(Temporary Residence / Wide)AA.VV. - Everything Comes & Goes

Copertina Ennesimo tributo per quella che molti, me compreso, considerano la più influente band nella storia del rock duro: i Black Sabbath.
Questa volta l’antologia non contempla contributi dal mondo heavy, si tratta invece di un progetto sperimentale fortemente voluto dall’etichetta Temporary Residence che ci ha lavorato sopra per la bellezza di otto anni, essendo l’idea nata nel lontano ’97.
Siccome la raccolta riguarda il periodo iniziale ed ormai leggendario della straordinaria carriera dei britannici, è utile raccomandare ai fans più tradizionalisti di Ozzy e soci la massima cautela nell’avvicinarsi a questo disco. Infatti la materia in oggetto è stata completamente stravolta, manipolata, in alcuni casi perfino destrutturata e modificata alla radice, nell’intenzione palese di dimostrare l’eccezionale adattabilità di tali storiche canzoni in contesti lontanissimi dall’hard rock o dall’heavy metal.
Se alcune versioni restano abbastanza fedeli agli originali o perlomeno mostrano aspetti convenzionali, vedi la “Fairies wear boots” di Newman o l’interpretazione dolcissima e struggente di “Planet caravan”, vera cult-track per chi ama i Sabs degli esordi, molte altre viaggiano in direzione diametralmente opposta entrando in territori inaspettati, soprattutto elettronici e noise, arrivando a toccare vertici di notevole bizzarria. Citandone solo alcune: la metamorfosi country-bluegrass di “Changes” opera del Curtis Harvey Trio, una electro-tossica “Sweet leaf” della coppia Greenness-Philly G. o ancora il provocatorio puzzle elettronico proposto dai giapponesi Ruins, i quali non fanno altro che incolonnare i più famosi riffs del quartetto di Birmingham compattandoli in un solo brano, una sorta di bignami Sabbathiano.
Certo si tratta di esercizi di stile estemporanei ed un po’fini a se stessi, ma rispetto ai tanti tributi identici dall’ideazione scontata e prevedibile questo vanta almeno il pregio di azzardare qualcosa di originale, infilandoci dentro un pizzico di follia.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Compilation
Anno di uscita: 2005
Durata: 40 min.
Tracklist:

  1. MATMOS – F/X
  2. RUINS – REVERSIBILE SABBATH
  3. GRAILS – BLACK SABBATH
  4. FOUR TET – IRON MAN
  5. CURTIS HARVEY TRIO – CHANGES
  6. PAUL NEWMAN – FAIRES WEAR BOOTS
  7. THE ANOMOANON – PLANET CARAVAN
  8. RACEBANNON – SABBATH BLOODY SABBATH
  9. GREENNESS / PHILLY G. – SWEET LEAF

Line up: non disponibile

Voto medio utenti: Nessun voto

6,5
Recensione a cura di
Fabrizio 'Stonerman' Bertogliatti
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / T-Shirt (giallo, 100% cotone)
Copertina
9.99 € / CD
Copertina
15.99 € / CD
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina AA.VV.
The Sweet according to Sweden
(Rivel / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina AA.VV.
VH1 Classic Metal Mania: Stripped
(Albert / 2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina AA.VV.
Baden Metal Compilation Vol. 2 – Flight Of The Griffin
(Baden Metal / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina AA.VV.
Dreams...of what life could have been
(Psychedoomelic / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading