(Dead End Exit Records)Warner Drive - Till The Wheels Fall Off

Copertina Io ho un problema. Riesco ancora, dopo tanti anni, a stupirmi di come, a volte, le cose possano prendere pieghe inspiegabili razionalmente. È esattamente quello che mi è successo quando ho ascoltato “Till the wheels fall off”, nuova ‘fatica’ dei Warner Drive. Quando poi ho iniziato a preparare la loro scheda e ad approfondire un po’ la loro conoscenza, mi sono cadute ancora di più le braccia a terra. Già, perché mi sono reso conto che stiamo parlando di una band che è arrivata inspiegabilmente al suo quarto lavoro in studio, che ha diviso il palco col gotha del panorama musicale internazionale e che ha una sfilza di sponsor da far impallidire Steve Vai. E quindi la domanda iniziale diventa ancora più un tarlo: perché? Perché, mi chiedo io, succedono fenomeni di questo tipo?

Perché una band che non riesce a proporre nient’altro che la sua immagina patinata, autoreferenziale e piena di sè, che ci disturba le orecchie con un ibrido musicale figlio dei Metallica periodo “Load”/“Re-Load” che copulano con lo pseudo punk melodico anni ’90 e con un innocuo rock da classifica, riesce ad avere tutto questo successo? Io la mia risposta ce l’ho, ma non è questa la sede adatta per aprire un dibattito, che prenderebbe senz’altro toni molto polemici. È evidente, però che se tutto ciò accade, qualcuno lo ha permesso. In primis le case discografiche, ma fin qui ci posso arrivare, il loro scopo è vendere, quindi non le condanno fino in fondo, si sa che un gruppo valido musicalmente avrà comunque e sempre meno possibilità di una macchina sforna soldi. In secondo luogo i ragazzi, e qui sarò meno clemente, sempre più abituati all’ascolto passivo, sempre meno capaci di discernere la cacca dalla nutella, sempre più lobotomizzati da una società basata solo sulle apparenze e non sulla sostanza.

Insomma, andrò sicuramente contro corrente, ma non chiedetemi di segnalarvi qualche brano decente presente in questo disco perché davvero non posso farcela. Se vi accontentate di un prodotto plasticoso dategli pure un’ascoltata, se cercate del vero rock, suonato, sudato, viscerale, cercate altrove. Quest’album può piacervi solo se avete dai 14 ai 16 anni…

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Hard / Rock / AOR / Glam
Anno di uscita: 2017
Durata: 34 min.
Tracklist:

  1. MY DEVOTION
  2. DON’T GIVE UP
  3. DROP DEAD GORGEOUS
  4. THE DARKNESS
  5. KARMA’S A BITCH
  6. TOO LATE FOR SORRY
  7. LA PSYCHO CHIC
  8. NEVER GONNA WIN
  9. ANTHEM OF THE DOUCHE
  10. YOU MAKE ME SMILE

Line up:

  • Jonny Law: vocals
  • Candice Levinson: guitar
  • Ryan Harris: guitar
  • Sonny Remlinger: bass
  • Jonny Udell: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

5,5
Recensione a cura di
Roberto Alfieri
In vendita su EMP
Copertina
4.99 € / MAXI-CD
Copertina
24.99 € / LP
Copertina
9.99 € / 2-CD (Ed. Limitata)
Copertina
14.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina Rising Force
Birth Of The Sun
(Powerline / 2002)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Pearcy, Stephen
Under My Skin
(Airline Records / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Magnus Karlsson’s Free Fall
Kingdom of Rock
(Frontiers Music / 2015)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Who, The
Quadrophenia
(Polydor / 1973)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading