(Nuclear Blast)Therion - Beloved Antichrist

Copertina
Immagine

Eccolo qui "il responsabile" di questa mastodontica operazione wagneriana posticipata per anni da Christofer Johnsson - e probabilmente dalla stessa Nuclear Blast. La prima cosa che fa pensare è come un libro così piccino (appena 60 pagine scritte belle grosse) abbia generato 3 ore abbondanti di musica e testi. Dopo aver letto il libro invece (e l'ho letto) un altro pensiero è andato al cast del nuovo album dei Therion: possibile che siano serviti 30 ruoli quando i protagonisti veri e propri dello scritto di Soloviev sono appena 5 (6 esagerando)? Il mistero si infittisce, ma andiamo con ordine...

"Il Racconto Dell'Anticristo" è - a detta dello stesso Johnsson - un'opera sì affascinante, ma non di certo un capolavoro immortale (il finale, tanto per dire, è scandaloso). Il protagonista è "un uomo di particolare prestigio [...], un superuomo" con un'autostima non indifferente che lo porta a convincersi di essere "il secondo [dopo Cristo], ma chi viene dopo in ordine di tempo apparirà primo". Non arrivano segnali tangibili a supportare la sua tesi fino a che - persa ogni speranza - nel tentativo di buttarsi da un burrone, viene salvato da "una figura che emanava una luce fosforescente e torbida". Dopo una piacevole chiacchierata al chiaro di luna, "la figura" si "impossessa" del protagonista che nel giro di poco tempo si ritrova a pubblicare la sua opera più prestigiosa e acclamata ("La Via Aperta Verso La Pace E La Prosperità Universali"). Avanti veloce: il superuomo diventa imperatore del mondo, risolve tutti i problemi economici e sociali e un mago di nome Apollonio - probabilmente mandato dalla "figura" - diventa suo consigliere. Il protagonista inciampa però nella questione religiosa (perché si è pure messo in testa di mettere d'accordo tutti i cristiani del mondo). Organizza un maxi-evento a Gerusalemme e - senza l'aiuto di Facebook - riesce a far arrivare oltre mezzo milione di pellegrini. Qui i tre capi delle rispettive chiese cristiane (il papa Pietro II per i cattolici, il monaco Giovanni per gli ortodossi e il teologo Ernst Pauli per i protestanti) capiscono che qualcosa non va e, smascherato l'Anticristo... il racconto finisce. Soloviev improvvisa un finale mal esposto in cui dopo mille peripezie in un gigantesco scontro finale trionfano i cristiani, ma è veramente una schifezza.

Tutto 'sto Bignami per cosa? Per presentare le (poche) novità introdotte da Johnsson: l'Anticristo ha una moglie, il monaco Giovanni viene sostituito da un'altra donna che è anche cognata del protagonista, e nella guerra finale muoiono tutti. Tié.

E finalmente eccoci qui a parlare di "Beloved Antichrist". Viene da sé che un triplo CD - che di metal ha molto poco - scoraggerebbe chiunque, ed è matematicamente impossibile tenere alto il livello di concentrazione di un ascoltatore per così tanto tempo senza nemmeno un minimo supporto visivo (ma non credo che sia un motivo sufficiente per non provarci, ndr). È altrettanto chiaro che un'opera di questo tipo, in un mondo ideale, potrebbe dare il suo massimo solo in un contesto teatrale, su di un palco bello spazioso con delle azioni tangibili a corredo di un libretto che dovrebbe essere consegnato nel foyer davanti alla biglietteria (i testi, purtroppo, non sono pervenuti col promo, ndr). Ma nonostante tutto questo, per me, il nuovo album dei Therion è una scommessa vinta, alla faccia di chi parlava a priori di un gigantesco buco nell'acqua.

Vi risparmio un track-by-track "duro e puro", ma vi assicuro che gli episodi buoni sono tanti e distanti anni luce dal disgraziato "Sitra Ahra". Semplificando credo di poter dire che nel primo atto dell'opera dominano i mid-tempo heavy e cadenzati ("Never Again", "Bring Her Home", "Our Destiny"), nel secondo la proposta si fa più diretta e incisiva ("The Arrival Of Apollonius", "Remaining Silent") e nel terzo Johnsson dà sfogo alle sue pulsioni più propriamente progressive ("Forgive Me", "Burning The Palace").

Personalmente suddividerei le 46 (!) tracce di "Beloved Antichrist" in 4 grandi macrocategorie, ovvero le tracce riuscite, le tracce non riuscite, le tracce che non ho ancora capito se sono riuscite o meno e le tracce più propriamente legate al passato della band. Riuscite mi sembrano l'enigmatica ouverture "Turn From Heaven", la sfaccettata "Morning Has Broken", l'introspettiva "Nothing But My Name", la burtoniana "Pledging Loyalty", la verdiana "Behold Antichrist", la progressiva "Astral Sophia", la nervosa "Rise To War", l'epicissima e zeppeliniana "Theme Of Antichrist", oltre alle sopraccitate "Forgive Me" e "Burning The Palace". Meno convincenti sono sicuramente brani come la zuccherosa "Garden Of Peace", la pseudo-eroica "The Lions Roar" o la goffa "Laudate Dominum". Se invece siete alla ricerca del caratteristico "Therion-sound" scorgerete echi di "Lemuria/Sirius B" in "Anthem" o "To Shine Forever", rivivrete le trame corali di "Secrets Of The Runes" con "Signs Are Here" o "Bringing The Gospel" e tornerete indietro di vent'anni ai tempi di "Theli" e "Vovin" con "To Where I Weep" e "Thy Will Be Done!". Alzo infine le mani sulle varie "The Palace Ball" (il riff dal sapore modern metal non l'ho capito), "Jewels From Afar" (Guns'N'Roses in salsa lirica/sinfonica), "Temple Of New Jerusalem" (un po' insipida) o "The Wasteland Of My Heart" (troppo "innocua" per le mie orecchie): fate vobis.

Pazienza per qualche inevitabile filler (perché secondo voi "Tristano E Isotta" è sbalorditivo dall'inizio alla fine? ndr) come "Where Will You Go", "Cursed Be The Fallen" - dai tratti priestiani - o le interlocutorie "Time Has Come..." o "Striking Darkness". Alla fine di queste 3 lunghissime ore c'è solo spazio per gli applausi.

Non posso prevedere come Johnsson e soci renderanno dal vivo questo lavoro ambizioso e titanico, ma non vedo l'ora di poterlo vedere con i miei occhi.

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Avatar Inserito il 07 febbraio 2018 alle 10:45

Applausi per la bellissima rece e per aver avuto il coraggio di affrontare questo mattone sonoro. Grande Gab \m/

Avatar Inserito il 07 febbraio 2018 alle 09:24

Bella recensione "acculturata", complimenti Gab Però a me i lavori così lunghi scoraggiano, la mia personale soglia di attenzione scema velocemente ... però un ascolto credo lo meritino davvero

Leggi la discussione completa

Genere: Heavy Metal
Anno di uscita: 2018
Durata: 183 min.
Tracklist:

  1. TURN FROM HEAVEN
  2. WHERE WILL YOU GO
  3. THROUGH DUST, THROUGH RAIN
  4. SIGNS ARE HERE
  5. NEVER AGAIN
  6. BRING HER HOME
  7. THE SOLID BLACK BEYOND
  8. THE CROWNING OF SPLENDOUR
  9. MORNING HAS BROKEN
  10. GARDEN OF PEACE
  11. OUR DESTINY
  12. ANTHEM
  13. THE PALACE BALL
  14. JEWELS FROM AFAR
  15. HAIL CAESAR!
  16. WHAT IS WRONG
  17. NOTHING BUT MY NAME
  18. THE ARRIVAL OF APOLLONIUS
  19. PLEDGING LOYALTY
  20. NIGHT REBORN
  21. DAGGER OF GOD
  22. TEMPLE OF NEW JERUSALEM
  23. THE LIONS ROAR
  24. BRINGING THE GOSPEL
  25. LAUDATE DOMINUM
  26. REMAINING SILENT
  27. BEHOLD ANTICHRIST
  28. CURSED BE THE FALLEN
  29. RESURRECTION
  30. TO WHERE I WEEP
  31. ASTRAL SOPHIA
  32. THY WILL BE DONE!
  33. SHOOT THEM DOWN!
  34. BENEATH THE STARRY SKIES
  35. FORGIVE ME
  36. THE WASTELAND OF MY HEART
  37. BURNING THE PALACE
  38. PRELUDE TO WAR
  39. DAY OF WRATH
  40. RISE TO WAR
  41. TIME HAS COME FINAL BATTLE
  42. MY VOYAGE CARRIES ON
  43. STRIKING DARKNESS
  44. SEEDS OF TIME
  45. TO SHINE FOREVER
  46. THEME OF ANTICHRIST

Line up:

  • Christofer Johnsson: guitars, keyboards, programming, Hammond organ, orchestral arrangements, lead vocals
  • Nalle "Grizzly" Påhlsson: bass guitar
  • Sami Karppinen: drums
  • Christian Vidal: guitar
  • Thomas Vikström: vocals
  • Chiara Malvestiti: vocals
  • Lori Lewis: vocals
  • Ulrika Skarby: vocals
  • Lydia Kjellberg: vocals
  • Melissa Verlak: vocals
  • Markus Jupiter: vocals
  • Linus Flogell: vocals
  • Erik Rosenius: vocals
  • Mikael Schmidberger: vocals
  • Kaj Hagstrand: vocals
  • Samuel Jarreck: vocals
  • Matilda Wahlund: vocals
  • Karin Fjellander: vocals
  • Linnea Vikström: vocals

Voto medio utenti: Nessun voto

8
Recensione a cura di
Gabriele Marangoni
In vendita su EMP
Copertina
14.99 € / CD
Copertina
17.99 € / CD (Digipak)
Copertina
15.99 € / CD
Copertina
25.99 € / DVD & 2-CD
Dello stesso genere
Copertina Avenged Sevenfold
Waking The Fallen: Resurrected
(Warner Bros / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Slough Feg
Ape Uprising!
(Cruz del Sur Music / 2009)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Persuader
The Fiction Maze
(Inner Wound Recordings / 2014)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Blitzkrieg
Buried Alive
(Neat Records / 1981)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading