Copertina 3,5

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2019
Durata:33 min.
Etichetta:Nuclear Blast

Tracklist

  1. WORLD WAR X
  2. VISIONS OF THE END
  3. THIS INFERNAL DARKNESS
  4. EYES OF THE EXECUTIONER
  5. NO LIGHT SHALL SAVE US
  6. ALL ROADS LEAD TO HELL
  7. BRUSHED BY THE WINGS OF DEMONS
  8. HAIL HELLFIRE
  9. BY SHADOWS THINE HELD

Line up

  • Shawn Cameron: drums, keyboards
  • Scott Lewis: vocals
  • Fred Calderon: bass
  • Cory Arford: guitars
  • Jordan Lockrey: guitars

Voto medio utenti

Avete presente qualcosa di nato morto? Ecco il nuovo disco dei Carnifex si merita il prestigioso premio di aborto dell'anno.
Aborto spontaneo s'intende, loro si sono impegnati per fare questa schifezza, ci credono fino in fondo alla loro musichetta adolescenziale.
World War X inizia con l'omonima e ripetitiva canzone. Un deathcore spiccio e banale, tutto blast-beat e breakdown. Del resto in un genere così ben definito, chiuso e monotono non hai molti elementi da giocare.
Proseguiamo poi con quello che al primo ascolto, sottoforma di singolo su Youtube, sembrava un brano semplicemente orribile, si rivela una delle parti meno peggio e che grazie alla voce della fatina della buona notte dai capelli blu, riesce a variare un po' dal p(i)attume generale, almeno sono riuscito a capire che era cambiata canzone. Potete immaginare (e spero facciate solo questo, anche se è un disco breve tenetevene lontano) che cosa sia una collaborazione tra Alissa White-Gulz e i Carnifex, come si dice dalle mie parti ci sta come il cavolo a merenda. Un tripudio di disomogeneità tra le due parti e banalità melodica e compositiva. L'assolo di No Light Save Us, a differenza di tutto il brano, non è terribile, affatto, sembra uscito dalle mani di Mr Amott.

Per i masochisti:


Non aspettatevi del cambiamento, ne in positivo, ne in negativo (anche perchè più di così muore). Però ci sono, come si dice in linguaggio tecnico, delle perle di liquame sciolto, come Vision Of The End o Eyes Of Executioner, inni del nulla cosmico in musica.

Alcune canzoni spiccano per inutilità e l'essere un riempitivo per arrivare ai 35 minuti (dannazione, se devi fare 4 canzoni riempitive su 9, tanto vale pubblica un Ep o incorpora l'ultimo che hai fatto uscire l'anno prima).

So che questo disco venderà, e probabilmente nemmeno troppo poco, però è un grave fallimento artistico per i Carnifex, ma non per la Nuclear Blast, che sa su cosa investire nel 2019, sa cosa piace ai 13enni che si sentono cattivi e brutali perchè ascoltano "musica pesante con blast-beats e breakdown a caso"

Non è mai bello parlare così male di un gruppo che s'impegna, è professionale e ce la mette tutta per sembrare credibile e di buona qualità musicale, ma oltre alla speranza tramutata da convinzione dal consenso di un'etichetta mastodontica e migliaia di ragazzini con gravi menomazioni uditive non c'è altro, mi dispiace.
Recensione a cura di Carlo Masoni

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.