Emiliano ‘Kalhyma’ Verrecchia

Avatar 9

Info

Genere preferito:non disponibile
Data di nascita:non disponibile
Web:non disponibile
Provincia:non disponibile
Iscritto dal:30 luglio 2011

Ultimi commenti inseriti

Inserito il 04 nov 2018 alle 10:07

I primi tre album non si discutono, il resto della loro produzione non mi ha mai entusiasmato più di tanto… questo nuovo album è sulla stessa lunghezza d'onda per il sottoscritto … rispetto totale per gli Unleashed, ma, tanto per dire, il nuovo Bloodbath è un massacro puro che preferisco

Inserito il 02 nov 2018 alle 17:01

Ti prego Corpse, non siamo qui per parlare dei Cannibal Corpse, ma per insultare gli Hate Eternal ed Erik Rutan in particolare, non divagare :-)

Inserito il 01 nov 2018 alle 18:35

'Sto disco è talmente old style che durante l'ascolto mi sono rivenuti i brufoli da adolescente e mi sono ricresciuti i capelli … Ritmi serrati, chitarre-motosega a palla e headbanging furioso… c'è tutto quello che serve per un super album di Swedish death metal! Maledetta nostalgia…

Ultime opinioni inserite

Copertina dell'album

Il problema di quest'album nn sono gli pseudo-sperimentalismi, ma i pezzi più propriamente death, delle vere skifezze senza capo nè coda. Le varie "Radikult" e "I Am Morbid" nn sono niente male, e forse sarebbero ancora meglio se il cd nn portasse il nome di Morbid Angel, certo ke i tempi di "Maze Of Torment", "Chapel Of Ghouls" etc sono veramente andati. Maledetta nostalgia...

Copertina dell'album
Morbid Angel - Domination / Come il buon vino...

"Domination" nn è il miglior album dei Morbid Angel, ma certamente resta un cd molto interessante, visto soprattuto cosa pubblicato in seguito. Al momento della sua uscita nn ha avuto il riconoscimento ke in effetti meritava, quindi una scoperta postuma puo' aiutare a capire ancor di più perkè oggigiorno ci si avvilisce dopo le ultime "opinabili" uscite... Hail Caesar!

Copertina dell'album

Seppur il secondo cd, "The Gallery", rimanga l'album ke gli ha dato(giustamente) la notorietà, "Skydancer" è il vero capolavoro assoluto della carriera dei Dark Tranquillity grazie ad un perfetto bilanciamento tra cattiveria e aggressività di retaggio death/thrash e un senso melodico caro alle grandi heavy metal band della storia. Un riffing tagliente e unico, una spontaneità e una freskezza devastante, INSUPERABILE!!!!!!

Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.