(24 settembre 2017)Evergrey + Need + Subliminal Fear at Rock in Park - Legend (MI)

Per tutti gli amanti delle sonorità oscure, melodiche e potenti simbolo del profondo Nord l'appuntamento del 24 settembre al Legend Club di Milano era pressochè imperdibile: gli Evergrey infatti vi avrebbero fatto tappa nella loro unica esibizione italiana, per celebrare il ventennale della loro carriera.
Live reso ancora più interessante dalla possibilità di ascoltare i brani del decimo album della band del vocalist Tom Englund, quel "The Storm Within" che sin dalla sua uscita è stato così acclamato da fans ed addetti ai lavori (qui l'ottima rece del nostro Gab).
Noi c'eravamo e qui di seguito vi raccontiamo com'è andata.
Immagine

Tocca agli italianissimi Subliminal Fear il ruolo di opener della serata che prende puntuale il via alle 20.30 ma purtroppo, sebbene il combo pugliese martelli ben bene l'aria con il proprio deathcore fortemente vitaminizzato da robuste dosi di elettronica, le circa 40 (ahimè...contate) anime presenti rispondono fin troppo tiepidamente ai tentativi di coinvolgere dei due singers Matteo De Bellis e Carmine Cristallo.
I cinque brani proposti dal combo italiano per la maggior parte tratti dal loro ultimo album "Escape from Leviathan", scorrono comunque senza intoppi ed anche la qualità dei suoni è più che buona, sebbene la resa in sede live sia meno d'impatto che su vinile.
Ad ogni modo "Self-proclaimed Gods" e la title track "Escape from Leviathan" non passano senza lasciare traccia e riescono nell'intento di svegliare dal torpore il pubblico e far capire che siamo ad un concerto metal, e dai cavolo, il fondamentale risultato del posticipo Fiorentina-Atalanta può andare tranquillamente a farsi benedire!!!
Devo dire che mi dispiace sempre quando una band italiana suona in locale semideserto o poco coinvolto.....salvo poi lamentarsi che "la scena metal tricolore è inesistente".

Dopo i Subliminal Fear tocca alla prog band ellenica Need traghettare il pubblico -che sta via via aumentando- verso l'esibizione degli headliner.
Anche la band del singer Jon V. punta forte sull'ultimo full length "Hegaiamas" uscito quest'anno.
Ben quattro delle cinque canzoni proposte infatti sono tratte dall'album citato: l'introduttiva "Rememory", "Alltribe" con i suoi interessanti intrecci di chitarra e tastiera, "Tilikum" e la title track "Hegaiamas".
Unica concessione al penultimo "Orvam: A Song For Home" la lunga "Mother Madness", e qui faccio una mia considerazione sull'esibizione della band di Atene: la preparazione dei musicisti è di prim'ordine così come il gusto per le atmosfere dei brani, tuttavia penso che in sede live la durata dei brani sia un limite.
Cinque brani della durata complessiva di 45 minuti rischiano di diventare un boomerang per la perdita di interesse del pubblico.
Ad ogni modo alle 22 i Need scendono dal palco: tutto è pronto per gli Evergrey, ed anche il Legend è finalmente quasi pieno.

Setlist Need:

Rememory
Alltribe
Mother Madness
Tilikum
Hegaiamas


Alle 22.30 il buio pressochè totale della sala prelude l'ingresso del quintetto di Goteborg capitanato dal mastermind Tom Englund.
Dopo un breve intro si parte subito forte con "Solitude Within" tratta dal secondo album della band "Solitude Dominance Tragedy": i suoni sono eccellenti e le chitarre di Englund e Danhage giocano a rincorrersi con le tastiere sognanti di Zander.
Dietro le pelli Jonas Ekdahl è la solita macchina ed insieme al basso di Johan Niemann completano una sezione ritmica granitica.
La band è in forma smagliante ed i brani si susseguono tra la passione sempre più accesa dei fans: "Mark of the triangle", "Leave it Behind us" e "The fire" -sempre da album del passato- conducono sino al primo pezzo del nuovo lavoro, "Distance".
Faccio una breve digressione: per chi vi scrive "The Storm Within" è stato uno dei 10 top albums del 2016, perciò ho seguito con estrema attenzione l'esecuzione dell'opener del disco.
Ebbene non una sbavatura, non una nota fuori posto: una meraviglia!
A ruota arrivano due songs da "Hymns from the broken", "A new dawn" e "Black Undertow" che -a testimonianza di quanto sia stato amato questo album- vengono cantate pressochè da tutti gli spettatori.
La formula Evergrey, metallo e commozione, funziona alla grandissima e la successiva "My Allied Ocean" - la traccia più cattiva di "The Storm Within" sferra il colpo di grazia a tutti: Englund cavalca l'onda emotiva del pubblico e regala l'accoppiata "Words Mean Nothing / Missing You" seguita dalla cover di Dilba Demirbag "I'm sorry" chiudendo la prima parte del concerto con "Broken wings" e "The Grand Collapse".
Finora un live come piace al sottoscritto: poche parole da gigione per accattivarsi il pubblico e tanto tanto ottimo metal!
Gli encore iniziano con un pezzo da "The Inner Circle", "When the walls go down", seguito da "Recreation Day" dall'album omonimo, da "A Touch of Blessing" per poi chiudere con l'immancabile "King of Errors" ancora dal penultimo disco della band.
Se devo essere onesto mi aspettavo più di 2 brani dall'ultima release, ho faticato a capire la scelta della setlist (ma è un problema mio, evidentemente) ma da qui ad essere deluso ce ne passa.
Uno show davvero impeccabile quello degli Evergrey, testimonianza che a dispetto della carriera ventennale, il gruppo ha veramente trovato nuova linfa e ritrovato quella marcia in più che sembrava aver smarrito.
Nota di merito infine aver incontrato i fans al termine per autografarne il merchandising vario.

Chiudo la bellissima serata con una piccola polemica: ritengo che una band del calibro degli Evergrey (ma estenderei il concetto a tutti i musicisti) non meriti di suonare di fronte a sole 250 persone nè di avere un palco con un pilastro di calcestruzzo al centro che nasconde al pubblico un componente della band.
Voglio credere che in Italia si sia in grado di fare molto meglio: facciamolo in fretta, per amore della musica che tanto amiamo e che continuando così rischiamo di perdere.

Setlist Evergrey:

Intro
Solitude Within
Mark of the Triangle
Leave It Behind Us
The Fire
Distance
A New Dawn
Black Undertow
My Allied Ocean
Words Mean Nothing / Missing You
I'm Sorry (Dilba cover)
Broken Wings
The Grand Collapse


Encore:

When the Walls Go Down
Recreation Day
A Touch of Blessing
King of Errors

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per questo concerto! Vuoi essere il primo?

Area: Classic Area
Provincia: MI
Costo: € 18,00 + prev.

Report a cura di
Alessandro Zaina
In vendita su EMP
Copertina
29.95 € / Copertina rigida (Copertina Rigida)
Copertina
19.99 € / T-Shirt (giallo, 100% cotone)
Copertina
12.99 € / T-Shirt (grigio sport, 90% cotone, 10% poliestere)
Copertina
9.99 € / CD (Ristampa)
Prossimi concerti
Eluveitie + Amaranthe + The Charm The Fury
mercoledì 25 ottobre 2017, PR, TBA
Eluveitie + Amaranthe + The Charm The Fury
mercoledì 25 ottobre 2017, PR, Prevendite a 25 euro + d.p. - In cassa il giorno dell'evento 30 euro
Infected Rain + Steel City Heroes + Deceit Machine
mercoledì 25 ottobre 2017, MI, Ingresso Gratuito
Uneven Structure + Voyager Australia
giovedì 26 ottobre 2017, MI, TBA
Dragonforce + Twilight Force
sabato 28 ottobre 2017, MI, 25,00 € + d.p
Rebel Circle Night - Explorer + Meanwhile In Tuscany
sabato 28 ottobre 2017, RE, Ingresso Gratuito
Dragonforce + Twilight Force
domenica 29 ottobre 2017, BO, 25,00 € + d.p
Ultimi live report
Foto Wintersun + Black Therapy +...

Fatta eccezione della breve comparsa al Colony Open Air dell'estate...

Foto Danko Jones - 8 Settembre...

Eccoci al Live , per la venuta italiana del folle Canadese. Arrivo al...

Foto Evergrey + Need + Subliminal...

Per tutti gli amanti delle sonorità oscure, melodiche e potenti simbolo...

Foto Metalitalia.com Festival 2017...

Anche quest'anno il Live Music Club di Trezzo s/Adda ha ospitato...

Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading