Other View - When Daylight Is Gone

CopertinaWhen daylight is gone” è un disco che mi ha intrigato sin dal primo contatto … artwork molto particolare e suggestivo e un concept (dedicato alla notte nelle sue varie sfaccettature … come si apprende dal dettagliato materiale promozionale che lo accompagna al vaglio della Gloria …) alquanto interessante, hanno prontamente attirato la mia attenzione.
Poi, mi sono reso conto di aver già incrociato gli Other View ai tempi del loro debutto (“Going nowhere” del 2013) e ritrovarli più maturi e progressivi mi ha sicuramente fatto piacere, soprattutto perché anche in questa veste all’insegna del prog-power-metal la band conferma un innato buongusto nella proposta musicale, dimostrando che si possono ancora frequentare con profitto generi molto sfruttati se si possiedono la cultura e la sensibilità compositiva necessarie per destreggiarsi all’interno di un background ispirativo abbastanza identificabile e tuttavia non eccessivamente invadente.
Nei quarantadue minuti dell’opera si riescono a percepire barlumi di Dream Theater, Shadow Gallery, Enchant e persino qualcosa dei Leprous, ma il tutto è condensato in fascinose alchimie sonore che hanno in uno spiccato estro melodico il loro principale punto di forza, armonizzato con una preparazione esecutiva di alto livello e mai ridondante.
La voce di Lon Hawk, piena ed espressiva, funge da prezioso collante a una collezione di brani non banali e facilmente assimilabili, a cominciare proprio dalla brillante “Vantage”, un’opener piuttosto rappresentativa dell’approccio alla materia esibito dalla formazione anglo-italica.
Con la successiva “Carnivore” aumenta, e con risultati eccellenti, il “peso specifico” della componente squisitamente metallica, “Dead” riesce nell’intento di creare un sound al contempo cupo, pesante e versatile e “Lightyears” è un’articolata dissertazione di raffinato power-prog, condita da interessanti scorie elettroniche.
Si continua con l’evocativa (e appena un po’ dispersiva …) “That burgundy book”, mentre leggermente meno efficaci appaiono le grintose “The city of Amber” e “Moonchaser” e l’enfatica “When the night comes”, tracce nell'insieme assai gradevoli in cui però l’ispirazione artistica sembra meno nitida e personale.
When daylight is gone” è un album godibile e affascinante, che fotografa gli Other View impegnati in un percorso evolutivo verosimilmente non ancora del tutto compiuto e che lascia ben sperare per il futuro.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Progressive Metal
Anno di uscita: 2017
Durata: 42 min.
Tracklist:

  1. VANTAGE
  2. CARNIVORE
  3. DEAD
  4. LIGHTYEARS
  5. THAT BURGUNDY BOOK
  6. THE CITY OF AMBER
  7. MOONCHASER
  8. WHEN THE NIGHT COMES

Line up:

  • Lon Hawk: vocals
  • Stefano Candi: guitars
  • Francesco Tuscano: guitars
  • Antonio La Selva: bass
  • Matteo Cidda: keyboards
  • Giacomo Bizzarrini: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / CD e Bandiera
Copertina
21.99 € / LP
Copertina
8.99 € / CD (Digipak)
Copertina
Dello stesso genere
Copertina Mayfair
My Ghosts Inside
(Pure Prog Records / 2016)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Askesis Demo
Horror Vacui
(2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Royal Hunt
Land Of Broken Hearts
(SPV / 1992)
Voto: 3,5
1 opinione
Copertina Spiral Key
Perfect Machine
(Self-Produced / 2013)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading