medio utenti

"When we think Female Fronted Symphonic Metal and Gothic Metal, our minds automatically think of the Ethereal Diva’s such as Tarja Turunen (ex Nightwish), Floor Jansen (Nightwish) and Simone Simons (Epica) and each year the number of carbon copy artists increases. Perhaps it’s time for a change. Perhaps the change is right here with DARKYRA BLACK!"

Così si presentano i Darkyra Black, progetto primo dell'omonima cantante australiana. Ed è senza dubbio una presentazione di quelle toste, quelle che se ci hai preso sei un fenomeno e se non mantieni la parola data, beh..son pernacchie e insulti.
Dove si piazzano i Darkyra Black? Dopo qualche giorno di elucubrazioni, direi circa a 3/4 di un ipotetica scala tra "Nascondetevi sotto i sassi, ipocriti del cazzo" a "Avevate ragione voi", con una preponderanza per la seconda. Si perchè quello che ci propongono i nostri eroi è un gothic leggero e soave, etereo, dove il metal è solo un'ombra stagliata sullo sfondo, proiettato da luci soffuse e atmosfere orientaleggianti, che ben si adattano al concept presentato.
Un concept che gravita attorno alla figura di Madoka, una geisha della quale in "Dragon Tears" viene presentata la tragica storia.
La voce di Darkyra si distacca effettivamente dalle celebrità sopracitate, eliminando quasi del tutto la componente operistica per concentrarsi su un approccio piuttosto teatrale. Non mi convince l'eccessivo uso del vibrato, ma per il resto si tratta di una voce intrigante e decisamente matura, che si adagia perfettamente sul sottobosco di chitarre (poche) e tastiere (tante) creato dai suoi compagni d'arme.
Non mancano comunque brani più "classici" del symphonic/gothic, in particolare la convincente "Tears by Candlelight", ma tendenzialmente il disco si assesta su atmosfere più intimistiche, quasi da meditazione.

"Dragon Tears" dei Darkyra Black è quindi un lavoro che effettivamente prende un po' le distanze dal Symphonic alla Nightwish o Within Temptation e, pur non riuscendo a convincere del tutto sotto il punto di vista del songwriting, si rivela un album interessante e sicuramente meritevole di un ascolto.

Quoth the Raven, Nevermore..
Recensione a cura di Andrea Gandy Perlini

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.