(Andromeda Relix / GT Music)Black Hole - Evil In The Dark

Copertina La discografia attuale ci ha abituato ai “ritorni” più disparati e “inattesi”, ma mentirei se non ammettessi di essermi meravigliato alla notizia di un nuovo albo dei Black Hole, prime mover della scena doom/dark italica, ormai consegnati, almeno così credevo, all’imperitura “storia” del genere e ai suoi numerosi viscerali estimatori.
L’ultimo “segnale” proveniente dalla tenebrosa e sfuggente creatura di Roberto "Robert Measles" Morbioli era stata la ristampa di “Living mask” (il secondo full-length dei veronesi, contenente registrazioni del periodo 1988/89 e rimasto inedito fino alla riedizione del 2000 curata dalla stessa Andromeda Relix, poi replicata nel 2014 grazie alla Jolly Roger Records) e apprendere che “Evil in the dark” era d’imminente pubblicazione, mi ha lasciato pressoché attonito.
Ora che il disco, frutto di sessioni risalenti ai primi anni ’90, sviluppate e affiancate da materiale inedito, è finalmente stato sottoposto al giudizio del mio ansioso apparato cardio-uditivo, la prima reazione che ne ricavo è un senso di prepotente disorientamento.
Una percezione non del tutto inaspettata, visti i precedenti di una formazione “impegnativa”, che non si è mai assoggettata alla dittatura dei cliché, e che tuttavia in qualche modo appare più intensa del previsto.
Non è dunque per niente agevole convertire in “parole” gli effetti di questa espressività cupa e claustrofobica, di una musica imbevuta di elettronica, di scorie doom, new wave e umori cosmici e lisergici, che sa di liturgia gotica e appare sghemba, dissonante, ossessiva fino a lambire i limiti della monocromia e talmente imprevedibile da apparire quasi disarticolata.
Siamo di fronte ad una sorta di evocazione delle forze primordiali che disciplinano la vita e la morte, a un dramma spirituale fatto di mistero, oscurità, esoterismo e sgomento, che prende forma attraverso un delirio di suoni tetri, aspri e terrificanti, in grado di aggredire sensi e cervello, trasformando alienazione e angoscia in un’urticante e conturbante carica emozionale.
La voce di Measles, algida e tuttavia non priva di uno strano calore che ti avvolge senza riscaldare, sembra davvero arrivare da un “altro mondo” … a voi scegliere se si tratta dell’aldilà o da un universo extraterrestre (magari da entrambi … vedasi anche la copertina dell’opera), per poi lasciarsi rapire dal trascendente magnetismo e dai sinistri presagi che esala a ogni emissione fonatoria.
Nulla che possa essere apprezzato da superficiali adoratori della teologia “rovesciata”, insomma, un lavoro ostico nelle sue strutture e in una resa sonora volutamente scarna e spigolosa, ottenuta senza sfruttare i “trucchi” della tecnologia contemporanea.
Come spesso accade quando ci si trova al cospetto di forme artistiche all’insegna della sperimentazione e della totale mancanza di compromessi, il confine tra genio e autocompiacimento è abbastanza esile e ambiguo … lascio all’ascoltatore attento la decisione finale, ma di sicuro “Evil in the dark” è un album troppo sconcertante, puro e radicale per conquistare un ampio favore e troppo creativo per non sostenere ancora una volta l’idea che menti tanto ispirate, visionarie e “tormentate” erano e restano assolute e preziose rarità.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Doom Metal / Stoner / Sludge
Anno di uscita: 2017
Durata: 79 min.
Tracklist:

  1. EVIL IN THE DARK
  2. ALIEN WOMAN
  3. HOLY GRAIL
  4. OCTOPUS TENEBRICUS
  5. THE WAY OF UNWITTING
  6. ASTRAL WORLD
  7. X FILES
  8. X FILES PART II
  9. INFERI DOMINE
  10. DANGEROUS BEINGS
  11. NIGHTMARE
  12. THE FINAL DEATH

Line up:

  • Robert Measles: vocals, bass, guitar, organ, keyboards, keitar, drum machine
  • Michael Sinnicus: guitars
  • Robin Hell: drums on “Evil in the Dark”, “Holy Grail”, “Astral World”

Voto medio utenti: Nessun voto

7,5
Recensione a cura di
Marco Aimasso
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / Sciarpa/Foulard (turchese, 100% poliacrilico)
Copertina
15.99 € / CD
Copertina
21.99 € / 2-CD (Digipak)
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina One Inch Giant
Malva
(Indie / 2011)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Poema Arcanus
Telluric Manifesto
(Aftermath / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Gorilla Monsoon
Damage King
(Armageddon / 2006)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Filii Eliae
Cimiterivm
(Lux Perpetua Records / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading