Copertina 8

Info

Genere:Gothic Metal
Anno di uscita:2019
Durata:non disponibile
Etichetta:Pride & Joy Records

Tracklist

  1. THE ENDLESS
  2. BIRTH
  3. DREAM
  4. DESIRE
  5. ALONE
  6. DESTINY
  7. HIDDEN INTO A DREAM
  8. DESPERATION
  9. DELIRIUM
  10. DESTRUCTION
  11. THE AWAKENING

Line up

  • Angela Di Vincenzo: vocals
  • Andy Menario: guitar, keyboards
  • Michele Raspanti: bass
  • Nicola Corrente: drums
  • Andrea Ciccomartino: male vocals on “Dream”
  • Christian Ice: additional keyboards , electronics, loops
  • Gabrielle Chiararo: narrator on “The Endless” and “Desire”
  • Marco Roberto Capelli: introduction

Voto medio utenti

E’ opinione diffusa, suffragata dai fatti, che generi musicali molto inflazionati, ormai sprofondati nella mediocrità e saturi di ovvietà, debbano fatalmente “implodere” su loro stessi per sfuggire all’estinzione e rinascere a nuova vita. E’ successo con l’hair-metal, il power, addirittura con il grunge ed era inevitabile che ciò accadesse anche con il metallo gotico /sinfonico, costretto a cercare nuovi stimoli e contaminazioni allo scopo di risorgere dal declino in cui era sprofondato.
Tra i gruppi che hanno cercato costantemente una “via” personale all’interno di questo frequentato calderone stilistico si segnalano sicuramente i capitolini Secret Rule, una formazione che (anche per “filiazione” con Martiria e Kyla Moyl, band di valore non adeguatamente gratificate dalla considerazione del pubblico …) seguo dagli esordi e che oggi, con il nuovo “7 Endless”, raggiunge probabilmente la pienezza della maturità espressiva, contribuendo fattivamente a quello sviluppo del settore che molti musicofili auspicavano.
Ispirato ai personaggi della graphic novelThe Sandman” di Neil Gaiman, il disco omaggia il grande scrittore e fumettista britannico non solo sul piano squisitamente narrativo, arrivando in qualche modo ad attuare un analogo sfruttamento creativo di settori “merceologici” di grande popolarità.
Così se Gaiman attinge a fantasy, horror e supereroi per trasportare il lettore in un universo cangiante, enigmatico e inebriante, i Secret Rule s’impegnano nel fornire una diversa interpretazione dei suoni “gotici” trasformando l’ascolto in un’esperienza assai coinvolgente e immaginifica, capace di andare oltre i crismi del settore pur rispettandoli.
Il metal delle strutture portanti e dei solos Martiriani di Menarini, il pop di alcune melodie e dei ritornelli e le atmosfere oscure e decadenti si fondono in un’entità artistica magari non propriamente “rivoluzionaria” eppure molto appagante, grazie innanzi tutto a uno spiccato gusto espressivo, in grado di assimilare svariati linguaggi sonori senza per questo snaturarne le peculiarità.
Una cultura ricca e multiforme costituisce verosimilmente l’addendum nodale per edificare frammenti in note veramente intensi, a cominciare da una “The endless” intrisa di una grandeur “familiare” e tuttavia armonicamente parecchio adescante.
Si prosegue con la trazione sferragliante di “Birth”, mentre è la successiva “Dream” (a cui contribuisce Andrea Ciccomartino dei Graal) a ostentare al meglio le attitudini “ibridative” dei nostri, capaci di mescolare con sagacia ruffianeria e tensione sensoriale.
Con la conturbante “Desire” il clima si scurisce arrivando a lambire i territori power/gothic, ”Alone” conquista per un’abile gestione degli stereotipi e “Destiny” è una “botta” di pura adrenalina metallica, adattissima all’esecuzione “dal vivo”.
La linea melodica electro-celtica (?!?) di“Hidden into a dream” è un altro esempio di versatilità, al pari della contagiosa "Desperation”, la dimostrazione di come una ricetta possa funzionare egregiamente anche con il dosaggio (sapiente) d’ingredienti molto “diffusi”.
Delirium” è il suo vigoroso spleen emotivo prosegue nell’opera di soggiogamento e se “Destruction” piace senza sorprendere, tocca a “The awakening” ridestare prepotentemente l’attenzione, rievocando quei trascorsi folk di Angela Di Vincenzo e Andy Menario che meriterebbero, visti i suggestivi risultati, un’applicazione più estesa.
Nella convulsa scena discografica contemporanea, asfissiante e disorientante, ritengo quello dei Secret Rule un nome su cui poter contare per il presente e il futuro del genere, adatto anche a chi non dà troppa importanza alle “etichette” e nella musica cerca “solo” emozioni cardio-uditive importanti.
Recensione a cura di Marco Aimasso

Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.