Copertina 8

Info

Genere:Death Metal
Anno di uscita:2019
Durata:40 min.
Etichetta:20 Buck Spin

Tracklist

  1. INTRO
  2. BLAZE OF BODIES
  3. VOMITING BLACK DEATH
  4. CORROSIVE HALLUCINATIONS
  5. WRITHING IN EMPTINESS
  6. END OF LIFE DREAMS AND VISIONS PT. 1
  7. MALICIOUS EQUIVALENCE
  8. END OF LIFE DREAMS AND VISIONS PT. 2

Line up

  • Ryan Koger: Drums
  • Daniel Kelley: Vocals, Guitar
  • Jeff Roman: Bass
  • Nate McCleary:Guitars (lead)

Voto medio utenti

Dopo essermi felicemente imbattuto lo scorso anno con l’ottimo demo “Calcified trophies of violence”, le mie aspettative nei confronti del debutto degli statunitensi Ossuarium sono cresciute nel corso degli ultimi mesi.

La band dell’Oregon, pur senza stravolgere un genere da anni codificato, è riuscita con una manciata di brani a farsi notare per un death/doom di alta fattura riuscendo a far convivere con equilibrio gli elementi sepolcrali caratteristici di queste sonorità ad inserti più atmosferici/melodici.
Chi già frequenta questi lidi, in “Living tomb” potrà trovare agilmente riferimenti ai colossi Asphyx ed Autopsy, ma anche una certa attinenza con quanto edito da solidi acts come Disembowelment, Mournful Congregation. Attenzione però: attinenza, non rapida scopiazzatura.

Ciò deve esser chiaro fin dall’inizio, perché gli Ossuarium, a dispetto di una esistenza come band davvero breve, hanno solide basi su cui costruire la propria struttura musicale. Una “conoscenza della materia” - se vogliamo utilizzare una terminologia scolastica – che gli permette di esprimere le proprie idee.
“Living tomb” è un disco quadrato e bilanciato, ma allo stesso tempo sinistro e malevolo forte di una registrazione puntuale e precisa (si riescono a sentire distintamente le linee di basso di Jeff Roman, i ricordi vanno immediatamente alla registrazione di “Severed survival” e al grande Steve DiGiorgio) che non distorce né impasta i suoni e che ne enfatizza i riverberi.

Come detto sopra non mancano gli inserti melodici, molto “swedish”, all’interno dell’album: in particolare la terza traccia, “Corrosive hallucinations” – uno dei momenti migliori del disco – e “End of life dreams and visions pt. 2” (n.d.r.: la tonalità delle chitarre e l’atmosfera ricreata mi ha ricordato qualcosa degli Hypocrisy prima maniera…scherzi della senilità incombente?) che chiude alla grande coi suoi riff ipnotici.

Gli Ossuarium appartengono di diritto a quella categoria di band che non hanno bisogno di premere a fondo sull’acceleratore per farsi notare, dimostrando una volta di più che quando atmosfera e abilità si incontrano il risultato può essere solo un grande disco.
Acquisto obbligato del 2019.

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.