(Easy Life)Arcane Roots - Melancholia Hymns

Copertina Duemilatredici, Roma, concerto dei Muse all'Olimpico. Una di quelle classiche situazioni in cui non si ha idea di chi sia il gruppo spalla e poi si rimane piacevolmente stupiti. Quattro anni fa gli Arcane Roots già erano una realtà valida, un ottimo gruppo live, di quelli che picchiano forte. Li ho colpevolmente lasciati scivolare via fino ad oggi, quando è arrivato "Melancholia Hymns". Per chi avrà la fortuna di dedicargli del tempo, questo lavoro saprà spiazzare, accompagnando l'ascoltatore in un saliscendi molto particolare, a cavallo tra la scena Australiana portata avanti dalle produzioni alternative di Forrester Savell (Karnivool, Dead Letter Circus, Butterfly Effect) e i larghissimi spazi atmosferici di band come gli Archive o i Muse stessi.

Si inzia sulle note sognanti e delicate di "Before Me", che lasciano poi spazio al ruvido Djent di "Matter", il cui finale interlocutorio ci trasporta verso Indigo, uno dei pezzi più belli del lavoro, caratterizzato da una parte elettronica raffinatissima che ricorda alcune strofe degli Skyharbor.

L'up tempo "Off The Floor" e l'epica "Curtains" ci portano verso la seconda parte del lavoro, dove "Solemn" riapre le danze in grande stile, confermando l'altissimo livello produttivo di Chris Coulter, che merita una menzione. "Arp" e "Fireflies" creano un mondo onirico dal quale è difficile sganciarsi. Dieci minuti di ipnosi sorretti da un songwriting di altissimo livello ed una maturità rara nella gestione degli arrangiamenti, in cui le tastiere di Growes la fanno da padrone.

Il potente drumming di Wrench spicca in "Everything", grandissimo pezzo d'impatto che ci proietta verso l'epica chiusura di uno splendido disco. "Half The World?" è un brano che racchiude tutta la grandezza di questi musicisti, che riescono a coniugare perfettamente un sound moderno e solido con un approccio semplice e fresco, il che rende "Melancholia Hymns" di facilissimo ascolto, pur essendo un album profondo e sfaccettato.

Se vi piace l'alternative non potete lasciarvi scappare questa perla. Alcuni passaggi vi coglieranno di sorpresa e, se avrete la fortuna di ascoltarli al momento giusto, vi emozioneranno. Io li ho persi di vista per 4 anni ed è stato un grande errore, non commettetelo anche voi.

A cura dfi Antonello Rabuffi

Modifica album


Ultime opinioni dei lettori

Non è ancora stata scritta un'opinione per quest'album! Vuoi essere il primo?

Aggiungi la tua opinione

Ultimi commenti dei lettori

Non è ancora stato scritto nessun commento per quest'album! Vuoi essere il primo?

Genere: Alternative / Djent / Post Rock
Anno di uscita: 2017
Durata: 55 min.
Tracklist:

  1. BEFORE ME
  2. MATTER
  3. INDIGO
  4. OFF THE FLOOR
  5. CURTAINS
  6. SOLEMN
  7. ARP
  8. FIREFLIES
  9. EVERYTHING (ALL AT ONCE)
  10. HALF THE WORLD

Line up:

  • Andrew Groves: vocals, guitars
  • Adam Burton: bass
  • Daryl Atkins: drums

Voto medio utenti: Nessun voto

9
Recensione a cura di
Ghost Writer
In vendita su EMP
Copertina
16.99 € / 2-CD
Copertina
21.99 € / LP
Copertina
12.99 € / CD
Copertina
18.99 € / CD (Digipak)
Dello stesso genere
Copertina Lena’s Baedream
Memo - Love chronicles
(ZetaFactory / 2010)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Coreya Demo
La Testa Nella Sabbia
(2005)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Tre Allegri Ragazzi Morti
Il Sogno Del Gorilla Bianco
(La Tempesta / 2004)
Nessun voto
0 opinioni
Copertina Jumping Shoes
Limbo Like a Bubble
(New LM Records / 2008)
Nessun voto
0 opinioni
Queste informazioni possono essere state inserite da utenti in maniera non controllata. Lo staff di Metal.it non si assume alcuna responsabilità riguardante la loro validità o correttezza.
Facebook Facebook YouTube YouTube Twitter Twitter
Aggiungi notizia Segnala notizia Aggiungi concerto Segnala concerto
Loading