Baro prog-jets - Lucillo & Giada / Topic Würlenio

Copertina 7,5

Info

Genere:Prog Rock
Anno di uscita:2019
Durata:96 min.
Etichetta:Andromeda Relix
Distribuzione:GT Music

Tracklist

  1. SCENA I
  2. SCENA II
  3. SCENA III
  4. SCENA IV
  5. MOSAICO D'UOMO - INTRO
  6. TRACCE DI UN'AVVENTURA
  7. ACH THE STOMACH CONTRACTION
  8. DIALOGO
  9. CHIARE GOCCE DI PIOGGIA
  10. ATTESA (INCLUDING DANZA DEL TEMPO)
  11. TOPIC WURLENIO
  12. VARIAZIONI SU CHIARE GOCCE DI PIOGGIA
  13. MOSAICO D’UOMO

Line up

  • Baro: vocals, bass, guitars, keyboards
  • Elena Cipriani: vocals
  • Gigi Murari: drums
  • Paolo Zanella: piano
  • Massimo Basaglia: guitars
  • Titta Donato: guitars
  • Nicola Rotta: guitars

Voto medio utenti

Tra i numerosissimi “recuperi” storici con cui la discografia attuale cerca con difficoltà di sopravvivere, non sono poi molti quelli che meritano davvero l’attenzione meticolosa dei rockofili, in virtù di una qualità espressiva di livello superiore che, a dispetto magari di un pizzico di fatale “immaturità”, appare propedeutica a comprendere meglio il valore di artisti non esattamente al “centro dei riflettori”.
E’ il caso di Baro, ovvero Alberto Molesini, bassista, cantante e compositore dalla notevole esperienza e preparazione (alla fine degli anni settanta forma il gruppo La Sintesi, mentre nei nineties collabora con Hydra ed Elam), che qualcuno ricorderà come importante contributore all’eccellente “One light year” dei Marygold.
Stimolato dai buoni riscontri ottenuti con questi ultimi, il nostro decide di rispolverare (arricchendoli e proponendoli con nuovi arrangiamenti) due “prog-getti” risalenti agli anni ottanta, assecondando così il sogno di conferire l'agognata “visibilità” ai suoi primi passi musicali.
Grazie al sempre intraprendente e competente supporto dell’Andromeda Relix vedono così la luce “Lucillo e Giada” (1980) e “Topic Wurlenio” (1983), due operine preziose che mi sento di consigliare a tutti gli estimatori del prog-rock “classico” e non per questo intriso di fastidiosi manierismi.
La prima, una sorta di suggestiva favola dalle sfumature teatrali e fantapolitiche, la raccomando innanzi tutto a quelli che amano le mille sfaccettature della “tradizione” del genere (Yes, Gentle Giant e tante immarcescibili leggende del Belpaese … da Le Orme ai New Trolls, passando per la PFM), mentre la seconda non dovrebbe sfuggire a chi non disdegna, nel medesimo ambito stilistico, anche la presenza di qualche ulteriore piccola “contaminazione” (tra pop, funky e new wave), gestita con equilibrio e un certo buongusto.
Il tutto è amalgamato con una disinvoltura e una raffinatezza davvero sorprendenti, tenendo conto che si tratta di materiale concepito nella “gioventù” di un musicista che evidentemente già allora poteva contare su una notevole sensibilità e su un considerevole estro compositivo, a complemento di un talento innato per queste sonorità.
Insomma, sono convinto che dopo esservi goduti con la dovuta calma e concentrazione i quarantaquattro minuti della suite in quattro “atti” contenuta in “Lucillo e Giada” e l’ora scarsa del cangiante “Topic Wurlenio”, non potrete far altro che manifestare la vostra ammirazione per Baro, un artista che da tempo porta avanti con padronanza, ispirazione e determinazione le sue idee musicali, incurante delle mode e di chi è ossessivamente alla ricerca del “futuro” del rock, quando molte volte è in realtà il suo “passato”, nelle mani giuste, a fornire le emozioni cardio-uditive più intense … dopo il doveroso “ripasso”, ora attendiamo con grande interesse altri prog-jets targati Alberto Molesini.
Recensione a cura di Marco Aimasso

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.