(Frontiers / Frontiers)Labyrinth - Return to Live

Copertina Possiamo dire che i Labyrinth siano probabilmente la band metal più completa, costante e dotata di sempre di tutto il panorama italiano?

Possiamo affermare che "Return to Heaven Denied" uscito nel 1998 su Metal Blade sia un capolavoro EPOCALE di classic metal, capace di coniugare eleganza, potenza, tecnica, maestria e pathos in maniera assolutamente unica e quasi irripetibile?

Se possiamo non lo so ma io mi arrogo totalmente questo diritto e sono qui a celebrare, al pari della Frontiers, il ventennale di quest'opera d'arte tramite "Return to Live", la trascrizione discografica dell'evento tenutosi in quel di Trezzo, precisamente al sempiterno Live Club, location nella quale si svolse il Frontiers Metal Festival il 30 Ottobre del 2016.

"Return to Live", che esce in pluriformato (Blue-Ray, DVD ed audio), offre ovviamente "Return to Heaven Denied" suonato nella propria interezza ed in fila, come su cd, e presentava quella che poi è diventata la lineup attuale dei Labyrinth, con i nuovi Mazzucconi, Macaluso e Smirnoff in sostituzione dei protagonisti di allora, ovvero Cristiano Bertocchi, Frank Andiver (LUI continuerò a chiamarlo per sempre con questo fantastico nome d'arte) ed Andrea De Paoli, oltre ovviamente alla sacra triade Tiranti/Cantarelli/Thorsen (l'altro che per me si chiamerà sempre così all'anagrafe, e basta).

Avendo avuto l'occasione fortunata di vederli nuovamente dal vivo dopo tantissimi anni a maggio 2017, i Labyrinth mi hanno letteralmente pettinato e riportato alla memoria quanto dal vivo fossero pazzeschi, energici e delicati a seconda del momento: ovviamente "Moonlight" e "Thunder" sono degli inni al power metal più battagliero e puntualmente ci perdo la voce (no, non anche a casa!), ed il poker immortale rappresentato da "New Horizons", "The Night of Dreams", "Lady Lost in Time" e "State of Grace" rappresenta il sogno bagnatissimo e proibito del 98% della scena mondiale.

Rimangono i due miei brani preferiti della loro storia, che o per empatia musicale o per ricordi dell'epoca saranno per sempre la colonna sonora della mia vita, ovvero proprio la raffinatezza di "Heaven Denied" e la rabbia di "Die For Freedom", peraltro caratterizzata da una trasposizione live davvero particolare e "magica", grazie specialmente alle tastiere del sempre immenso Smirnoff, come peraltro il resto della band, finalizzato dalle strepitose vocals di Tiranti.

Il compito della chiusura viene affidato ad "In the Shade", tratta dal primissimo "No Limits" cantata da uno sconosciuto Joe Terry (:D) e poi riproposta nell'EP "Timeless Crime", uscito nel 1999, e cantata dallo stesso Tiranti.

Sinceramente non ho molto altro da dire, chi ama il metal ma principalmente chi ama la buona (eccellente) musica conosce già questo disco ed il valore, il significato che esso ha portato 20 anni fa ed oggi continua a trasmettere insieme alla band: il valore della MUSICA in mezzo ad un mare di plastica o di sterco, sin da "Piece of Time" fino all'ultimo "Architecture of a God".

Il resto lo lascio agli ignoranti, con cui non ho nulla a cui spartire.
Immensi Labyrinth.



Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 03 febbraio 2018 alle 12:37

Hai detto tutto! Stracondivido ogni singola parola. Disco epocale degnamente celebrato e band immensa.

Leggi la discussione completa

Genere: Power Metal
Anno di uscita: 2018
Durata: 81 min.
Tracklist:

  1. MOONLIGHT
  2. NEW HORIZONS
  3. THE NIGHT OF DREAMS
  4. LADY LOST IN TIME
  5. STATE OF GRACE
  6. HEAVEN DENIED
  7. THUNDER
  8. FEEL [LEGEND B. REMIX] (CENITH X COVER)
  9. TIME AFTER TIME
  10. FALLING RAIN
  11. DIE FOR FREEDOM
  12. IN THE SHADE

Line up:

  • Andrea Cantarelli: guitars
  • Olaf Thörsen: guitars
  • Roberto Tiranti: vocals
  • Nik Mazzucconi: bass
  • John Macaluso: drums
  • Oleg Smirnoff: keyboards

Voto medio utenti: Nessun voto

9
Recensione a cura di
Gianluca 'Graz' Grazioli
In vendita su EMP
Copertina
Copertina
Copertina
Copertina
19.99 € / Maglia donna (nero, 100% cotone, con stampa)
Dello stesso genere
Copertina SevenGates
Unreality
(Megahard / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Heavenward
Within These Dreams
(1991)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Persuader
The Hunter
(Loud 'n' Proud / 2000)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Eldritch
Livequake
(Limb Music / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading