Elektradrive

Foto
Logo

Info

Nazione:Italia
Attività:non disponibile

Line up

  • Elio Maugeri: vocals
  • Simone Falovo: guitars
  • Stefano Turolla: bass
  • Alex Jorio: drums
Dobbiamo tornare indietro fino al 1981 per vedere la nascita di una band chiamata OVERDRIVE. Nel 1983 gli Overdrive, definita la loro line-up (che vede Elio Maugeri alla voce, Simone Falovo alla chitarra, Eugenio Manassero alle tastiere, Stefano Turolla al basso e Alex Jorio alla batteria), decidono di mutare il loro nome in ELEKTRADRIVE. Nel Gennaio 1984 esce il primo prodotto firmato Elektradrive: è il singolo "Let it survive", su etichetta Smoko Records. Nel Maggio dello stesso anno il gruppo partecipa alla compilation "HM Eruption", edita dalla Metal Eye Records, con la track "Lord of the rings". Nel Marzo 1985 viene richiesta la loro partecipazione dalla Reflex/Cgd Records. "Metallo Italia" è il titolo della compilation e "Winner" è il pezzo che incidono gli Elektradrive. Nel mese di Maggio viene girato un video per la già citata canzone "Winner" ed in Dicembre la band partecipa, con il brano “Secret of the holy grave", alla compilation "HM in Italy" della Shirak Records.
Arriva intanto il 1986 e giunge in Febbraio il debut-album per gli Elektradrive, "Over the space". Nel mese successivo parte da Torino, città natale della band, un tour italiano di dieci date e l'estate porta grandi successi e consensi da tutta la stampa specializzata, citiamo qui la notevolissima votazione di 90/100 sulla nota rivista Metal Forces. In Settembre la Discotto Records, l'etichetta per cui era uscito "Over the space", dopo un periodo negativo dichiara il fallimento. Ritroviamo gli Elektradrive nell'estate del 1988, quando la band inizia la stesura delle nuove composizioni e le prime incisioni in studio per il nuovo album, il cui titolo provvisorio è "Due". Dopo un anno di gestazione, nel Luglio 1989 vede la luce il nuovo lavoro, su etichetta Minotauro Records. Definitivamente confermato il titolo "Due". In autunno arrivano i grandi consensi: "Due" viene acclamato dall'intera stampa italiana come migliore album hard-rock nostrano. Ma le lodi piovono anche dall'estero: "Kerrang!", autorevole magazine britannico, affibia la massima votazione a "Due" e commenta: "La classe di questi ragazzi è scritta in ogni brano del disco!". Durante il mese di Novembre la Converse All Star diviene la fornitrice ufficiale e lo sponsor del quintetto torinese.
All'inizio del dicembre 1989 gli Elektradrive aprono la triade Shy/Sabbat/Manowar al Palasport di Torino e la buona prova della band viene prontamente sottolineata dal pubblico e dai mezzi di informazione presenti. Ancora nel Gennaio 1990 "Due" riscuote una entusiastica recensione su Metal Hammer/Crash e nei mesi seguenti numerosissimi magazine europei seguono le orme delle già citate testate recensendo "Due" nel migliore dei modi. Fra i giudizi più positivi quelli di Bravo, Aardshock Metal Hammer, Metal Hammer Italia e Metal Hammer U.K.. In Febbraio piovono gli inviti per concerti in numerose città italiane e nel successivo mese di Marzo i giornalisti rock italiani votano gli Elektradrive come migliore act hard n' heavy peninsulare. In Aprile la Semaphore Records (Olanda) inizia la distribuzione europea di "Due".
Sull'onda del successo live di una nuova song come "Big City", gli Elektradrive entrano in studio per mettere su nastro tre nuove composizioni. In Giugno la band riceve un inaspettato, quanto rinomatissimo, "Certificato di Qualità e Riconoscimento " nell'ambito dello statunitense "Billboard's 2nd Annual Contest" per il brano "A man that got no heart". Nell'estate 1990, mentre si mette a punto la stesura dei nuovi pezzi, gli Elektradrive volano a Los Angeles, paradiso del rock duro, per tenervi alcuni concerti. In Ottobre la band parte per un tour che nell'arco dei due mesi successivi, li porta ad attraversare l'Italia in lungo e in largo, dando vita ad una serie di concerti che ottengono un notevole successo. E' il Gennaio 1991 quando la band decide di sparire per qualche tempo dai palcoscenici al fine di ottenere la giusta concentrazione per preparare il nuovo materiale.
Ritroviamo la band torinese all'inizio del 1992 alle prese con la pre-produzione del terzo album. Dopo alcune trattative, nel mese di Maggio, gli Elektradrive firmano un nuovo deal discografico con la Dracma Records: in Giugno il combo piemontese entra in studio per registrare la track "Snake '92", che appare sulla compilation "Nightpieces II" edita in Ottobre per la Dracma Records. In Luglio il gruppo suona alcuni show al "Charity open Air Summer Festival" ed in Settembre iniziano finalmente le incisioni per il nuovo album. "Big City", questo è il titolo del terzo lavoro firmato Elektradrive, vede la luce nell'aprile del 1993 e conferma "alla grande" la classe e la cristallina perizia della band torinese. Sempre in Aprile gli Elektradrive si propongono dal vivo al pubblico di Torino con un concerto che, contemporaneamente, presenta il nuovo album "Big City" e festeggia il decennale della band, 1983-1993. "Big City" riscuote immediatamente un ottimo successo di critica su tutte le testate specializzate italiane. Ricordiamo, fra le altre, le entusiastiche recensioni di: Flash, Metal Shock, Metal Hammer. In autunno, nell'ambito di alcuni festeggiamenti cittadini, la band si esibisce di fronte a diverse migliaia di spettatori ed intanto si fanno più insistenti le richieste, prevalentemente dalla Germania, dell'ormai esaurito primo album, "Over the space".
Nel Gennaio 1994 il quintetto torinese intraprende un nuovo tour italiano che porta i nostri a zonzo per tutto il nord Italia. Fra questi concerti la data torinese coincide con l'inaugurazione del nuovissimo auditorium della Dracma Records. Ovunque la band è accolta da un folto pubblico e riscuote grandi consensi. Viene intanto raggiunto l'accordo con l'etichetta tedesca Long Island Records per la ristampa su CD di "Due" con l'aggiunta di alcune bonus tracks. Questa edizione fa parte di una speciale serie denominata "Long Island Records Classics" ed è caratterizzata da un artwork particolarmente curato ed una edizione limitata di 2000 copie in Gold-CD. In Aprile tutti i maggiori magazine nazionali specializzati in Hard ' n Heavy offrono rinnovata attenzione agli Elektradrive: i nostri sono una band storica dell'hard italiano e una delle punte di diamante della scena heavy nazionale. La band sigla un altro contratto con la giapponese Alfa Inc./Brunette Label per la ristampa nel paese del Sol Levante di due CD contenenti i due più recenti lavori, "Due" e "Big City". Quest'ultimo con l'aggiunta di alcune extra-tracks. Entrambi i prodotti, rinnovati nella grafica e contenenti i testi in inglese e giapponese, sono stati messi sul mercato nell'Ottobre 1994.
Dal 1995 al 2000 la band subisce cambiamenti nella formazione e si avvale della collaborazione di ottimi musicisti che sostituiscono alcuni membri originali della band; ciò porta alla realizzazione di un demo di 9 pezzi chiamato Scheme, che desta l’attenzione del mitico Ronnie Montrose (chitarrista, musicista, produttore, già con Sammy Hagar, Edgar Winter e Rick Derringer) e si dimostra interessato alla produzione di questo lavoro.
A metà 2004, Elio Maugeri ritorna a scrivere dei pezzi con Simone Falovo, e da qui inizia il lungo percorso della reunion della band che porta a gettare le basi per la realizzazione del nuovo lavoro. Il CD avrà come titolo “Living 4” e conterrà 14 nuove songs che come stile si differenziano leggermente rispetto agli ultimi lavori della band: hard rock melodico di base, con molte venature blues, ed arrangiamenti di chitarre acustiche, con presenza di tastiere meno dominante rispetto al passato.

Discografia

Copertina SV
Due (24 Years Carat Gold) (Electromantic Music / WholeLottaRock / 2012) 

1. BACK ON THE ROAD / 2. ST. VALENTINE’S DAY / 3. SUNSET BOULEVARD / 4. WILD WEST / 5. RIGHT OR WRONG / 6. A MAN THAT GOT NO HEART / 7. DUE / 8. THE MAGIC LAMP / 9. DREAM ON

Copertina 9
Living 4 (Valery Records / 2009) 

1. EVIL EMPIRE / 2. FEED THE GROUND / 3. WHAT WE STILL DON’T KNOW / 4. LIVING 4 / 5. DO IT FOR EVERYONE / 6. GET POWER FROM THE SUN / 7. PAIN / 8. DIRTY WAR OF BLOODY ANGELS / 9. THE WATER DIVINER ...

Copertina
Elektradrive (Long Island Records / 1994) 

1. INTRO - BACK TO THE ROAD / 2. A MAN THAT GOT NO HEART / 3. DUE / 4. THE MAGIC LAMP / 5. SUNSET BOULEVARD / 6. WILD WEST / 7. ST. VALENTINES DAY ...

Copertina
Big City (Dracma / 1993) 

1. ROCKIN' ON THE BAD SIDE / 2. BIG CITY / 3. STILL REMEMBER / 4. LATIN LOVER / 5. FAST AS AN ARROW / 6. ESCAPE FROM "THE ROCK" / 7. THE RIOT OF THE YOUNG GUNS / 8. LUCILLE ...

Copertina
Due (Minotauro / Brunette / 1989) 

1. BACK ON THE ROAD / 2. ST. VALENTINE’S DAY / 3. SUNSET BOULEVARD / 4. WILD WEST / 5. RIGHT OR WRONG / 6. A MAN THAT GOT NO HEART / 7. DUE / 8. THE MAGIC LAMP / 9. DREAM ON

Copertina
...Over the Space (Discotto / 1986) 

1. INTRO: BEGINING / 2. SECRET OF THE HOLY GRAVE / 3. TIME MACHINE / 4. LORD OF THE RINGS / 5. FORTUNE TELLER / 6. SNAKE (SLIP ON) / 7. AGAINST THE STREAM / 8. TAKE OFF ...

Copertina
Let It Survive (Smoko / 1984) 

1. LET IT SURVIVE / 2. BRAINSTORM

Interviste

Elektradrive: … not only for your ears ...

(15 gennaio 2009) Erano due gli obiettivi fondamentali che mi prefiggevo nell’accingermi ad intervistare una band come gli Elektradrive , recentemente tornati alla “vita discografica” con lo splendido...

Live report

Non sono ancora presenti live report per questo gruppo

Ultime notizie correlate

Elektradrive: Over the Space - 30th Anniversary

12 set 2016 di Spider Rock Promotion

Elektradrive, in uscita la ristampa di "Due"

10 dic 2012 di Spider Rock Promotion

Elektradrive su Rock One - For Music

09 gen 2011 di Spider Rock Promotion

Elektradrive: nuovo video e show acustico

13 ott 2010 di Spider Rock Promotion

Elektradrive: new entry su Spider Rock

05 ott 2010 di Spider Rock Promotion
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.